Google+

14 novembre 1934. La battaglia di Highbury e l’Italia che sa rialzarsi Video

novembre 14, 2012 Pino Suriano

L’eroismo è fatto anche di sconfitte. Chi non conosce la gloriosa “battaglia di Highbury” del 1934? Io, fino all’altro ieri. Grave omissione, per chi ama il calcio.
Il 14 novembre l’Italia Campione del mondo di Pozzo accetta la sfida degli inglesi per un’amichevole (di nome ma non di fatto).

Si gioca ad Highbury, mitico stadio dell’Arsenal: il clima e le condizioni del terreno favoriscono i padroni di casa e si vede. Dopo tredici minuti gli inglesi sono già avanti tre a zero, e per giunta il nostro uomo migliore, Monti, viene azzoppato da un avversario. Frattura al piede sinistro. Roba da ricovero immediato, lui, invece, resta in campo, immobile ma inamovabile. L’Italia è in dieci, il pubblico è affamato e chiede la goleada a gran voce: i Campioni del Mondo devono essere umiliati. Gli inglesi ci provano con tutte le forze.

A questo punto, però, incredibilmente l’Italia si rialza. Con l’uomo in meno e su un campo difficile, la squadra di Pozzo comincia la lotta. Di forza arrivano, nella ripresa, due gol di Meazza, uno al volo e l’altro di testa. L’Italia torna a sperare, e in fondo non aveva mai smesso.

Il finale è una lotta senza fine tra calcioni, spinte e cravatte. L’Italia ci prova e la grande occasione, alla fine, arriva. È per Orsi, che però, incredibilmente, fallisce. Pochi secondi dopo l’arbitro fischia: 3-2 per gli inglesi.

Come gli aedi, i cantori del mito greco, Niccolò Carosi raccontò quella partita come un’impresa memorabile. Ne è rimasto solo l’audio. Solo chi c’era sa come sia andata veramente, e qualcuno, tra questi Gianni Brera, mise in dubbio l’eroismo di quel racconto.

Eppure, pur senza il conforto delle immagini, una cosa si è potuta ascoltare lo stesso: è l’applauso lunghissimo e ininterrotto del pubblico. Carosi giurò che era dedicato agli sconfitti.
L’Italia è fatta così, cade, collassa, sembra al tappeto, ma poi, alla fine, si rialza. E lotta. Speriamo…

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.

L’originale tre ruote Piaggio compie 70 anni e li festeggia con un grande raduno a Salsomaggiore Terme. Le iscrizioni sono aperte

L'articolo Euro Ape 2018, dal 21 al 23 settembre 2018. Info e iscrizioni proviene da RED Live.