Google+

Dopo le elezioni. Una vita che continua

marzo 15, 2018 Esserci - Mcl

C’è estraneità tra quello che è successo e chi fin qui ha comandato. Contro questo clima noi non abbiamo abbandonato il nostro patrimonio di valori, opere e intermediazione sociale

Le previsioni dei sondaggi si sono realizzate in modo quasi ineluttabile. Le cosiddette élite, gli intellettuali e politici che vanno per la maggiore hanno scritto e parlato contro i cosiddetti populisti. E i populisti, come previsto, hanno vinto: fenomeno analogo a quello di Trump in America. La realtà è che la gente è stufa e si è ribellata. Temi che stanno a cuore non sono affrontati: il lavoro innanzitutto e poi difesa della famiglia e denatalità, il dramma sociale del Sud, controllo dell’immigrazione, sostegno all’impresa, libertà di educazione, giustizia giusta, salvaguardia della tradizione. Adesso c’è alluvione di commenti e preoccupazione altissima a riguardo delle possibilità di governo e delle capacità di questo. C’è più che distanza, c’è estraneità tra quello che è successo e chi fin qui ha comandato, creduto di capire e spiegato: disaffezione alla politica, si dice, ma anche alle prediche dei maestri del pensiero e dei loro imitatori. Mai, a ragione e a torto, gli esperti e i professionisti sembrano essere stati così inutili.

Contro questo clima noi non abbiamo abbandonato il nostro patrimonio di valori, opere e intermediazione sociale, come bussola per un giudizio chiaro di preferenza e appoggio alla coalizione di centrodestra, alla sua maggiore disponibilità verso una visione popolare, meno statalista e più attenta a una concezione della persona, della società che rispetti la nostra storia e cultura cristiana e di quei corpi intermedi che ne sono il prezioso patrimonio.

Il risultato – in elezioni che hanno visto una buona partecipazione – ha, in effetti, premiato proprio il centrodestra, soprattutto nel nord Italia, con un’affermazione, al suo interno, della Lega rispetto alle altre componenti. Si è trattato di un esito importante e significativo, soprattutto perché ha impedito l’affermazione come prima forza del confuso M5S. Ha contribuito poi alla sconfitta del centrosinistra e delle sue politiche, per noi inaccettabili, sulla concezione dell’uomo e della società, così come dei suoi proclami altisonanti seguiti poi da pessime azioni. Salutiamo inoltre con favore l’ampia affermazione del centrodestra nelle elezioni regionali lombarde, che ha premiato la tradizione di buon governo “sussidiario” delle giunte precedenti a cominciare dal 1995.

Certo non sono tutte rose e fiori, ma noi non ci aspettiamo che i politici facciano quello che diciamo noi; ci aspettiamo che lo rispettino e, se non vogliono appoggiarci, almeno ci lascino fare, valorizzando iniziative e attività nei diversi ambiti e specialmente nel terzo settore. Il quadro che si profila mostra molte incertezze e c’è da augurarsi che si possa trovare – in una situazione complessa per il tripolarismo che si è creato – una formula istituzionale capace di dar vita ad un governo attento alle istanze popolari e valorizzatore delle specificità locali. Dal voto esce infatti un’Italia molto divisa fra nord e sud, cosa che non può essere ignorata a cominciare dalla grande emergenza del lavoro. Soprattutto non ci si sottragga alla dimensione europea e anzi la si riaffermi secondo la visione popolare, solidale e sussidiaria.

Siamo ben coscienti che la risposta a tutti i problemi non può venire dalla politica, ma che essa abbia comunque un ruolo e una dignità importante come moltiplicatore – oppure come ostacolo – delle energie positive presenti nella società. Che queste si esprimano e crescano è la novità più necessaria, in cui pensiamo possano avere un ruolo importante anche le realtà cattoliche e popolari, auspicabilmente coese e politicamente incidenti.

Non vogliamo far mancare il nostro contributo fattivo e propulsivo, in stretto contatto con gli amici e tutti coloro che più direttamente si sono implicati in queste elezioni, sia a livello nazionale sia a livello regionale, ribadendo come elemento essenziale di una buona politica il primato della società sullo Stato.

Associazione ESSERCI
Movimento Cristiano Lavoratori-MCL

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Trionfare alla Pikes Peak e riportare i riflettori sulla I.D. family, la gamma dei prototipi elettrici che ultimamente tiene banco nello stand Volkswagen durante i tutti principali Saloni. Sono queste le due missioni affidate alla strabiliante supercar I.D. R Pikes Peak, svelata nei giorni scorsi ad Alès, in Francia, città natale del leggendario Jacky Ickx. […]

L'articolo Volkswagen I.D. R Pikes Peak, un fulmine sulla vetta proviene da RED Live.

Non è usuale per Kawasaki variare sul tema a così poca distanza dal lancio di un nuovo modello, ma nel caso della Z900RS ha fatto uno strappo alla regola. La “colpa” è di Norikazu Matsumura – il designer che ha concepito la modern classic di casa Kawa -, che complice anche una certa insistenza della […]

L'articolo Prova Kawasaki Z900RS Cafe proviene da RED Live.

È l'outfit scelto dal campione Fabian Cancellara. Composto da maglia e salopette corta+ è disponibile a partire da 89,95 euro

L'articolo Gore C5 Optiline proviene da RED Live.

Costruito in Cina, non è solo mastodontico e pressoché indistruttibile, ma anche costosissimo. La meccanica è quella di un pick-up Ford mentre l'obiettivo è quello di conquistare i facoltosi petrolieri arabi o i magnati russi e cinesi

L'articolo Karlmann King <br> il SUV indistruttibile più caro del mondo proviene da RED Live.

Anlas, azienda di pneumatici turca nata nel 1974, presenta le sue prime gomme dedicate all’enduro estremo. Si chiamano Anlas Capra Extreme e rispettano il regolamento FIM.

L'articolo Anlas Capra Extreme, per correre in enduro proviene da RED Live.