Costalli: «Passo in avanti sulla famiglia, ma ancora insufficiente»

Il presidente di Mcl: «L’istituzione del “fondo unico” può essere una novità importante ma la dotazione finanziaria è ancora insufficiente»

“Dopo tante battaglie in nome della difesa della famiglia, portate avanti soprattutto dal Forum delle Famiglie, finalmente con la manovra di bilancio si apre uno spiraglio, che per ora riguarda in particolare gli asili nido. E’ uno spiraglio che apre alla speranza di una nuova consapevolezza che si va affacciando nel nostro Paese in merito all’importanza della famiglia nel tessuto sociale italiano, e dei gravi problemi che devono affrontare tutte le famiglie, e soprattutto quelle con figli. Questioni importanti per il nostro futuro, questioni strettamente connesse con il tema della denatalità che rischia di condizionare pesantemente le politiche economiche e sociali a venire. Questioni di fronte alle quali lo spiraglio che intravediamo è ancora del tutto insufficiente: uno spiraglio che il Parlamento ha il compito di allargare”: è quanto ha affermato il Presidente del Movimento Cristiano Lavoratori (MCL), Carlo Costalli, commentando le anticipazioni relative alla legge di bilancio all’esame del legislatore.

“L’istituzione del ‘fondo unico per la famiglia’ può essere una novità importante – ha continuato Costalli – anche se per adesso la dotazione finanziaria è ancora insufficiente, e la sua applicazione dilazionata negli anni è ancora di vaga attuazione”.

Secondo il leader del MCL “E’ indispensabile a questo punto fare un ulteriore passo avanti e procedere speditamente lungo la strada intrapresa: il cammino per l’approvazione della manovra è appena iniziato. Noi vigileremo attivamente affinché il Parlamento anticipi i tempi e aumenti le misure previste in favore delle famiglie, soprattutto le misure comprese nel capitolo natalità, facendo attenzione ad evitare incomprensibili incongruenze, come la penalizzazione delle famiglie numerose “, ha concluso Costalli.

Foto Ansa