Paolo Sorrentino torna in Italia, con l’Oscar in valigia

L’Oscar è in valigia, avvolto nel cellophane. Il regista dice di non essersi ancora bene reso conto

Paolo Sorrentino è appena tornato in Italia, sbarcato all’Aeroporto di Fiumicino, che già è assediato dai giornalisti. “Sono stanco ma felicissimo di tornare a casa” ha detto il regista, contento ma stravolto. È arrivato con un volo Alitalia delle 7 del mattino, come un viaggiatore qualsiasi, con l’Oscar in valigia ancora avvolto nel cellophane. I fotografi speravano di immortalarlo già con l’Oscar in mano all’area arrivi, ma Sorrentino ha scherzato: “La statuetta sta sepolta ed incellofanata in valigia: dai, poi la mettete con Photoshop!”

GRANDE FESTA. Dopo aver ritirato i bagagli, si è infilato in un auto con i vetri scuri, diretto alla sua abitazione. Ha salutato tutti ridendo e dicendo: “Ciao ragazzi e grazie, mi avete fatto sentire come Belen”. Insieme a lui la moglie Daniela, che gli era accanto alla notte degli Oscar, e i figli Anna e Carlo. “Sono molto felice. Sono stanco ma contento di tornare a casa. È tutto qualcosa di molto nuovo e vediamo ora cosa succederà, non sono ancora in grado di mettere a fuoco bene, ma sono veramente felice. Tutte le attestazioni, e sono così tante, ricevute in questi giorni mi hanno fatto piacere, non ce n’è una in particolare che spicca sulle altre”, ha concluso. Dicendo che non ha in mente ancora bene come festeggiare, probabilmente tutto il cast si troverà a far festa a casa di Carlo Verdone.