Giorni decisivi per Jovetic alla Juve, ma occhio al Chelsea di Mourinho. E alle offerte per Marchisio

Domani l’incontro tra i viola e l’agente del calciatore. Poi il summit tra le due dirigenze, con l’obbiettivo di dare a Conte il montenegrino entro metà giugno. E il Monaco offre 25 mln per il Principino.

Prima l’incontro con l’agente del giocatore, poi quello con la dirigenza bianconera. In casa Fiorentina il calendario per la cessione di Stevan Jovetic è stato ormai fissato, e inizierà domani quando Pradé e Macia si vedranno con Fali Ramadani, procuratore del montenegrino che svolge ormai il ruolo di intermediario per la dirigenza bianconera. 30 milioni il prezzo fissato dai viola, ma si potrebbe tranquillamente arrivare ad un accordo a 18 + Luca Marrone, apprezzato tantissimo da Vincenzo Montella.

Nel frattempo ieri Alberto Aquilani ha parlato dal ritiro azzurro, salutando effettivamente il compagno in partenza: «Jovetic? Ci mancherà. Penso che se ne vada, non ci ho parlato, ma so che un anno fa gli era stata fatta una promessa, uno come lui può far comodo a qualsiasi squadra di alto livello». In casa Juve si spera di riuscire a chiudere l’intero affare nel giro di pochi giorni, e di poter consegnare il nuovo attaccante ad Antonio Conte entro la metà di giugno. C’è però una sola ombra che mette a rischio la trattativa, e arriva dall’Inghilterra: non solo l’Arsenal infatti starebbe pensando a Jovetic per far crescere il valore del suo attacco. Anche il Chelsea di José Mourinho avrebbe virato sul montenegrino, dopo aver perso Falcao (passato ormai al Monaco) e Cavani (troppo caro): secondo il Daily Mail i Blues avrebbero pronti 25 milioni di sterline, ossia 29 milioni di euro. Cifra che sicuramente fa gongolare i Della Valle, più propensi a mandare il ragazzo fuori dall’Italia. C’è da convincere però Stevan, che vuole restare in Italia: ma forse la possibilità di essere allenati da Mourinho potrebbe però far vacillare la sua scelta. Intanto La Stampa rilancia la notizia che i bianconeri avrebbero ricevuto un’offerta dal Monaco per Claudio Marchisio: 25 milioni per il suo cartellino, più 6 annui al giocatore. Il centrocampista non è nella lista degli incedibili di Conte, e tornerebbe a giocare con Claudio Ranieri, il tecnico che lo lanciò titolare con i bianconeri. Le prossime ore saranno decisive per capire se il Principino rimarrà a Torino o meno.

LE ALTRE NOTIZIE DI CALCIOMERCATO:

– SAMP, EMEGHARA SI AVVICINA. Secondo quanto riporta tuttomercatoweb, Innocent Emeghara potrebbe essere il nome nuovo dell’attacco della Sampdoria. Se infatti il Siena si è appena accordato con il Lorient per riscattare il giocatore svizzero, la Sampdoria starebbe già muovendo i primi passi per rilevare poi a titolo definitivo dai toscani l’attaccante. Per il ragazzo (24 anni l’altro ieri, 7 reti in 16 partite in A) c’è un’offerta che si aggira attorno ai 4 milioni di euro.

– REAL, HEYNCKES SORPASSA ANCELOTTI. «Ancelotti non può dire di avere ricevuto un’offerta dal Real Madrid perché non è così». La battuta di Florentino Perez a Cadena Cope gela il sangue di chi, Carletto in primis, vedeva bene l’allenatore del Psg sulla panchina delle Merengues. La trattativa era data per avviata e prossima a concludersi, ma i lunghi silenzi di questi giorni lasciano intendere il contrario, e avvalorano un’altra ipotesi. È quella che porta a Jupp Heynckes, allenatore uscente da vincitore dal Bayern Monaco, lasciato libero dal suo club che ormai da tempo ha scelto Pep Guardiola. Dalla sua ha il vantaggio di essere già libero, non c’è nulla da pagare per liberarlo da altri ingaggi; e poi depone a suo favore anche il fatto che per lui sarebbe un ritorno, dopo che, ormai 15 anni fa, l’allenatore portava il club della capitale spagnola a vincere la Champions League ai danni della Juve. La telenovela sembra destinata a durare ancora a lungo, ma con lo stretto no del Psg all’addio di Ancelotti, per i giornali iberici il sorpasso di Heynckes è ormai avvenuto.

– ROMA, STEKELENBURG PARTE, PIACE JULIO CESAR. Roma-Londra. Su questo asse si delinea il futuro tra i pali dei giallorossi, dopo che ieri Baldini è rientrato nella capitale proprio da un viaggio nella City. Definita ormai la cessione di Stekelenburg al Fulham, per circa 4 milioni, anche se l’agente del giocatore invita alla calma. Così, ecco che si guarda al sostituto, e la scelta potrebbe ricadere su Julio Cesar, da tempo al centro delle voci di mercato che lo spingono verso Trigoria. Il numero 1 del Qpr ha parlato oggi al Corriere dello Sport: «In Premier League mi sono trovato bene, Londra è bellissima. Siamo retrocessi, ma questa è stata un’annata strana. Vorrei rimanere in Inghilterra, dove il calcio mi ha favorevolmente impressionato. La Roma? Ho saputo del loro interesse. L’ho affrontata tante volte in passato, anche in alcune finali».

– MILAN, GALLIANI INCONTRA PRADÈ PER CERCI. Ieri a Milano c’è stato l’incontro tra il ds della Fiorentina Daniele Pradé e Adriano Galliani. Facile desumere che i due abbiano parlato anche di mercato, con in mezzo l’interesse dei rossoneri per Alessio Cerci. L’esterno è reduce da una stagione super col Toro, club che ne detiene il cartellino a metà con la Fiorentina. Il ragazzo piace molto negli ambienti rossoneri, dove lo vorrebbero subito, a prescindere da chiunque sia l’allenatore della prossima stagione. Dalla loro invece i viola si libererebbero volentieri del ragazzo, apprezzato sì da Montella ma superfluo nel suo schema, ricoprendo un ruolo dove quest’anno è esploso Cuadrado.

– REAL, 100 MILIONI DI STERLINE DA INVESTIRE IN PREMIER: BALE E SUAREZ. Missione inglese per Zinedine Zidane. Il francese è ora ambasciatore del Real Madrid, ma dopo le elezioni del 15 giugno verrà promosso direttore sportivo, e per sancire la sua investitura volerà a Londra per cercare di portare a casa due grandi colpi di mercato. La rivalità col Barcellona si è acuita dopo l’arrivo in Catalogna di Neymar, e così ecco che sono pronte le contromosse: la prima porta a Gareth Bale, desiderio di tantissimi club, realizzabile solo a pochissimi, chi cioè riesce a far vacillare il muro di 60 milioni di sterline imposto dal Tottenham. Presto l’agente del gallese si siederà con la dirigenza Spurs a trattare la permanenza del ragazzo a White Hart Lane, ma la mancata qualificazione alla Champions ha sicuramente reso meno sicuro il futuro di Bale con il club. E poi c’è l’altro obbiettivo delle Merengues, Luis Suarez, che ha una clausola di 40 milioni di sterline: «Non c’è nessuna offerta in particolare, ma è sempre difficile dire no al Real», ha detto il Pistolero in un’intervista in Uruguay.

– MANCHESTER CITY, PELLEGRINI ALLO SCOPERTO: «È LA MIA PRIORITÀ». «Ho un impegno a fare del Manchester City la mia priorità. Ho un accordo verbale con loro, e spero di portarlo in porto». Così Manuel Pellegrini si è espresso sul suo prossimo passaggio ai Citizens. Dopo l’esonero di Mancini il nome del cileno era quello più speso a fianco della panchina degli Sky-blues di Manchester. E ieri è intervenuto alla radio spagnola Onda Cero parlando del suo futuro. «Mi motiva un progetto eccitante come quello avuto al Malaga. Ma fino a quando non avremo firmato, non si può dire che tutto sia stato completato».