Disabile fuori da un concerto, locale rischia chiusura

Una multa da 516 euro e una chiusura forzata di 30 giorni per il locale che ha impedito di entrare a una ragazza disabile

Una multa da 516 euro e 30 giorni di chiusura, per aver impedito a una ragazza disabile di avere accesso ai locali dove si teneva un concerto. L’istanza è stata fatta dalla Ledha (lega per i diritti degli handicappati) nei confronti dei Magazzini Generali, locale noto di Milano, ed è stata stabilita anche una sanzione e una chiusura temporanea del locale.

ACCESSO VIETATO. La ragazza, di Bergamo, si era informata prima sulla possibilità di avere accesso alla struttura, nonostante la sua disabilità e aveva avuto risposte positive dalla società che organizzava l’evento. Ma una volta giunta sul posto, con il proprio biglietto acquistato regolarmente, non è riuscita ad accedere con la carrozzina al piano rialzato, a causa dei gradini. L’aiuto al personale del posto le è stato negato, e così si è rivolta alle autorità. Il Servizio legale di Ledha ha presentato un’istanza al Comune per chiedere la chiusura temporanea dei Magazzini Generali in base a quanto previsto dalla legge 104 del 1992. Ha detto l’avvocato Gaetano De Luca: “Si tratta di un provvedimento molto importante perché ribadisce come oggi le persone con disabilità sono titolari di un diritto pieno ed esigibile a partecipare a qualsiasi evento culturale alla pari degli altri. Qualsiasi impedimento o limitazione a questo loro diritto costituisce una condotta discriminatoria sanzionata dalla legge con la chiusura del locale e con la possibilità di chiedere il risarcimento dei danni subiti”.