Google+

Hollywood si arrende alla matematica, il successo è una questione di numeri

maggio 8, 2013 Paola D'Antuono

Attraverso alcuni algoritmi Vincent Bruzzese decreta il successo o il flop di uno script. Per la gioia dei produttori e per l’ira degli sceneggiatori

Nel film di Bennett Miller, L’arte di vincere, Brad Pitt è il manager della squadra di baseball degli Oakland Athletics che non ha né soldi né campioni. Ma l’arrivo di un geniale studente di economia risolleva la situazione a colpi di statistiche. Questa è in sintesi la storia vera di una squadra squattrinata che, grazie a una serie di incroci di numeri e giocatori, è riuscita a uscire dal baratro in cui era finita.

IL GRANDE OZ. Perché la razionalità dei numeri a volte può essere risolutiva. N’è convinto anche Vincent Bruzzese, ex docente di statistica a New York, che sostiene di essere in grado di stabilire, attraverso una formula da lui stesso brevettata, se un film avrà successo o no. Ad Hollywood sembrano credere nei metodi di questo quarantenne italoamericano che vanta tra gli script processati di recente Il grande e potente Oz, il cui successo enorme al botteghino è stato attribuito in larga misura agli studi del team del professore.

SCIENZIATO PAZZO. Ventimila dollari è il costo di una consulenza di mister Bruzzese e del team della sua società Worldwide Motion Picture Group («i nostri clienti sono i film»), che esamina le sceneggiature che proposte e scarta quelle che non corrispondono agli standard dei suoi algoritmi: «So che scrivere è un’arte e la rispetto profondamente. Ma tutti gli sceneggiatori pensano che la loro creatura sia bella, mentre io sono qui per dire: qualche bambino è brutto». Per avere successo al cinema, quindi, bisogna per esempio eliminare le scene di bowling, controllare il linguaggio ed esaminare i gusti degli spettatori o individuare per ogni target preciso una diversa tipologia di creature diaboliche. Naturalmente tutta questa razionalizzazione non piace affatto ai registi e agli sceneggiatori di Hollywood, che sono già sul piede di guerra e hanno ribattezzato Bruzzese “lo scienziato pazzo”. Ma lui non si scompone e continua a lavorare per individuare il prossimo blockbuster, in attesa che si aprano anche le porte di Broadway e della tv seriale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. leo aletti says:

    All’algorimto preferisco l’integrale perchè non scarta nulla.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Comfort, connettività, sicurezza e design al servizio delle aziende

L'articolo Renault presenta la gamma Business proviene da RED Live.

Pronta al debutto al prossimo Salone di Parigi, la wagon del Leone getta il guanto di sfida alle rivali premium. Con un sacco di argomenti, a cominciare dal design

L'articolo Nuova Peugeot 508 SW, cambio di rotta proviene da RED Live.

Sostituisce la Serie 6 e diventa la M più potente mai prodotta. Trazione integrale, quattro ruote sterzanti, eleganza e opulenza. Per andare veloci in qualunque condizione

L'articolo BMW Serie 8 Coupé, a volte ritornano proviene da RED Live.

In programma dal 20 al 22 luglio al Misano World Circuit, il WDW (World Ducati Week) di quest’anno si preannuncia rovente: i piloti Ducati si sfideranno in sella alla Panigale V4 S.

L'articolo The Race of Champions: la sfida tra campioni al WDW 2018 proviene da RED Live.

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.