Via al campionato. Pronostici

Sport Uber Alles di Roberto Perrone

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In una bella mattinata di fine agosto del 1998, Franco Baresi, vice-presidente del Milan con delega speciale per il settore giovanile, si presentò al Meeting di Rimini per un incontro di straordinario fascino (lo moderai io). Con lui c’erano Cova e Capirossi. Cova non corre più, ma il Milan ha vinto lo scudetto e Capirossi il Mondiale delle 250. Il Meeting porta bene? La controprova non esiste, però non si può mai sapere, meditate, gente, meditate. Quest’anno non ci sono sportivi, peggio per loro. Ciò non impedisce, visto che domenica 29 agosto, proprio alla conclusione del Meeting, comincia il campionato 1999-2000, di fare qualche previsione, di spedire in giro qualche pronostico con una premessa: i pronostici li fanno i coraggiosi, non fate i furbi a giugno tentando di rinfacciare a questa rubrica i suoi errori di prospettiva. Pronti via. Il campionato lo vince il Parma, seconda la Lazio di Eriksson, tanto per cambiare. Il Milan si concentra sulla Coppa dei Campioni e la conquista alla fine di maggio superando in finale il Manchester United. Christian “Bestia” Vieri è il capocannoniere del campionato, ma l’Inter rimanda ancora la conquista dello scudetto (terza o quarta). Ronaldo abbandona il calcio per il tennis dopo essersi fidanzato con Anna Kournikova. Fallimento totale della Roma di Fabio Capello che viene esonerato. Il popolo, che l’ha dileggiato, vorrebbe il ritorno di “Sdengo” Zeman, ma il boemo rifiuta, sdegnosamente. Ennesima illusione della Fiorentina che parte fortissimo, ma arriva stremata, col fiato corto al momento decisivo. Effetti collaterali: aumento dei divorzi a causa della crescente invadenza televisiva del pallone, boom del mercato dei televisori con videoregistratore per calmare figli apallici e mogli incazzate. Successo delle pizze telefoniche, buona tenuta di pop corn e coca cola. Putroppo ci saranno ancora molte risse fuori campo, ma, Perugia docet, ne vedremo anche in campo.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •