Farina condannato a 2 anni e 8 mesi. «Sono sconvolto»

Questa mattina il giudice del tribunale di Milano Elisabetta Meyer ha condannato il deputato Pdl Renato Farina a due anni e otto mesi di reclusione, senza la sospensione condizionale della pena per “falso in atto pubblico”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questa mattina il giudice del tribunale di Milano Elisabetta Meyer ha condannato il deputato Pdl Renato Farina a due anni e otto mesi di reclusione, senza la sospensione condizionale della pena, recependo appieno la tesi dell’accusa di “falso in atto pubblico”. Al ventenne il giudice oggi ha inflitto  2 anni di pena (sospesa) per lo stesso reato contestato a Farina.

Il 17 di febbraio Farina era entrato a Opera per visitare il detenuto Lele Mora. Deputati e Senatori della Repubblica sono infatti autorizzati a questo genere di visite che svolgono nell’esercizio delle loro prerogative parlamentari. Sono altresì autorizzati ad entrare nelle carceri anche accompagnati da loro collaboratori.

Nel caso in questione, Farina era stato accompagnato in visita al detenuto Mora da un ventenne non implicato nelle inchieste riguardanti il detenuto Mora, ma pur sempre non figurante tra i collaboratori ufficiali dello stesso deputato. Denunciato a piede libero, questa mattina Farina è stato sentenziato colpevole in prima istanza per “falso” e condannato a quasi tre anni di carcere senza la condizionale. Si tratta di una condanna durissima, pressoché unica nel suo genere e che Farina definisce a tempi.it “sconvolgente” e di «incredibile accanimento nei miei riguardi».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •