Noi, gente di galera, «diversamente liberi»

«La prigione è un baratro di miserie, bisogni, solitudini. O ti iscrivi all’università del crimine o trasformi la detenzione in opportunità di cambiamento». Lettere dalla “fraternità” del carcere di Busto Arsizio

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •