Aggressioni alle Sentinelle. «Presenteremo un’interrogazione parlamentare»

sentinelle-genova.JPG01Comunicato di Eugenia Roccella, parlamentare Ncd – Leggiamo su diversi organi di stampa di scontri avvenuti ieri, in molte piazze italiane, fra le Sentinelle in piedi e alcuni contestatori. Trovo incredibile che si riporti in questo modo quanto è accaduto, perché non si può parlare di scontro quando chi sta manifestando silenziosamente, pacificamente, semplicemente in piedi a leggere un libro, come le Sentinelle, viene minacciato, accerchiato, aggredito con insulti e violenze e costretto, per paura, a lasciare la piazza scortato dalla polizia.

Si tratta di un attacco vergognoso, oltretutto pianificato e organizzato, visto che si è svolto con le stesse modalità in tutta Italia, contro persone che inermi hanno cercato di portare a termine la loro pacifica manifestazione.

Mentre nei diversi Gay Pride abbiamo spesso assistito a scene offensive per i credenti e contro il Papa, in queste veglie nulla offende. Eppure siamo arrivati a un livello di arroganza e intolleranza tale che non si accetta più neanche il confronto con l’altro. Se oggi non si tollera neanche chi, silenziosamente, manifesta per le proprie idee, cosa accadrà con una legge come quella sull’omofobia in discussione al Senato?

Presenteremo un’interrogazione parlamentare sui fatti accaduti ieri perché sia garantita la libertà di espressione e di manifestazione.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •