Google+

Il Vietnam non vuole beato il cardinale Van Thuan, simbolo dell’opposizione al regime comunista

luglio 12, 2013 Redazione

Bloccato in aeroporto ad Hanoi il critico letterario che doveva volare a Roma come testimone per la beatificazione del vescovo che passò 13 anni in prigione

Doveva volare a Roma, dove lo aspettavano lo scorso 5 luglio come testimone per chiudere l’inchiesta diocesana relativa alla beatificazione del porporato vietnamita François-Xavier Nguyên Van Thuân. Invece il critico letterario Nguyên Hoang Duc è stato fermato ad Hanoi, dalla pubblica sicurezza dell’aeroporto. Il motivo del suo stop, spiega Asianews, va cercato nella contrarietà del governo vietnamita al processo di beatificazione.

“NON AUTORIZZATO” A LASCIARE IL PAESE. A raccontare l’accaduto è stato lo stesso Nguyên Hoang Duc, ex funzionario dell’Ufficio per gli affari religiosi e della sicurezza pubblica del governo, critico letterario e scrittore: il 2 luglio scorso, ha spiegato a Radio Free Asia, si era presentato in aeroporto pronto per partire per l’Italia, presentando il suo regolare biglietto al gate. Lì però gli agenti lo hanno fermato e comunicandogli di non essere autorizzato a lasciare il Paese: nessuna motivazione gli viene offerta in aggiunta.
Solo dopo una lunga discussione Hoang Duc è riuscito ad ottenere dettagli specifici sulle ragioni del blocco: fra di esse, il “disaccordo” del governo comunista di Hanoi alla canonizzazione del cardinale, emblema per la fede di queste terre. A rendere vietato il suo espatrio anche le critiche spesso accese con cui l’uomo scrive della politica di casa, e il suo passato da funzionario del governo.

13 ANNI DI PRIGIONIA. Lo scrittore si è convertito al cattolicesimo proprio grazie all’incontro con il cardinale Van Thuân, raccontato in un libro che è diventato anche contributo prezioso al lavoro di beatificazione del religioso. Quest’ultimo, è diventato negli anni l’icona della Chiesa asiatica, esempio di una vita vissuta con fede profonda nonostante le tante sofferenze e persecuzioni patite. Su tutto, si ricorda sempre del lungo periodo di prigionia, 13 anni, che trascorse nelle mani del suo governo, tra il ’75 e l’88: «Allorché i comunisti mi fecero scendere nella stiva di una nave – scrisse anni dopo -, la Hai-Phong, stipato insieme ad altri 1500 prigionieri per trasportarci al Nord, mi dissi: “Questa è la mia cattedrale, questo è il popolo che Dio mi affida perché io me ne curi, ecco la mia missione: assicurare la presenza di Dio fra questa gente, fra questi miserabili, disperati fratelli miei. È la Sua volontà che io sia qui. Accetto la Sua volontà”. Da quel momento in poi una nuova pace mi ha riempito il cuore e mai mi ha più abbandonato in tutti quei tredici anni».
Il vescovo è morto nel 2002: già nel 2010 è stata aperta la causa di beatificazione a livello diocesano, che si è conclusa proprio nei giorni scorsi e ora è passata nelle mani della Congregazione vaticana per le cause dei Santi, a Roma. Proprio qui era atteso Nguyên Hoang Duc.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Enrico scrive:

    Esercizio di storia:
    mettete su due colonne distinte (non si può dire “diverse”) i Paesi che sono usciti dalle dittature fasciste/naziste e quelli “usciti” dalle dittature di sinistra (non si può dire “comuniste”), poi sappiate dire chi ha fatto più danni e chi li sta facendo ancora.

    I migliori compiti saranno premiati con un viaggio, a scelta, in uno dei Paesi liberati.

    • ragnar scrive:

      E aggiungerei, i peggiori verranno premiati con un viaggio gratuito sola andata in Nord Corea.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana