Giustizia al tappeto

Taz&Bao

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Signor direttore – Teniamoci forte. “Nell’aprile 1998 consegnai agli ispettori del ministero di Grazia e giustizia bobine con le registrazioni di colloqui che provavano ciò che dico”. “In quei nastri ci sono nomi di magistrati che delinquono, aggiustano processi e pilotano indagini in questo e in altri distretti”. “Per due anni non succede nulla”. “Venerdì 17 marzo 2000 sono stato ascoltato dal Consiglio superiore della magitratura. Agghiacciante: nella trascrizione delle bobnine hanno cancellato l’appartenenza delle varie voci, storpiato tutti i nomi dei magistrati. L’ho detto. Il Csm ha rinviato tutto al 20 maggio”. “C’è un’associazione e delinquere che copre i delinquenti e c’è un’attività di inquinamento in corso”. “Io non parlo di disfunzioni, parlo di magistrati che delinquono. Sono tanti magistrati in servizio. Rivestono ruoli importanti. In procura e nella giudicante. A Messina e non solo. Pure in uffici superiori”. Queste frasi tra virgolette comparivano, ieri, in un’intervista all’ex magistrato ed ex viceministro Angelo Giorgianni che il Corriere della Sera, il Corriere, non la Gazzetta di Roccacannuccia, ha evidentemente ritenuto di procurarsi e poi suo stretto dovere di pubblicare. L’ho letta e riletta, mi sono dato un pizzicotto, ero sveglio ed era stampata. Ho verificato che effettivamente il Csm ha rinviato al 20 maggio. Allora delle tre l’una: o il Csm tratta la questione per la gravità estrema che ha, si rimangia il rinvio e affronta il caso domattina; o viene sciolto dopo tre squilli di tromba e a passo di carica; oppure, insieme al ministero, all’ex ministro Giovanni Maria Flick e a molti altri, subissa Giorgianni e il Corriere della Sera con tante di quelle querele e con richieste di risarcimento tanto ipermiliardarie da rischiare di far chiudere l’uno e l’altro. Oppure, quarta ipotesi, non succede niente, mi sono pizzicato in sogno e il caso Roma-Messina (non Messina e basta) finisce su un colonnino di 24 righe a pagina 31, come già ieri sulla perspicace Repubblica.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •