Google+

È meglio essere liberi e non stopper

ottobre 14, 2017 Weltroni Valter

Viaggio, perché è così che l’uomo si è fatto progressivamente una coscienza della natura del pianeta, dei confini tra terra e mare. Cartografia ed esplorazioni sono sempre state due dimensioni correlate.

Planisfero 39

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Viviamo in un tempo di arcigni stopper, votati a impedire il gioco dell’avversario, magari usando il gomito alto o il tackle più ruvido. Da ragazzo mi piaceva enormemente il ruolo del “libero”. Mi piaceva già dal nome, che mi sembrava evocativo della leggerezza, del volo. E poi Picchi, Scirea… Si preoccupavano di assistere i compagni eventualmente superati da un guizzante avversario e poi di impostare il gioco e, alla bisogna, di raggiungere l’area altrui e segnare. Rapido apologo sul calcio dei tempi di Rocco ed Herrera perché non appaia singolare l’elogio di una iniziativa editoriale de Il Giornale.

Doppia premessa. Primo: a me interessano più le idee degli altri che quelle di chi la pensa come me. Secondo: considero sbagliato che ci si consideri portatori dell’unica verità possibile e si neghi ad altre il diritto di cittadinanza o il rispetto dovuto. Il Giornale ha messo in campo una delle più belle e colte iniziative editoriali degli ultimi tempi: la pubblicazione di antiche mappe, di carte geografiche figlie della cultura del proprio tempo. Si chiama “Viaggio nel tempo” e non poteva esserci titolo migliore. Viaggio, perché è così che l’uomo si è fatto progressivamente una coscienza della natura del pianeta, dei confini tra terra e mare. Cartografia ed esplorazioni sono sempre state due dimensioni correlate. La seconda parola: tempo, è quella che spiega l’evoluzione dell’idea di mondo. Esistono carte geografiche antiche che ne descrivono uno irreale, figlio di leggende e non di scoperte. Oggi basta uno scatto da un satellite per conoscere come è fatta la terra. Ieri bisognava armare una nave, costituire un equipaggio, sfidare il vento e le onde, dotarsi di carta e penna e disegnare confini e insenature, arcipelaghi e isole. L’iniziativa de Il Giornale ci fa tornare a comprendere quanto sia importante per l’uomo viaggiare alla ricerca di quello che non conosce, piuttosto che fortificare il porto in cui si è arrivati. Insomma quanto sia meglio essere liberi, piuttosto che stopper.

Foto Shutterstick

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.