Google+

Lavoro. Gi Group festeggia i suoi primi vent’anni segnando quota 2 miliardi di fatturato

febbraio 16, 2018 Redazione

La prima multinazionale italiana del lavoro, fondata e guidata da Stefano Colli-Lanzi, chiude il 2017 con i migliori risultati della sua storia

20 anni appena compiuti; l’11 febbraio del 1998 veniva, infatti, rilasciata l’autorizzazione provvisoria all’esercizio dell’attività di fornitura di lavoro temporaneo dal ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale e Gi Group, la prima multinazionale italiana del lavoro condivide, oggi, i numeri principali della sua storia recente e le tappe più significative guardando al futuro.

Prima di tutto, la chiusura 2017 con il bilancio che registra quota 2 miliardi di euro di fatturato a livello mondo, in crescita del 20 per cento rispetto al 2016, ed un EBITDA di 60 milioni di euro. Risultati raggiunti grazie a oltre 3.300 dipendenti di struttura e 500 filiali che hanno consentito di supportare 20.000 aziende e oltre 100.000 lavoratori FTE (Full Time Equivalent); a fine 2017, inoltre, l’ingresso nel programma Elite di Borsa Italiana, iniziativa del London Stock Exchange Group in collaborazione con Confindustria per supportare le imprese nella realizzazione dei loro progetti di crescita.

Scorporando il fatturato per Paese, il 57 per cento del giro d’affari di Gi Group è stato sviluppato dall’Italia, il 43 per cento dagli altri Paesi.

«Nel corso degli anni ci siamo evoluti da operatore locale e generalista sul lavoro temporaneo, a provider globale con una gamma diversificata di soluzioni HR. Oggi la nostra offerta può contare su un grado di specializzazione e differenziazione elevato, non fine a sé stesso, ma che ha come obiettivo quello di rispondere ai bisogni sempre più complessi di aziende e persone e, conseguentemente, di creare valore», commenta Stefano Colli-Lanzi, CEO di Gi Group. «Per i prossimi anni il Gruppo intende proseguire su questa traiettoria di crescita. Dal punto di vista dell’offerta punteremo sempre di più sulla verticalizzazione e sulla diversificazione delle soluzioni. Non escludiamo inoltre, già a partire da quest’anno, di valutare acquisizioni in Paesi strategici, con l’obiettivo di completare la nostra presenza nel mondo, così come non escludiamo un’apertura progressiva di capitale con strumenti di diversa natura, tra cui la quotazione in Borsa; da questo punto di vista l’entrata nel programma Elite di Borsa Italiana è un indicatore preciso di questo interesse».

Nata nel 1998 come Générale Industrielle, cresce rapidamente fino ad acquisire nel 2004 WorkNet, agenzia per il lavoro dell’allora Gruppo FIAT divenendo così il primo operatore italiano sul mercato; nel 2005 entra nel mercato della ricollocazione professionale acquisendo DBM Italia, oggi INTOO, nel 2007 in quello della consulenza con OD&M Consulting e inizia anche il processo di internazionalizzazione da Germania e Polonia. Nel 2008 Générale Industrielle e WorkNet danno vita a Gi Group che, dopo aver aperto in Cina, India e Brasile, dal 2009 si consolida all’estero con Regno Unito, Argentina ed Europa dell’Est ed entra a fare parte di WEC (la confederazione internazionale delle agenzie per il lavoro, allora CIETT). Dopo l’ingresso in Asset Management, nel 2013 avvia le practice internazionali di HR Consulting con OD&M e di search&selection con il brand Wyser; negli anni a seguire cresce ancora in Turchia, Portogallo, Olanda, Slovacchia e nel 2016, in particolare, si rafforza sui servizi acquisendo Tack e TMI, società di formazione e consulenza, rispettivamente con sede in UK e Danimarca e presenza globale grazie a una rete internazionale di partner.

A livello Italia, invece, in linea con la strategia di differenziazione e diversificazione delle soluzioni intrapresa, dal 2015 Gi Group avvia lo sviluppo di divisioni specializzate e dopo QiBit, dedicata all’Information technology nel 2016 nasce Enginium, divisione dedicata ai profili ingegneristici e tecnici.

Nello stesso anno rilancia la società specializzata in executive search, EXS.

Foto Gi Group da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.

C’è un dato curioso che riguarda la popolazione italiana a due e quattro zampe. Sembra che negli ultimi cinque anni, il numero di bipedi che si accompagna a un quadrupede sia cresciuta del 15%… Se da un punto di vista socio-psicologico, questo dato fotografa una voglia di affetto (spesso anche la scelta di darne e […]

L'articolo Prova Nissan X-Trail Trainer: “Hulk approved” proviene da RED Live.