I “diritti” di fine vita

Come l’accanimento terapeutico non può essere considerato moralmente accettabile, anche l’abbandono terapeutico è altrettanto immorale e antigiuridico