Google+

Zero. Questo il numero delle “famiglie” iscritte al registro delle coppie di fatto di Bologna

gennaio 16, 2012 Redazione

Lo ha scoperto una consigliera comunale del Pdl, Valentina Castaldini. Eppure nel capoluogo emiliano il registro esiste dal 1999 ed è sponsorizzato (con tanto di sezione dedicata) dal sito del Comune. Forse che a nessuno freghi nulla? Forse che – anche per una questione di fisco – a nessuno convenga iscriversi? «Ma è una questione simbolica», dicono dal Pd. Uno “zero simbolico”?

Ricordate i registri delle coppie di fatto? Ogni qual volta se ne è discusso in Italia gli animi si sono scaldati. Dibattiti sull’arretratezza culturale italiana, sulle scorie della mentalità medioevale cattolica, sugli effetti positivi e illuminanti che un tale registro avrebbe sulla società italiana.

Bene. Accade a Bologna – dove il registro esiste dal 1999 e sul sito del Comune esista una sezione dedicata alle “nuove famiglie” gay, lesbiche, trans – che una consigliera comunale del Pdl, Valentina Castaldini (in foto), chieda di sapere quante siano state le coppie («anche dello stesso sesso») che hanno voluto chiedere l’attestato che riconosce la “famiglia affettiva”. Risposta: non lo richiede nessuno. 

Infatti, sebbene, come recita il sito del Comune, «l’attestato serva a dimostrare che persone non legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione o tutela, co-abitanti nella stessa unità immobiliare del Comune di Bologna, costituiscano un unico nucleo familiare in ragione dell’esistenza di vincoli affettivi», nella realtà, nessuno arriva a richiederlo. 

Insomma, un flop. Eppure, secondo il capogruppo del Pd Sergio Lo Giudice, «il registro ha un valore simbolico importante, in assenza di una legge nazionale. Oggi in Italia dichiararsi coppia di fatto ti sottopone a una serie di svantaggi fiscali senza in cambio nessuna facilitazione». Secondo Castaldini questo è, «di fatto, un modo per evadere. Legale, ma lo è». Soprattutto, prosegue la giovane consigliera pidiellina, «il tempo dà torto a chi fa solo battaglie ideologiche. Il fatto che nemmeno coloro che hanno rivendicato l’esistenza di questo registro poi si siano iscritti fa persino ridere».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download