Google+

Usa: donna abortisce in casa con la Ru486, arrestata. Ora si batte per cambiare la legge

dicembre 19, 2011 Redazione

Jennie Linn McCormack, 32 anni e tre figli, abortisce con la Ru486 da sola in casa e chiude il feto in una scatola di scarpe, lasciandola sul portico di casa sua. Arrestata per violazione delle leggi dell’Idaho, viene rilasciata ma fa causa allo Stato

Jennie Linn McCormack è una bellissima donna di 32 anni, ha tre figli e vive a Pocatello, nell’Idaho, Usa. Sola e disoccupata, sopravvive grazie a un sussidio di 250 dollari. Quando ha deciso di abortire il quarto figlio, concepito con uomo che ora è prigione, non avendo i soldi per recarsi nella clinica più vicina disposta a praticare l’intervento, in Utah, ha chiesto alla sorella di comprarle la pillola abortiva Ru486 e di spedirgliela. «Non potevo permettermi un altro figlio» spiega, «avrei reso la vita dei miei tre bambini ancora più difficile».

Appena la Ru486 le è arrivata per posta, credendo che la gravidanza non fosse molto avanzata, ha ingerito subito le pillole mentre si trovava da sola, in casa. L’aborto riesce, ma quando Jennie espelle il feto, si rende conto di essere oltre il terzo mese e rimane spaventate dalla grandezza del bambino. «Ero paralizzata» ricorda. Così, presa dal panico, chiude il feto in una scatola di scarpe e lo appoggia sul barbecue, che si trova sotto il portico di casa sua. Impaurita, chiama un amico, che avvisa la sorella di Jennie, la quale riporta tutto alla polizia. Secondo una legge del 1972, abortire da soli in Idaho è un crimine, punibile con una pena che va fino ai cinque anni di carcere.

Jennie viene così arrestata e rilascata poche settimane dopo per mancanza di prove, con l’aiuto del suo avvocato Richard Hearn, che fa causa al pubblico ministero della Contea di Bannock dell’Idaho con l’obiettivo di cambiarne la legislazione in materia che, vieta gli aborti che non avvengono in strutture ospedaliere. Ma Hearn mira soprattutto a modificare la cosiddetta “legge sul dolore del feto”, adottata anche in altri cinque Stati americani, che proibisce gli aborti dopo la ventesima settimana. La legge si fonda su studi secondo i quali il bambino a partire dalla ventesima settimana dal concepimento sentirebbe dolore.

L’avvocato non è appoggiato dalle lobby pro-choice che, pur appoggiando la campagna in favore della libertà delle donne di abortire anche in casa con l’aiuto di una pillola, non vogliono pubblicizzare la solitudine di un aborto fatto in casa e che ha avuto come conseguenza un feto dentro una scatola da scarpe sotto il portico di casa. «La lobby pro-choice può anche pensare che questo non sia il momento di portare il caso davanti a un giudice» dichiara l’avvocato di Jennie. «Ma loro sono così conservatori, mentre io dico che nessun caso è perfetto e poi, se non ora, quando?».

Il caso assume il sapore di un nuovo “Roe contro Wade“, una sentenza del 1973 della Corte suprema degli Stati Uniti, che rappresenta uno dei principali precedenti riguardo alla legislazione sull’aborto e che ha condizionato la legislazione di 46 Stati. Secondo la sentenza, l’aborto è un diritto nei primi tre mesi della gravidanza e diventa possibile, in alcuni casi, fino al settimo mese. Anche oltre, se la salute della donna è in pericolo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. paolo delfini scrive:

    CERTE DONNE USANO LA PILLOLA ABORTIVA COME FOSSE UNA MENTINA SAILA. IDIOZIA ALLO STATO PURO!MA QUESTE SI RENDONO CONTO CHE UCCIDERE UNA PERSONA INDIFESA E’ GRAVISSIMO O HANNO IL CERVELLO LOBOTOMIZZATO?COMUNQUE SERVE PER APRIRE GLI OCCHI A CHI CREDE ANCORA CHE GLI USA SIANO IL PARADISO TERRESTRE, GRAZIE ALLA REDAZIONE PER PUR DRAMMATICO ARTICOLO.

    PS,: PROBABILMENTE NON SI RIESCE ANCORA A CAPIRE LA DIFFERENZA TRA UN ESSERE VIVENTE E UN PUPAZZO DI STOFFA!ALTRO CHE PRO CHOICE!PER ME SI TRATTA SEMPLICEMNTE DI PRO MURDER!….. BE SCUSATE MA ANCHE UN POCO PRO STRUNZ!!!!!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana