Hollande fa gli auguri ai musulmani per il Ramadan e si dimentica della Pasqua dei cristiani

Il presidente della Francia non fa gli auguri ai cristiani per Pasqua. Si era dimenticato anche del Natale.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Francois Hollande secondo i sondaggi è il presidente della Repubblica più impopolare della storia francese. Il calo nei consensi non è dovuto solo alla crisi economica, all’aumento della disoccupazione e alle scelte controverse come quelle fatte sul matrimonio e l’adozione gay. Il presidente socialista si è dimostrato carente anche da punti di vista più istituzionali.

AUGURI PER IL RAMADAN. Ha fatto scalpore il silenzio dell’inquilino dell’Eliseo per Pasqua: non una parola, non un augurio ai tanti cristiani, che in Francia costituiscono oltre il 60 per cento della popolazione. L’atteggiamento di Hollande ha suscitato polemiche visto che lo scorso agosto si era rivolto così alla comunità musulmana: «In occasione dell’Eid el Fitr, che consacra la fine del mese di Ramadan, indirizzo tutti i miei auguri di felicità, di salute e di successo ai musulmani di Francia».

AUGURI PER IL CALENDARIO LUNARE. Non è un caso unico, Hollande ha anche fatto uscire quest’altro comunicato a febbraio: «Per celebrare il nuovo anno del calendario lunare, il presidente della Repubblica, Francois Hollande, ha ricevuto all’Eliseo, lunedì 18 febbraio, dei membri delle comunità asiatiche di Francia. Si è intrattenuto con rappresentanti associativi e ha espresso a tutti gli auguri di successo all’interno della nostra Repubblica».

SILENZIO SU NATALE E PASQUA. I cinesi sì, i musulmani sì e i cristiani no. Perché, si chiedono in molti? Probabilmente Hollande si è semplicemente dimenticato della Pasqua. Possibile, ma bisogna ricordare che lo scorso dicembre si è anche dimenticato del Natale.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •