Niente morale, bellezza

Squilla la tromba (diario dal fronte) di Gen. A. Vi. (nome in codice “Mamma Oca”)

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

17 giugno 1999. Da oggi la truppa, dopo aver attraversato la Corsica, aver percorso 400 chilometri di curve su montagne che ti precipitano direttamente in un mare azzurro, aver assistito al tramonto sulle calanche rosa di Porto, aver lasciato le bianche scogliere di Bonifacio che si stagliano fra cielo e mare blu a bordo della nave della Balena*, sbarca in Sardegna per le esercitazioni estive.

23 giugno 1999. Ore 9:10. Stintino – spiaggia della Pelosa. Tre giorni di maestrale fanno di oggi una giornata tersa, il mare è piatto, cristallino, stupefecentemente, perdutamente e sfacciatamente turchese. È bello, Bello.

Deduzioni strategiche. Vicino al cartello dei tour di lavoro per la truppa, appendere queste frasi:
– “poter godere di tutto questo non solo è un piacere, ma anche un privilegio”;
– “le meraviglie del Creato, ci parlano della grandezza del Creatore”.

* Siamo solidali con tutte quelle compagnie di mare e di cielo che cercano di abbattere il monopolio dei trasporti per la Sardegna.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •