Beppe Grillo sa come combattere la prostituzione: basta collegarsi a Youporn

Le stravaganti idee del leader M5S in materia sessuale: usare la rete per ottenere prestazioni. Così «non c’è più il magnaccia». È il «sesso a chilometro zero»

Non c’è solo l’Espresso in edicola a fare le pulci a beppe Grillo. Oggi ci pensa anche Il Fatto quotidiano che in un articolo a pagina 5, intitolato “Sapone,sesso e diagnosi: idee di Beppe”, riporta le stravaganti convinzioni del comico in materia. Il fatto da rilevare è, in realtà, che, per quel che riguarda il sesso, Il Fatto va a ripescare una notizia non nuova, ma vecchia ormai di mesi. Infatti fa riferimento a un intervento che Grillo fece in occasione della presentazione del libro Il grillo canta sempre al tramonto, assieme a Dario Fo e Gianroberto Casaleggio, pubblicato da Chiarelettere, in libreria dall’inizio di febbraio. Nel volume, Grillo illustra a Fo un metodo semplice per combattere la prostituzione: usare internet. Nel caso specifico, un noto sito di filmati porno: Youporn. «Il rapporto è diretto, non c’è più il magnaccia, lo sfruttatore», spiega il leader del Movimento cinque stelle. È la sua idea di «sesso a chilometro zero».

È TUTTO GRATIS. Scrive, infatti, Grillo: «Sulla rete c’è di tutto. Forse Dario non lo sa, ma tra i primi dieci siti più visti nel mondo ce n’è uno che si chiama YouPorn. Ecco come funziona. Tu hai voglia di avere un rapporto con una donna. Se prima andavi per le strade, ti mettevi d’accordo con una prostituta e la portavi in albergo, adesso ti colleghi al sito YouPorn, vai a vederti un filmetto porno che ti piace, due donne insieme, in tre, con un cavallo, quello che vuoi. Dopo che hai visto questo filmato gratis, sul monitor appare automaticamente il genere di donna che hai visto. Abita vicino a te, nella tua città e se vuoi si collega con te immediatamente. Lei è in casa sua che ti guarda con una webcam e tu guardi lei. Se vuoi parlarle clicchi, fai conoscenza e ti metti d’accordo per una prestazione. In questo modo il rapporto è diretto, non c’è più il magnaccia, lo sfruttatore, e non vai più per strada. La rete toglie tutte le intermediazioni, toglie anche le donne o gli uomini dalla strada. Vuol dire che tu fai pornografia in proprio, tu direttamente, ti metti in rete e ti pagano. Se non vuoi pagare la prestazione ti fai filmare in una scena sessuale con un quadratino nero sul volto così non ti si riconosce. Ti filmano e mettono il filmato sul sito, e tu non paghi niente, è tutto gratis. Insomma sesso a chilometro zero. Poi può capitare che chi ti contatta è la tua collega che si è connessa online dall’adiacente angolo del tuo ufficio… è successo davvero».