Google+

Vivere a Pechino è come vivere “nella sala fumatori di un aeroporto” (guardare le foto per credere)

gennaio 29, 2015 Leone Grotti

Anche quest’anno la percentuale di polveri sottili PM 2.5 nell’aria a Pechino è tornata sopra quota 500, cioè a livelli estremamente «pericolosi» e «dannosi per la salute»

Il cielo era terso e di un azzurro splendido a Pechino tra il 5 e l’11 novembre. In quei giorni nella capitale cinese si teneva l’Apec, il summit della Cooperazione economica dell’Asia Pacifico, al quale hanno partecipato i più importanti leader asiatici (più Barack Obama). Per farsi bello e per non mostrare Pechino per quella che è, cioè una delle città più inquinate del mondo, il governo comunista ha preso misure drastiche.

FABBRICHE CHIUSE. Se a Pechino l’aria è irrespirabile, specie in inverno, e il cielo è ricoperto da una spessa coltre grigia simile a nebbia, è a causa di un traffico spaventoso e dei combustibili fossili utilizzati dalle fabbriche onnipresenti in una delle città più selvaggiamente industrializzate e popolate (22 milioni di abitanti) del mondo. In occasione dell’Apec, il governo ha chiuso le fabbriche, ha proibito a metà della popolazione di usare l’auto e ha addirittura garantito ferie pagate a molti lavoratori. Essere un regime a volte conviene e il risultato è stato più che apprezzabile.

«PECHINO È INVIVIBILE». Ma finita la girandola dei potenti, Pechino è tornata tale e quale a prima. E cioè «invivibile». A usare questa espressione è stato niente meno che il sindaco di Pechino, Wang Anshun, parlando al China Youth Daily. «Per avere una città di primo livello, internazionale, armoniosa e vivibile è molto importante fissare un sistema di standard. E Pechino sta cercando di farlo. Ma attualmente, purtroppo, Pechino è una città invivibile».

AIRPOCALYPSE. Anche quest’anno la percentuale di polveri sottili PM 2.5 nell’aria a Pechino è tornata sopra quota 500, cioè a livelli estremamente «pericolosi». Già a quota 300 si riscontrano «danni per la salute». L’anno scorso si era parlato di apocalisse, o meglio «airpocalypse», perché si era superata quota 800, mentre New York viaggiava a quota 19, per intenderci. Quando si arriva a questo punto, «tutta la città assomiglia alla sala fumatori di un aeroporto» e il governo chiede alle famiglie di «tenere i figli a casa da scuola». Tutti devono uscire con la mascherina ma è meglio se non escono affatto (a fianco una foto di Pechino, scattata dallo stesso identico luogo e alla stessa ora, in estate e in inverno).

CAPITALE DEL NORD. Il governo aveva promesso nel 2014 di ridurre di almeno il 5 per cento la percentuale di polveri sottili ma ha toccato solo il 4 per cento. Meglio che niente ma non sufficiente. Secondo l’Istituto americano per gli effetti sulla salute, infatti, in Cina ogni anno almeno 1,2 milioni di persone muoiono prematuramente a causa dell’inquinamento atmosferico. La maggior parte delle oltre 100 mila proteste che si verificano nel paese ogni anno, inoltre, sono dovute a problemi ambientali. L’inquinamento atmosferico, che si verifica tutti gli inverni in Cina, è dovuto soprattutto alla mancanza di politiche ambientali che vietino alle industrie di inquinare in modo sfrenato. Il nome cinese di Pechino spiega bene perché la città è così colpita dallo smog: Beijing (capitale del nord) è situata nella parte settentrionale del Paese, dove i venti in inverno spingono tutte le emissioni inquinanti delle altre grandi città industrializzate.

PROMESSE NON MANTENUTE. A novembre Pechino ha promesso di bloccare l’aumento di emissioni di gas serra entro il 2030. La notizia, sparata in prima pagina da tutti i giornali del mondo a caratteri cubitali, non è stata neanche infilata nei trafiletti in Cina per paura che la popolazione protestasse. Politiche per combattere l’inquinamento, infatti, vengono annunciate ogni anno ma di fatti se ne vedono pochi. Tanto che nel 2013 il cinese Global Times pubblicò un articolo per decantare le qualità dello smog, «che ci rende tutti uguali». L’ultimo piano è stato stilato dall’amministrazione pechinese nel 2013 ma i risultati ancora non si vedono. E non per colpa dello smog.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana