Afghanistan, attentato suicida in un ospedale: 60 vittime

Almeno 60 persone sono morte in un attento suicida causato da un’autobomba esplosa in un ospedale nella provincia di Logar, a sud di Kabul. Presidente afghano Karzai: «Nonostante tutti i progressi nell’istruzione e nella ricostruzione delle infrastrutture, l’Afghanistan non ha ancora raggiunto la pace e la sicurezza, anzi, il terrorismo continua a estendersi e ci minaccia più che mai»

Almeno “sessanta persone sono morte in un attentato suicida effettuato con un’autobomba oggi nella provincia di Logar, a sud di Kabul. Lo riferiscono responsabili locali. «Ha preso di mira un ospedale l’attentato suicida effettuato con un’autobomba nel distretto di Azra», ha riferito un portavoce delle autorità. «Le vittime sono pazienti, loro familiari, visitatori e personale dell’ospedale», ha aggiunto” (Repubblica).

Il terrorismo «minaccia più che mai l’Afghanistan e la sua regione» ha detto il presidente afghano Hamid Karzai a Teheran, dove è in corso una conferenza internazionale sul terrorismo. «Purtroppo, nonostante tutti i progressi nei settori dell’istruzione e della ricostruzione delle infrastrutture, non soltanto l’Afghanistan non ha ancora raggiunto la pace e la sicurezza, ma il terrorismo continua a estendersi e ci minaccia più che mai. Tutti i paesi della regione devono combattere il terrorismo, che ha raggiunto una tale potenza che nessun paese può essere risparmiato da questo male».

“Alla conferenza di Teheran partecipano, insieme con il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad, altri cinque capi di Stato della regione: quelli di Iraq, Afghanistan, Pakistan, Sudan e Tagikistan” (Repubblica).