Più solide, più capaci di investire, meno spericolate. Le aziende fanno ben sperare per la ripresa

Aumenta la richiesta di finanziamenti da parte di una nuova classe di imprenditori, spesso formata dalle seconde generazioni, che è in fermento

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In questi primi mesi dell’anno le richieste di finanziamento delle nostre aziende sono in crescita, soprattutto grazie agli investimenti 4.0 mentre il flusso di nuovi crediti deteriorati è in fase di diminuzione. Dal confronto continuo con gli imprenditori la sensazione è senz’altro positiva.

C’è una nuova classe di imprenditori, spesso formata dalle seconde generazioni, che per esempio conosce il valore della trasparenza e della comunicazione con i finanziatori. Peraltro le zone d’ombra delle aziende senza pianificazione e controllo sono sempre meno, come richiesto da un mercato dei capitali anch’esso in evoluzione. C’è insomma fervore, non solo dal lato degli investimenti; le nostre Pmi nell’ultimo triennio hanno fatto registrare un tasso di crescita media annua del 5,75 per cento: la densità del tessuto imprenditoriale, la qualità dei servizi sul territorio, l’efficienza logistica sono dei prerequisiti per operare in maniera sempre più integrata con fornitori e clienti e sotto tutti questi profili il nostro territorio offre dei vantaggi oggettivi.

C’è inoltre fermento su progetti di apertura del capitale, di quotazione di borsa, di rafforzamento manageriale; e i consorzi di garanzia crediti costituiscono uno strumento importante per permettere il finanziamento alle piccole e medie imprese. Mentre sul fronte caldo della capitalizzazione le nostre Pmi riescono a mantenere un discreto equilibrio tra mezzi propri e debito e migliore delle “cugine” medio-grandi (large corporate). Incoraggiante poi il dato medio degli investimenti in ricerca e sviluppo che vede moltiplicata la percentuale dei ricavi impiegata per innovare.

La gestione del capitale circolante si è fatta più oculata, le imprese rinunciano sempre più a vendere a clienti rischiosi o con pagamenti eccessivamente lunghi. Ancora una volta si conferma il trend che vede le più forti le imprese sopravvissute alla crisi con profili più robusti: secondo l’indice che sintetizza la probabilità di default delle imprese, il nostro tessuto produttivo risulta più solido rispetto all’anno precedente, con una quota di imprese in area di sicurezza e di solvibilità pari al 61,2 per cento risotto al precedente 59,8.

Gli obiettivi che le aziende si pongono sono senz’altro sfidanti ma raggiungibili grazie anche al rinnovato slancio dell’economia globale, attraverso l’ottima perfomance dell’export (confermata dagli ordini) e degli investimenti (saliti i giudizi sulle commesse interne e le attese dei produttori di beni strumentali). Il buon avvio nel nuovo anno controbilancia il minor trascinamento dal 2017, dovuto alla dinamica sotto le attese della produzione industriale nel 4° trimestre.

Restano positive anche le prospettive per l’occupazione, stando alle intenzioni delle imprese. Vi è anche più spazio per altre fonti di credito. Negli ultimi 12 mesi sul totale dello stock il peso degli strumenti alternativi è arrivato a quasi il 9%. Le formule alternative come factoring e leasing crescono grazie alla loro natura asset-based, oltre che spinte della politiche espansive delle imprese che stanno accelerando gli investimenti grazie alla nuova Sabatini e al piano Indutsria 4.0.

Un ulteriore stimolo ad effettuare investimenti per le nostre Pmi deriva dalla concorrenza di mercato che spinge verso il basso i prezzi; e l’obiettivo della banca è ora quello di accompagnare il cliente in percorsi di crescita sia interna che esterna mediante gli strumenti quali la quotazione in borsa e, in generale, con un accesso al mercato dei capitali anche diverso da quello tradizionale. Il punto di partenza è sempre il credito; poi su quello si costruisce il resto: prossimità territoriale, livello del servizio, semplificazione dei processi, celerità di decisione, sostanzialmente le stesse cose che sono richieste alle aziende per essere competitive sui loro mercati.

Vi sono inoltre imprese che già oggi, nei settori trainanti come meccatronica o meccanica di precisione, hanno difficoltà a far fronte alla domanda. L’Italia ha una potenzialità di crescita non ancora realizzata sensibile, sempre che non si verifichino sconquassi geopolitici o una grave instabilità politica. Ma il mercato quota la probabilità di tale rischio come contenuta.

Per quanto riguarda nello specifico le imprese “large corporate”, il 2018 dovrebbe essere un altro anno positivo per le quotazioni: gli stimoli per convincere le imprese a quotarsi sono diversi: per esempio le Spac sono uno strumento rapido di quotazione e per di più di minoranza che così evita all’imprenditore di perdere il controllo. Chi vuole avere una struttura finanziaria equilibrata deve avere anche funding a medio-lungo termine. Le aziende più smart lo hanno capito e stanno sfruttando la curva dei tassi e spread bassi per finanziarsi.

Foto economia da Shutterstock

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •