Google+

Tutto ha un prezzo, anche i diritti. Per far approvare le nozze gay negli Usa le associazioni Lgbt spendono miliardi di dollari

aprile 29, 2014 Redazione

Il New York Times offre un chiaro esempio di come lavora una vera lobby: così i nuovi diritti civili passeranno anche nei retrogradi Stati del sud dell’America

«Non possiamo permettere l’esistenza di due distinte Americhe-gay»: così l’imprenditore e “filantropo” Tim Gill ha lanciato sul New York Times la campagna per estendere i “diritti Lgbt” ai 29 Stati americani, in gran parte del sud, fermamente contrari a matrimoni e adozioni gay, ormai legalizzati in molti altri Stati del paese. L’articolo è un ottimo esempio di come lavorano negli Usa le associazioni che si battono per il riconoscimento dei diritti degli omosessuali.

MILIONI E MILIONI DI DOLLARI. Gill ha speso 300 milioni di dollari in 20 anni per propagandare il credo Lgbt. Ora ha deciso di sborsare ancora 25 milioni (per cominciare) e racimolarne altri per convincere gli americani del profondo sud ad allinearsi con i compatrioti liberal della East coast. Insieme ad altri magnati colmerà la lacuna fra gli Stati della cosiddetta Bible Belt e l’America progressista.
Come? Non con pensati e riflessivi ragionamenti su discriminazione ed uguaglianza ma riunendo gli sforzi delle varie associazioni già attive sul territorio, schierandosi per l’elezione di politici omosessuali, conducendo un’intensa attività di lobbying e soprattutto tirando fuori il portafogli e intessendo relazioni con leader politici, culturali e religiosi locali.

ELEGGERE GAY E LESBICHE.  In alcuni Stati del sud, spiega il New York Times, «diverse organizzazioni, come Human Rights Campaign e American Civil Liberties Union, sostengono un unico gruppo di pressione che interviene sulle ordinanze di non discriminazione in materia di alloggi e di lavoro, nonché sulla legislazione che consente ai genitori omosessuali di adottare bambini». In altri Stati, i gruppi di pressione Lgbt «stanno costruendo nuove organizzazioni di base e fanno campagna elettorale per i funzionari apertamente gay e lesbiche».
«Altre organizzazioni per i diritti dei gay – si legge ancora – si stanno muovendo per espandere la loro presenza nel sud: l’associazione Gay and Lesbian Victory, un comitato di azione politica che sostiene i candidati gay e lesbiche, si sta concentrando su Stati come Idaho e Mississippi, che hanno membri eletti non apertamente gay a qualsiasi livello politico, e Michigan, che non ne ha a livello statale». Questi gruppi non si limitano a sostenere i candidati in base all’orientamento sessuale ma fanno pressione in quegli Stati «dove i legislatori conservatori stanno varando norme sulla  “libertà religiosa” che esentano le imprese da alcune norme anti-discriminazione».

STRATEGIA VINCENTE. «Per quanto riguarda la cultura politica conservatrice dominante nel Sud e nell’Ovest», continua il New York Times, «lo sforzo lobbistico si concentrerà sulle relazioni con repubblicani, clero e organizzazioni afro-americane per i diritti civili». Inoltre, «i leader dei diritti gay stanno intessendo partnership con le grandi aziende con sede in città del sud e dell’ovest, nella speranza di sfruttare i loro legami con i funzionari repubblicani». «Una strategia – osserva il New York Times – che ha avuto successo il mese scorso e che ha convinto il governatore dell’Arizona, Jan Brewer, a porre il veto alla legge che avrebbe permesso ad alcune imprese di non fornire servizi per lesbiche e gay per motivi religiosi».

NON SOLO IMPRESE. Le relazioni intessute dalle associazioni Lgbt riguardano non solo le imprese. Human Rights Campaign, per esempio, attraverso il programma Project One finanziato con 8,5 milioni dollari «sta aprendo uffici in Mississippi, Alabama e Arkansas con l’obiettivo di costruire legami più forti con le scuole, le istituzioni religiose e i leader culturali politici». Gill Action Fund, l’associazione del filantropo Tim Gill, invece, «si impegnerà per la causa Lgbt in primo luogo in Stati come Missouri e Texas, finanziando i costi di sondaggi, ricerca, lobbying e reclutamento di donatori».

IL CASO COLORADO. Tim Gill, spiega il New York Times, il mese prossimo sarà impegnato «in una conferenza annuale chiamata OutGiving, che attira centinaia di maggiori donatori gay del paese, dove inviterà altri donatori a partecipare allo sforzo comune. Il piano d’azione è stato scritto in Colorado». Questo Stato era dominato dai repubblicani e da importanti gruppi evangelici e conservatori. Poi è arrivato Gill, insieme ad altri sostenitori della causa Lgbt.
«Hanno versato milioni di dollari in iniziative educative e a favore di gruppi no-profit liberali, riuscendo a dividere i conservatori e facendo eleggere i legislatori favorevoli ai diritti gay». Risultato: «Oggi in Colorado i democratici controllano entrambe le camere del parlamento e l’ufficio del governatore. La discriminazione basata sull’orientamento sessuale è stata bandita nel 2008 e il legislatore ha approvato le unioni civili nel 2013».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

87 Commenti

  1. beppe scrive:

    caro amoroso, è tutto questione di grana e di potere. due cose che i cattolici e la gente normale non hanno o usano in modo diverso. è desolante, ma è così. stanno occupando la politica a tutti i livelli e mettono le famiglie in un angolo e le fanno sentire in colpa per colpe che non hanno. le famiglie, prima di fare lobby, devono lavorare e sfamare i figli, spesso senza alcun sostegno da parte dello stato. una vergogna.

  2. Bifocale scrive:

    Anche le chiese spendono milioni e milioni di dollari per contrastare l’uguaglianza di diritti. Tanto per fare un esempio (e se ne protebbero fare molti) nel 2008 la campagna contro la Proposition 8 per l’ugualianza matrimoniale fu finanziata con circa 40 milioni di dollari provenienti da raccolte fondi organizzate prevelentemente dalle chiese, in particolare quella mormone ma anche quelle evangeliche e cattoliche. Naturalmente sui soldi che vengono raccolti e spesi per perpetrare vecchi pregiudizi e limitare i diritti della comunita’ LGBT Tempi non pubblica articoli indignati, ne’ tantomeno ne pubblica in merito alle donazioni che vengono elargite alle chiese per promuovere e sostenre queste campagne. Indignati a senso unico.

    • michelangelo scrive:

      Caro Bifocale, di cosa ti lamenti? Se vuoi avere applausi e pacche sulle spalle, scrivi nei vostri numerosi blog LGBT … i valori che qui si difendono sono la famiglia, i bambini ed i valori cristiani… Vuoi condividerli con noi? Benvenuto allora!

      • Bifocale scrive:

        Caro Michelangelo la libertà di pensiero per me è ancora un valore. Se permetti voglio cercare di condividere e presentare i miei argomenti come e dove ritengo più opportuno, senza piegarmi al Pensiero Unico eterosessista e omofobico che ancora resiste in certi ambientini. Per quanto mi riguarda difendere i diritti di una parte della popolazione mondiale non significa affatto essere contro la famiglia, i bambini e i valori cristiani (Gesù Cristo non ha mai detto una singola parola nè contro le persone omosessuali nè contro le relazioni tra persone dello stesso sesso e poi uno dei fondamenti del suo predicare mi pare fosse proprio il concetto di uguaglianza tra tutti gli uomini). Comunque se non tolleri che il pensiero altrui e proprio ti infastidiscono così tanto i miei post sei liberissimo di saltarli a piè pari. Saluti.

        • giovanna scrive:

          Che risposta cretina a Michelangelo, Bifocale, sei proprio un pallone gonfiato !
          Scusa, eh, travalico un po’, ma la mancanza totale di senso dell’umorismo e della comprensione del luogo in cui si va a perorare cause ammuffite e stantie, saltando sempre a piè pari la faccenduola della cosificazione dei bambini e delle donne e degli uomini, con arroganza e malagrazia, mi fanno innervosire: sono una donna, non sono una santa !

        • Cisco scrive:

          Bifocale, sei sempre il benvenuto ci mancherebbe. Peraltro quello che scrivi penso non faccia che rafforzare la “omofobia” di chi legge. Ma non strumentalizzare il Vangelo dicendo che Gesù non ha condannato i matrimoni gay, perché se è per questo non ha mai condannato neanche l’omofobia. L’esegesi e’ una cosa troppo complicata da lasciare all’Arcigay.

      • Marinella scrive:

        Le informazioni che da Bifocale sono false, ed ancora una volta dimostrano le menzogne che le lobby gay diffondono sui forum

        • Bifocale scrive:

          Marinella se fai delle accuse almeno giustificale ed elenca le cose false che avrei detto e quale sarebbe invece la verità, così è solo un’accusa generica lanciata a vuoto magari per dar contro il ‘messaggero’ solo perchè il messaggio non è di tuo gradimento (il che non significa sia falso).

    • giovanna scrive:

      Se uno non capisce la differenza di una raccolta di fondi dal basso, da gente normale che crede in un ideale , con i figli davanti, e le donazioni miliardarie di miliardari e non vede l’abnormità pazzesca delle cifre , c’è poco da ragionare.
      Tra l’altro , nell’articolo non di dà un giudizio su questo tipo di pressioni fortissime, ma offre una spiegazione di come una ideologia contraria all’umanità riesca ad avanzare .
      Cioè, non saranno solo i soldi, di base c’è sicuramente la fragilità e l’egoismo dell’uomo contemporaneo, ma certo i soldi aiutano, non si spiegherebbe come pochi gay riescano a tenere in scacco tante nazioni, che permettono la vendita dei propri figli, dei propri padri, delle proprie madri.
      O magari è omofobo anche interrogarsi su come mai politici che un giorno prima appoggiavano la famiglia, difendevano i bambini, il giorno dopo la gettano in pasto ai leoni dei “diritti della comunità gay”?

      • Bifocale scrive:

        Dai tanti commenti postati da Santa Giovanna patrona degli omofobi nel corso del tempo abbiamo appurato che per lei tutti i gay sono ripugnanti, viziati, vestiti con tutine rosa, ricchissimi, egoisti e il loro scopo ultimo è conquistare il pianeta come gli invasori marziani nei film di fantascienza degli anni ’50. Emette poi il suo Giudizio Divino secondo il quale chi si batte per l’uguaglianza tra esseri umani e chi difende i diritti delle persone omosessuali (singoli o in coppia) appoggerebbe una “ideologia contraria all’umanità”. Difatti chi non è eterosessuale notoriamente non fa pienamente parte della razza umana…

        • Su Connottu scrive:

          E voi pagliacci vi battereste per l’uguaglianza tra gli esseri umani?
          Ma se non sapete nemmeno che cosa vuol dire…

        • giovanna scrive:

          Bifocale, sei costretto ad inventarti cose che non ho detto, né ora né mai, per sostenere la tua irrispettosa ideologia. E se non è contraria all’umanità ( non ho nemmeno lontanamente usato la parola razza, che livello culturale rasoterra) una ideologia che persegue lo sfruttamento dell’uomo, della donna, del bambino, ad uso e consumo di gente che pensa a soddisfare il proprio desiderio a tutti i costi, cosa è contrario all’umanità ?
          Certo l’aborto, l’eutanasia, altre cosucce, siete in buona compagnia, ma anche comprare un figlio ,affittare una donna, camuffato da diritto dei gay, non è male.
          Comunque, questa storia dell’omofoba diventa sempre più imbarazzante: dato che non ho mai, mai, mai detto mezza parola di disprezzo nei confronti di nessun omosessuale , né tantomeno ne ho mai picchiato alcuno ,si capisce sempre di più l’obiettivo della legge sull’omofobia, cioè azzittire chi la pensa diversamente (.Cornacchia, omofobo tra gli omofobi, batti un colpo !)
          Piuttosto ridicolo anche negare l’evidenza di miliardari ricchissimi , ricchissimissimi e annoiati che buttano i loro miliardi per imporre al popolo la causa gay e infatti non riesci a negarla, solo arrampicarti, per la miliardesima volta, sugli specchi.
          E già che ci sono ad egoisti e ricchissimi ( non gli omosessuali, ma i gay , cosa ben diversa ! ) , aggiungo anche disonesti e in malafede, come immancabilmente vi mostrate, perché tu sai, dentro di te lo sai, che è contrario all’umanità comprare un bambino, privarlo del papà e/o della mamma.

          • Ale scrive:

            Che differenza c’è tra gay ed omosessuali Signora Giovanna? Poi che ci sia qualcuno che si chiama Giovanna ed ha fatto dichiarazioni omofobe su questo blog e’ un dato di fatto che tutti hanno letto e che si possono ricercare su internet, citando il titolo dell’articolo rimangono in perenne visione le dichiarazioni fatte. Non è senz’altro l’unica a chiamarsi Giovanna in Italia, ci mancherebbe. Ma evidentemente ci sono altre Giovanne che hanno fatto dichiarazioni forti. Tipo la pedofilia e’ una malattia l’omosessualità una depravazione o giù di li’.. Io dicevo che ci sono pedofili anche etero..e che comunque è un reato da punire. Mi scusi ma a me non sono andate giù le dichiarazioni di un alto prelato che diceva “non abbiamo denunciato i sacerdoti pedofili per non danneggiare i minori”.. Se non è fare LOBBY questa come la chiama Tatto verso il/la minorenne abusato/a?! La chiesa da secoli ha ricevuto lasciti e donazioni e con questi ha fatto spesso del bene altre volte … Non sono gay od omosessuale, visto che ci si giudica per questo…

            • Giannino Stoppani scrive:

              “Che differenza c’è tra gay ed omosessuali?”
              Semplice, il “gay” è un omosessuale che ostenta ideologicamente la propria omosessualità, pertanto solo una parte degli omosessuali sono “gay”, in quanto non tutti son disposti, per i più vari motivi, a mettere in piazza i fatti propri.
              Ah, e se poi per te è omofobo chi sostiene che l’omosessualità sia un grave disordine morale, allora oltre a Giovanna sono omofobo anch’io e tutta la Chiesa Cattolica, dal papa fino all’ultimo battezzato.

              • Filomena scrive:

                Questa differenza tra gay e omessuale è una perla di saggezza. Ti saremo sempre grati per averci illuminati.

                • Giannino Stoppani scrive:

                  Per illuminare te non basterebbe il famoso faro di Alessandria.
                  Il significato del termine “gay” e la storia della sua “adozione” da parte dei movimenti di natura ideologica la trovi pure su wikipedia.

              • Ale scrive:

                Ma chi sei per parlare addirittura per il Papa? E non mi risulta che tutti i battezzati siano omofobi. Io non ho alcuna fobia e come me tanta gente battezzata etero…

                • Giannino Stoppani scrive:

                  Ma caro Ale, non sono mica io a parlare per i cattolici, è il catechismo che lo fa.
                  Basta aprirlo e leggerlo.
                  Naturalmente uno può anche definirsi “cattolico” ignorando il catechismo, ma è la stessa cosa che definirsi “comunista” a bordo del proprio panfilo.

                  • Ale scrive:

                    Già ed infatti Bergoglio ha detto alle donne single di andare da Lui se vogliono far battezzare il proprio figlio/a ed un sacerdote si rifiuta di farlo. E non chiede perché è per come e’ single. Siamo tutti peccatori. Beati voi che non lo siete e ritenete che alcuni siano indegni perché “nascono” con quella che voi chiamate “grave disordine morale”..lo capite che forse si sentono rifiutati e soffrono per questo?! Ci sono ragazzini che si sono suicidati per questo e non hanno fatto reality tv per parlare dei loro problemi. Ma si sono negati la vita, vittime di bullismo.

                    • Fran'cesco scrive:

                      Ale,
                      un cristiano che non si professa peccatore, e’ peccatore per definizione.
                      Dubito che il Papa non parli a chiunque voglia battezzare un figlio, e magari non gli chieda di confessarsi… o sei a conoscienza di cose che non sappiamo?
                      Se pensi che il Papa abbia detto che avere comportamenti omosessuali(o commettere altri peccati, chesso’ adulterio o altro) non e’ disordinato sbagli di grosso.

                    • Giannino Stoppani scrive:

                      Io non ho mai scritto che non sono un peccatore, anzi.
                      Io non ho mai scritto che i peccatori che si pentono non debbano essere accolti a braccia aperte nella Chiesa, tanto meno l’ho detto dei loro figli innocenti.
                      Io non ho mai scritto che qualcuno sarebbe “indegno”, né tanto meno ho ritenuto di considerarlo tale solo perché soffrono di un grave disordine morale. La sofferenza per la propria condizione di peccatore non riguarda solo gli omosessuali, ma tutti gli uomini, ai quali Gesù chiede di portare la propria croce.
                      Dei ragazzi che si ammazzano e le cui morti sono state strumentalizzate senza alcun riguardo per nessuno, io me ne sono fatto un’idea ben precisa, ma mi pare di essermela tenuta per me.
                      Insomma, se io riservassi a te lo stesso trattamento che tu hai riservato a me direi che sei un bugiardo in malafede che vien qui a prendere in giro la gente spacciandoti per cristiano.
                      Ma io mi guardo bene dal giudicarti, avendo da pensare ai peccati miei.
                      Quindi…
                      Vai in pace, va’!

              • Bifocale scrive:

                Stoppani è stato ben bene indottrinato. Questa presunta differenza tra gay e omosessuali è una pura invenzione, se la cantano e se la suonano negli ambienti della destra religiosa che anche su queste cose vuole dividere e creare conflitti, le solite ben note tattiche per cercare di dividere in buoni (coloro che si uniformano al loro Pensiero Unico di presunta origine divina) e cattivi (tutti coloro che non si piegano a baciare i piedi al clero).

                • Giannino Stoppani scrive:

                  Indottrinato sei tu, caro Bifocale.
                  A inventarti le cose sei tu, caro Bifocale.
                  A dividere i buoni (i trinariciuti che si mostrano proni all’ideologia gender) dai cattivi (tutti gli altri) sei tu.
                  E sei pure falso come una moneta da tre euro, visto che dell’adozione del termine “gay” da parte delle associazioni lgbt ne parla pure wikipedia (il che è tutto dire!), e siccome, al contrario di quanto volete far credere voialtri attivisti del menga, anche il più cretino in malafede deve pur ammettere che solo una parte (pure largamente minoritaria) degli omosessuali si riconosce in quei movimenti, la distinzione tra omosessuali e gay te la prendi tutta sul grugno e ti conviene pure abbozzare.
                  Ora che hai raccolto la tua consueta figura di guano, sei contento?

            • giovanna scrive:

              Sulla faccenda del troll “giovanna” ho già risposto mille volte, ma si sa, repetita juvant.
              Allora questo troll scrive quelle ingiurie sugli omosessuali perché su tempi non se ne trovano nemmeno a cercarle col lumicino e allora se le inventa, così che gli allocchi possano cascarci.
              Voglio dire , quasi tutti i lettori del sito l’hanno capito, se non al primo intervento, magari al secondo, l’ha capito anche il mitico Luca gay, che non era certo un’aquila !, ma c’è qualcuno che dopo centinaia di interventi completamente fuori contesto sia rispetto agli articoli di tempi, sia rispetto ai commenti dei lettori, ancora cita questo troll come esempio della crudeltà cattolica !
              Cioè, mi spiego ancora meglio, se uno non nota la differenza tra argomentazioni che magari può non condividere, ma sono civilissime e circostanziate, e insulti sparati a raffica , che dire ancora?
              Certo che questa cosa è seccante, magari tra un anno salterà ancora fuori qualcuno a citare le ingiurie di “giovanna ” , che la cosa sia per dabbenaggine o per malafede, comunque seccante !
              Non è che la redazione potrebbe fare qualcosa ?

              • Ale scrive:

                Allocchi, non è certo un’aquila, interventi fuori contesto, dabbanaggine e seccante.. Che dire, sprizza simpatia da tutti i pori. E scendi pardon scenda. In mezzo alla gente.

                • giovanna scrive:

                  Coda di paglia, cara Ale ? :-)
                  ( mi hanno sempre incuriosito queste persone, e negli anni ne sono apparse veramente tante, che vanno in casa d’altri a bacchettare e a fare prediche,andandoci sul pesante veramente, per esempio su come si debba comportare un vero cristiano, su cosa debba fare e dire il papa, naturalmente secondo logiche che sono tutto tranne che cattoliche, persino su chi la Chiesa dovrebbe proclamare santo,tirando fuori luoghi comuni e notizie-spazzatura, senza tralasciare commenti personali veramente offensivi sui lettori affezionati solo perché la pensano come la Chiesa, perché al contrario di loro , vivono nella Chiesa, e poi se la prendono per una punzecchiatura ! bah ! )

                  • Giannino Stoppani scrive:

                    La cosa divertente è la somma incoerenza che richiede la costruzione di vere e proprie requisitorie che farebbero impallidire la Boccassini usando il “non giudicare il prossimo” come fondamenta.

                    • giovanna scrive:

                      Già, caro Giannino, come quando parlano di “amore ” con l’odio che trasuda dal computer, che potendo ti farebbero a fettine !
                      E voglio sottolineare che non lo dico a vanvera, come sono soliti fare tanti che intervengono, così , tanto per offendere ( mi hanno detto che sono “cattiva ” perché difendo i bambini dalla strumentalizzazione e anche pessima madre ! oggi se non compri almeno un bambino, sei una pessima madre ! ), ma veramente hanno una cattiveria e una rabbia dentro che fa paura.
                      p.s.: non mi riferisco ad Ale, che casomai vedo un po’ appiattita su tante chiacchiere superficiali , ma non mi sembra cattiva cattiva ! :-)

      • Andrea scrive:

        E secondo te i gruppi religiosi conservatori non prendono anche loro cifre spropositate dai miliardari amici? Ma per favore… Quanto all'”ideologia contraria all’umanità”, questa è solo la tua opinione, fortunatamente sempre più minoritaria. E non è certo minoritaria perché la “lobby gay” ha i soldi dei miliardari, che ci sono da una parte così come dall’altra, ma per il fatto che sempre più persone considerano le vostre opinioni ideologiche e insensate.

        • Fran'cesco scrive:

          Andrea, ci sfugge quali sono i miliardari che finanziano chi e’ a favore della famiglia (per es. le sentinelle in piedi, che bisogno c’e’ di miliardi perche’ la gente comune manifesti?)
          Forse nei vostri blog (che io non ho tempo di leggere) lo si dice, qua non c’e’ traccia ne’ di miliardari ne’ di soldi investiti… ah forse parli del 5 per mille???

          • Andrea scrive:

            Se è per questo anche a me sfugge chi siano i miliardari che finanziano le associazioni LGBT italiane. Quanto alle sentinelle in piedi non mi venire a dire che è un movimento spontaneo di gente comune perché, per come sono organizzate, non è proprio credibile.

            • Fran'cesco scrive:

              Andrea,
              allora leggi l’articolo, per saperlo.
              Le sentinelle? certo che non e’ spontaneo, si trovano perche’ chi organizza le veglia suggerisce un posto, chi vuole viene. Se non ci credi: guarda una delle pagine facebook e/o vieni a vedere una “veglia” (non c’e’ bisogno di chiedere se sono pagati)

  3. Filippo scrive:

    ma di che ci si lamenta? la Chiesa ci ha construito un impero su propaganda e gente con la grana…sveglia!!!! L’avete inventata voi questa tecnica!!!!

    • Menelik scrive:

      Nella storia, la Chiesa, dalla “gente con la grana” ha avuto solo guai.
      Hanno considerato la Chiesa solo un paravento per portare avanti le loro porcate.
      Hanno nascosto le loro malefatte imputandole al corpo della Chiesa.
      La Chiesa avrebbe fatto meglio ad essere più selettiva e evitare di raccattare anche la feccia.
      A volte un atteggiamento meno “aperto” e un po’ più coraggioso, avrebbe giovato.
      Quando c’è da dire no, bisogna dire solo no e basta, senza lasciare spiragli per i fumi in espansione.

  4. Mariapia scrive:

    Anche la Chiesa spende cascate di miliardi per portare avanti i propri interessi. Con l’aggravante che le chiese non difendono i diritti delle persone, ma strambe superstizioni popolari a proprio uso e consumo.
    E per di più, spesso e volentieri, le chiese non ottengono il denaro che spendono attraverso libere donazioni, ma tramite operazioni opache e inopportune come ad esempio l’otto per mille.

    • michelangelo scrive:

      Bello sentire questa montagna di falsità sulla Chiesa… Questo invece è solo un piccolo esempio che contraddice le tue parole ” le chiese non difendono i diritti delle persone, ma strambe superstizioni popolari a proprio uso e consumo….” considera queste parole:” “ Sono albanese di sangue, indiana di cittadinanza. Per quel che attiene alla mia fede, sono una suora cattolica. Secondo la mia vocazione, appartengo al mondo. Ma per quanto riguarda il mio cuore, appartengo interamente al Cuore di Gesù” sono di Madre Teresa di Calcutta…. se non la conosci ecco una sua biografia http://www.vatican.va/news_services/liturgy/saints/ns_lit_doc_20031019_madre-teresa_it.html

    • Menelik scrive:

      L’8×1000 non è assolutamente nè opaco tanto meno inopportuno.
      E’ frutto di UNA SCELTA (voce del verbo scegliere, capito? Non obbligo!!!!!!!!!) che esprime SOLO CHI LA VUOLE.
      Altrimenti dai il tuo 8 allo Stato o ai Valdesi.
      Non c’è nessuna truffa dietro, non sono mica ateolaicisti quelli!
      Non sono spacciatori di menzogne come gli atei.
      Poi se consideri la nostra fede nel Dio dei cristiani una “stramba superstizione popolare ad uso e consumo della Chiesa”, cosa cavolo ci vieni a fare in un sito cattolico?????????????????????
      Solo a cercare disperatamente di prendere in giro la gente perché ti fa sentire meglio?????

      • Giovanni scrive:

        Peccato che si beccano anche i soldi di chi non ha scelto nulla.

        • EquesFidus scrive:

          Secondo un sistema proporzionale, quindi non in toto: il tuo attacco è fazioso ed ideologico.

          • filomena scrive:

            Ammesso che l’8 per mille sia giustificato la parte di coloro che non indicano nulla dovrebbe essere ridistribuita equamente non proporzionalmente.

            • Fran'cesco scrive:

              cioe’?

              • filomena scrive:

                Cioè la ridistribuzione dell’8 per mille di chi non ha scelto non andrebbe fatta in modo proporzionale al numero di scelte per ogni fede, ma diviso semmai equamente tra tutte le fedi. In questo modo non si privilegia la fede più numerosa ma si danno le stesse risorse a tutti. Questo per chiarire il commento sopra anche se ritengo che lo Stato specialmente in una crisi come questa dovrebbe tagliare i fondi anche alla fede e impiegarli a favore di tutti. Questo perché al di la delle discussioni sulle scuole confessionali e altre opere caritatevoli (sulle quali ci sarebbe molto da discutere proprio a livello di principio), non si capisce perché lo stato dovrebbe rinunciare a quei soldi per mantenere il clero e le gerarchie vaticane.

                • Giannino Stoppani scrive:

                  Lo Stato ci rapina anche troppo.
                  Invece che pensare a come distribuire l’otto per mille, sarebbe assai meglio lasciare i cittadini liberi di offrire quello che vogliono a chi vogliono e ridurre le tasse già abbastanza esose.

                • Fran'cesco scrive:

                  Filomena,
                  (a parte che non capisco perche’ 4 gatti di una confessione fine a se stessa debbano prendere gli stessi fondi di altre confessioni che in Italia fanno un mondo di bene… applichiamo anche la stessa procedura al 5 per mille? O quello no perche’ tocca i vostri dirittii?)

                  ancora con ‘ste polemiche fine a se stesse?
                  L’8 x mille della Chiesa Cattolica serve in minima parte a “mantenere” il clero.
                  http://www.8xmille.it
                  Al vaticano non puo’ andare nulla, essendo fuori dall’Italia…

                  • Rita scrive:

                    Presto, accorrete a dare ancora piu’ soldi al clero tramite l’8×1000 che il cardinale Bertone vuole impiantare una vasca per l’idromassaggio piu’ grande nel suo megaattico in ristrutturazione a Roma. Donate donate donate!

                    • Fran'cesco scrive:

                      Rita, non ho capito la battuta. E’ una battuta? Da dove l’hai copiata?

                    • giovanna scrive:

                      E magari, cara “rita “, o chiunque tu sia, esaminiamo anche il TUO tenore di vita?
                      No, perché in passato mi è capitato di interagire con gente che criticava chi aveva la vasca idromassaggio ( non so se Bertone ce l’abbia , costa poco di più di una vasca normale, molte mie amiche ce l’hanno e sono insegnanti e impiegate ), intendo qualsiasi cosa costosa o meno che abbia un sacerdote, e magari era appena tornata da un coast to coast negli Usa !
                      Certo che un povero, gente come questo “rita “, non l’ha mai visto nemmeno da lontano … saprebbe che l’unica istituzione ad aiutare i poveri è la Chiesa !
                      Di sicuro i circoli lgbt hanno altro da pensare che aiutare i poveri, non tirano fuori un centesimo nemmeno per i funerali di un povero trans : ci ha pensato la Caritas, mi pare in quel di Roma !

        • Q.B. scrive:

          Peccato che lo stesso valga per Stato, Chiesa cristiana avventista del settimo giorno, Assemblee di Dio in Italia, Unione delle Chiese metodiste e valdesi, Chiesa evangelica luterana in Italia, Unione delle comunità ebraiche italiane, Sacra arcidiocesi ortodossa ed Esarcato per l’Europa meridionale, Chiesa apostolica in Italia, Unione cristiana evangelica battista d’Italia, Unione induista italiana, Unione buddhista italiana.

          Oh, persino i buddisti !

    • Q.B. scrive:

      @ Mariapia alias filomena (la classe non è acqua)
      dalle vette inarrivabili della tua onniscienza hai riassunto un sistema teologico e filosofico maturato ed elaborato e studiato da pensatori credenti e non (di fronte ai quali io e te siamo scolaretti alle elementari) con la preposizione “strambe superstizioni popolari”.

      Credo che tu abbia involontariamente sintetizzato il problema di fondo tuo e degli altri troll tuoi compari che quironzano: una crassa e autocompiaciuta ignoranza su qualsiasi cosa esuli dalla vostra panza e sottopanza.

      Ho misericordia di vou.

    • Fran'cesco scrive:

      Mariapia
      puo’ essere benissimo che tu creda in quello che hai scritto, ma non capisco se:
      – stai parlando di chiese americane
      – di sei fatta abbindolare da Repubblica, Corriere o (peggio) UAAR
      – sei solo ignorante in materia; nel qual caso ti consiglio di frequentare una qualsiasi parrocchia

    • Alessandro scrive:

      In effetti la chiesa non lavora, ad esempio, in Africa per costruire scuole ed istruire chi non può permetterselo. Sono le lobby gay a farlo, vero?

      • filomena scrive:

        Se questi aiuti umanitari che peraltro è giusto fare, fossero fatti dallo Stato con i soldi dell’8 per mille evitando così il proselitismo, allora voi sareste i primi a dire che in un momento di crisi bisogna pensare prima agli italiani e poi ai paesi del terzo mondo.

        • Fran'cesco scrive:

          Filomena, pensa che con il miliardo di euro dell’8xmille alla Chiesa Cattolica (o meglio alle opere di bene che gestisce), lo stato ci paga un pezzetto di portaerei.
          Indovina dove andrebbe il miliardo se non ci fosse l’8xmille? Ad un ministero che lo sperpera? Nel migliore dei casi a ristrutturare qualche scuola.
          Ecco, adesso alza le chiappe e vai a visitare una qualsiasi opera dei francescani (per esempio) e poi torna a riscrivere la risposta.

  5. Ale scrive:

    Secondo Voi uno come Don Gallo potrà mai essere fatto Santo per aver difeso i “diversi”? E’ il 25 maggio un anno che è morto o mi sbaglio? Quanto è stato speso domenica dallo Stato Italiano per festeggiare la proclamazione di Santità di questi due grandi uomini di chiesa. Comunque grazie a guarigioni miracolose abbiamo altri due santi cui raccomandarci per avere “grazie ed intercessioni del Divino”. A me Don Gallo piaceva perché aveva pietà degli ultimi e di chi discriminato. Non sono gay ma neanche sono contro. Sono per un mondo di integrazione e amore cristiano verso chi è diverso da me per colore di pelle, tendenze politiche, tendenze sessuali e per credo religioso. La chiesa e gli ordini religiosi da secoli hanno ricevuto aiuti economici e lasciti, spesso con buona pace degli eredi ed il patrimonio immobiliare e’ importante proprio grazie a questi generosi lasciti. Lottare contro la discriminazione e’ un crimine? Per me no. Per i gay tanta gente etero e’ con voi.

    • giovanna scrive:

      Cara Ale, si capisce che a te della Chiesa e di Gesù frega meno di niente e cerchi disperatamente qualcuno che sostenga le tue intenzioni che anche tu avverti come disumane ( comprare un ovulo, un figlio, da una donna ? bel diritto ! bell’amore cristiano ! ), ma tutti questi discorsi senza né capo né coda, del tutto appiattiti sull’ideologia gay , ce li potresti risparmiare ?
      Eddai, scherzavo, con qualcosa dovrai pur riempirti la vita !
      ( oggi sono acidissima, ma questa gente che viene qui a sputare sentenze con tanta supponenza e malagrazia , a volte mi stufa , insisto : sono una donna, non sono una santa ! )

      • Ale scrive:

        @Giovanna mi scusi ma io credo in Dio ed in Gesù Cristo ed ho diritto di crederci quanto Lei. Non ho fatto ancora niente e proprio perché non voglio “sfruttare nessuna donna sono felice che in Italia sia passata la PMA Eterologa. Che ripeto non ho ancora fatto e sta valutando se fare o no. Ma certamente non per quello che sostiene Lei ovvero che negherei a qualcuno di conoscere le proprie origini. Io mi dico favorevole a far conoscere le origini ad un eventuale bambino/a NATO da Eterologa, sempre che la donatrice eventuale sia favorevole. Ma per me e’ genitore chi cresce il figlio/a si sacrifica per l’educazione e crescita materiale e morale del bimbo/a e non chi dona il DNA per Lei tanto importante. Se non sono andata fuori Italia, fino ad oggi e’ proprio perché ho paura di far crescere lo sfruttamento di donne deboli economicamente ed ho più volte spiegato che ad una PMA omologa spesso ci sono ovuli eccedenti che sono lasciati estinguere in laboratorio e che forse potrebbero essere donati. Ma ripeto non ho fatto ancora niente. L’unica cosa che mi sento di dirle e’ che con certe posizioni prese da alcuni rischiate di far sentire “quasi dei criminali” i genitori che invece hanno fatto ricorso all’Eterologa ed hanno avuto un figlio/a grazie a ciò… Dal vostro parlare sembra che siano dei mostri che hanno commesso un delitto. E questo se me lo concede non e’ bello. Sono contenta che Lei non sia la Giovanna che ha scritto cose pesanti in commenti ad altri articoli. Penso che non sia Lei perché l’altra ha fatto commenti brevi e razzisti, Lei invece scrive di più ma è comunque, se lo concede, “chiusa” riguardo a certi temi. Comunque mi illumini sulla differenza che passa tra gay ed omosessuale..non sono pratica.

      • Ale scrive:

        Ho già scritto che credo in Dio e in Gesù Cristo e che Lei Signora Giovanna non avrebbe alcun diritto di pronunciarsi sulla mia fede . Ma la Redazione pubblica quello che vuole..e non ho offeso alcuno. Sto solo dicendo di non giudicare chi ha fatto questo passo ed ha avuto un bambino. Ripeto io non l’ho fatto e solo per il fatto di averci pensato per Lei non sono cristiana.. A me piaceva Don Gallo. Meno chi va a vivere in 700 metri quadri o chi dice “non denunciamo i pedofili per proteggere i minori abusati” ..se questa e’ la chiesa allora non rispecchia quello che per me e’ importante.. La chiesa e’ sopravvissuta secoli perché l’Ampre di Dio e’ immenso e non certo per quello che hanno fatto gli “uomini di chiesa nei secoli dei secoli”…poi sia acida quanto vuole, se permette mi dispiace per Lei.

        • giovanna scrive:

          Ale, rispondo un pò in fretta, confessando che ho letto tutto il tuo fiume di parole a saltelli : avrei una vita !
          Comunque, non volevo offenderti, nè tantomeno dare patenti di cristianità, ma ho reagito a quello che tu stessa dici, con queste continue lagne, tu stessa non fai che criticare la Chiesa (non mi far riportare tutte la frasi ! pietà !) dando la netta impressione che se la Chiesa non si adegua a quello che pensi tu sia da offendere.
          Per me , poi, puoi offendere quanto ti pare, ma fare il predicozzo su cosa sia l’amore cristiano, eddai, non essere ridicola !
          Un omosessuale è una persona che prova attrazione per una persona del suo stesso sesso e questo non è una cosa bella per la persona: tu vorresti che tuo figlio fosse omosessuale ? Nessun omosessuale su questo sito è arrivato a tanto ! Si tratta di un problema, come tutti abbiamo problemi , solo che bisogna chiamare le cose col proprio nome, in primis per chi soffre dei problemi. Se io fossi grassa , pretenderei che mi rispettino, non pretenderei certo di sfilare per Armani !
          Mentre un gay è una persona omosessuale che la butta in ideologia, reclamando dei diritti impossibili per la sua condizione, come per uno stonato è impossibile avere il diritto di essere ammesso in un coro polifonico, almeno finché due uomini non potranno concepire un bambino !
          In ultimo, il problema principale dell’eterologa non è che il bambino non saprà mai delle sue origini, ma proprio l’abuso che si compie su un essere umano che è la madre di quel bambino, prelevandole l’ovulo a pagamento ( e anche se lo regalasse, tu regaleresti tuo figlio ? che è , una cosa ? un gattino ? ) e anche su quel bambino, separato da sua madre per soddisfare un desiderio dell’adulto.
          Per oggi basta.

          • Ale scrive:

            @ Giovanna e poi sono io il fiume di parole, lagnosetto?! E per fortuna che rispondi in fretta. Mi è scappato il “tu” .. Mi scusi.

            • giovanna scrive:

              Signora Ale, ho cercato di rispondere alla domanda che lei mi aveva posto !
              Se poi sono stata lagnosa, me ne scuso, ma non posso fare a meno di notare che lei me lo dice a vanvera, mentre io penso veramente che lei sia stata piuttosto noiosa nei suoi ultimi discorsi campati per aria.
              Cara signora, la saluto.

  6. filomena scrive:

    A Q.B. rispondo che il commento di Mariapia o chiunque fosse non è mio e lo dici solo perché probabilmente tutto quello che non ti piace lo imputi ai troll.
    Se io devo dirti quello che penso stai certo che lo firmo col mio nick. Il problema è che non vuoi renderti conto che anche su Tempi cominciano a scrivere voci fuori dal coro.

    • Fran'cesco scrive:

      Filomena,
      e’ da tempo che su Tempi scrivono voci fuori dal coro.
      Ben vengano finche’ non offendono; e di questi ne abbiamo un ampio esempio in questa pagina.
      Poi dopo un po’ si stufano e si staccano dal contro-coro (o cambiano nick). O si convertono?

      • filomena scrive:

        Caro Francesco
        se si stufano può essere che il “coro” sia un po’ noiosetto, se offendono gli altri non meritano di essere letti, se cambiano nick diciamo che potrebbero essere “incostanti”. Ma è sull’ultima che ho le più grosse perplessità: credo siano impermeabili agli anatemi.
        Dai prendila con filosofia, in fondo in fondo ti diverti pure tu (maleducati a parte) ci vuole un po’ di ironia in questa valle di lacrime.
        Tanto per dirne una sul fatto di essere noiosetti: visto che è lei a puntualizzarlo per ben due volte, non ti sembra superfluo che Giovanna ci comunichi ” sono una donna, non sono una santa!”

      • Ale scrive:

        @Fran’cesco: chi è fuori dal coro bene o male alimenta un dialogo che mai deve essere offensivo da entrambe le parti..forse le persone che tu dici fuori dal coro hanno continuato a leggere tempi.it perché comunque credenti, anche se non allineati al pensiero ufficiale della chiesa?! Comunque io mi firmo Ale perché mi chiamo alessandra ed ale e’ più breve ed inoltre la redazione, se vuole sa chi sono perché uso sempre una PEC. Ovviamente non scrivo il mio cognome perché voglio tutelare la mia privacy ma tramite la PEC la redazione può sapere chi sono che professione svolgo. Ma te perché ti firmi Fran’cesco? Non per farmi gli affari tuoi ma è singolare. Non occorre che mi rispondi ma era per parlare di altro.

        • Fran'cesco scrive:

          Filomena, Ale,
          guardate che volevo solo dire che le voci “fuori dal coro” esistono da tempo, su Tempi.
          Evidentemente c’e’ parecchia gente interessata agli articoli, o perche’ curiosa, o perche’ anticlericale o perche’ falsa con se stessa. Non vedo alternative.
          Poi c’e’ anche tanta gente che cerca la Verita’, magari stona ma non e’ “fuori dal coro”.

    • Q.B. scrive:

      @filomena
      Il troll si qualifica per il metodo, non per il merito. Liquidare una storia bimillenaria di fede (per chi ha la fortuna di averne anche solo un briciolo) e di pensiero filosofico della portata del Cristianesimo (che ha impegnato fior di pensatori in questi 2000 anni) con una frase da beoni come quella della sedicente mariapia (frase di un tenore che non è estraneo anche al tuo lessico cara filomè) taglia alle fondamenta qualsiasi dialogo perchè non è possibile confrontarsi su un tema quando l’interlocutore manca delle nozioni fondamentali. Ergo si danno due casi: nella migliore delle ipotesi è un troll che cazzeggia sapendo di
      cazzeggiare, nella peggiore è un pozzo d’ignoranza la cui profondità è pari solo alla sua arroganza (due caratteristiche che peraltro amano viaggiare a braccetto).
      Ora che ci penso però, sono noti casi in cui il troll sia anche un pozzo d’ignoranza presuntuoso.

      • filomena scrive:

        Ma certo per voi solo chi conosce a memoria oltre che alle preghiere anche ogni esternazione fatta dagli uomini di Santa Madre Chiesa può considerarsi illuminato. Tutte le persone sono ignoranti ti ricordo perché non è possibile sapere tutto. Ciò non significa che non si abbia il diritto di esprimere il proprio pensiero. Il tuo è invece un atteggiamento arrogante che rifiuta il confronto con chiunque non ripeta a pappagallo il rosario.

      • Ale scrive:

        Si guarda se anche questo post non viene pubblicato.. Il Cristianesimo e’ sopravvissuto per l’Amore immenso di Dio non per la Saccenza degli uomini..e per la cronaca la filosofia lo sanno anche gli ignoranti che è nata in Grecia e che ammetteva l’omosessualità. Poi potrei ribatterti che Gesù amava gli umili e non gli Scriba saccenti del suo tempo..che guarda un po’ si reputavano “i più degni in assoluto di stare nel Tempio di Dio”.Mi perdonerà Lui, se oggi l’ho citato troppo spesso… ma per dire che Cristo non ha parlato di tendenze sessuali ma di “ama il tuo prossimo come te stesso”. Poi se qui si vuole filosofeggiare soltanto e’ un altro discorso…e ti dico hai ragione non è per tutti la filosofia…e si passa da “beoni di bar anche se sei astemia e magari laureata..non in filosofia o teologia..”

      • Ale scrive:

        @ Q.B. Il Cristianesimo e’ sopravvissuto per l’Amore immenso di Dio non per la Saccenza ed il Fiolosofeggiare degli uomini.. La filosofia e’ nata in Grecia ed ammetteva l’omosessualità. Inoltre mi risulta che Cristo amava gli Umili, non ha mai detto una parola sulle tendenze sessuali degli uomini e l’unico comandamento che ci ha lasciato e’ “Ama Dio sopra ogni cosa ed ama il tuo prossimo come te stesso” . Poi se qui si vuole filosofeggiare e si provoca “fastidio” perché anche chi non è laureato in filosofia o teologia si esprime allora e’ un altro discorso.. Lo pubblicheranno o verrà censurato?!

        • Q.B. scrive:

          @ Ale

          a) il Cristianesimo vive solo grazie allo Spirito Santo e alla Verità intrinseca nel suo messaggio. Questo nucleo forte ha provocato in duemila anni elaborazioni teologiche e filosofiche (perchè siamo piccoli e per capire una cosa titanica come la Verità ci costa fatica e ancora non ci riusciamo se non affidandoci alla guida di Gesù Cristo).

          b) se secondo te nostro Signore ha lasciato un solo comandamento riassumibile nel “volemose bbene”, o sei qui a prenderci per i fondelli oppure hai bisogno di una serie di corsi di catechesi accelerati (ma può anche essere che tu non sia cattolico, allora in questo caso è diverso).

          c) quando si parla di qualcosa che non si conosce a fondo si evita di lanciarsi in affermazioni apodittiche e tautologiche (es. la religione cristiana è un’ideologia religiosa, cit.paoletto), ma si propone una tesi e la si confronta con quello dell’interlocutore. Ti ripeto, la questione è principalmente di metodo.

          d) se non ti pubblicassero organizzerei personalmente una raccolta di firme a favore della pubblicazione di certe vertiginose acrobazioe argomentative. Voi siate i migliori, benchè involontari, demolitori delle teorie bislacche che sostenete con supponenza. Vi imploro di non smettere mai di scrivere!

          • Q.B. scrive:

            Ah dimenticavo: la Grecia antica non ammetteva l’omosessualità, al massimo tollerava un comportamento che comunque era ritenuto deviato.
            Vedi cosa intendo quando dico di non parlare di cose sulla quali ti sei costruita un opinione solo per sentito dire? E aprilo qualche libro ogni tanto…

          • Ale scrive:

            @Q.B. Realizzare il “volemose bbene” sarebbe già aver fatto tanto.. Ma vedo che confermi la mia teoria con la tua risposta.. Mi diverto tanto anch’io sai?!

  7. Giuseppe scrive:

    Così me stanno le cose è guerra persa, per il semplice fatto che non siamo credibili. I valori in se non hanno senso se non sono il riflesso di qualcosa di Altro. Cioè il cristianesimo porta ancora il fardello di troppi scandali, il primo fra tutti è che siamo divisi in 3 grandi religioni. Come può essere credibile di Verità? Come può essere credibile di verità un cristianesimo che ogni giorno a messa non ricorda come cosa più cara i martiri della Siria? Siamo gnostici e nessuno se ne rende conto. È da qui che bisogna ripartire. Farsi ammazzare. Solo così i valori immorali mostreranno tutto il loro marciume. Le cose non andavano affatto meglio in altre epoche, tipo quello imperiale romano, e non con i valori la stroria è cambiata. Nessuno è così stupido da ritenere giusto ciò che non è. È una posizione ideologica per attaccarci proprio li dove non siamo difendibili. Infatti bifocale ha vinto, se quello che dice sui Finaziamenti da parte dei clero è vero. Scusate…

  8. dario scrive:

    Gente di poca fede. Il male non riuscirà mai a prevalere, potrà vincere qualche battaglia, ma saranno vittorie di Pirro con poca o nessuna importanza. La cosa importante è pregare pregare senza stancarsi mai.

  9. Dario scrive:

    Io mi occupo di salvare la pelle alle persone questa è la mia terapia occupazionale

    • Filomena scrive:

      Per questo ti ringraziamo se sei un esponente delle forze dell’ordine o un sanitario ma se lo fai con la preghiera… qualche perplessità sorge spontanea

  10. AndreaB scrive:

    Si’… I troppi soldi molto spesso corrompono…La tiepidezza nella fede e nel seguire blandamente Chi ci ha amato fin dal principio, preferendo molte volte il nostro egoismo ed il dio denaro, ci sta facendo cadere in un mondo peggiore.

    Si’ Alessandra, e’ vero, chi e’ cristiano, ma anche chi non lo e’ dovrebbe amare il prossimo come se stesso…Purtroppo spesso non succede nemmeno tra i cristiani.
    Chi combatte sistematicamente contro il prossimo, pero’ e’ chi aborrisce i valori cristiani. Quasi sempre utilizza stratagemmi infingardi per fare apparire bene cio’ che e’ male… Le povere donne violentate per giustificare l’uccisione dei bambini nel grembo materno;
    I poveri malati che sembrano dei vegetali (coma vigile) per giustificare l’omicidio dei pazienti, ora anche minori, piuttosto che curarli;
    il dolore di povere persone gay, che si amano tanto e che vorrebbero sposarsi, per giustificare, fare approvare e favorire la sodomia, per promuovere l’acquisto di esseri umani, dando soldi a delle povere madri che partoriscono e vendono i loro figli, per privare sistematicamente dei poveri bambini, del padre o della madre e dulcis in fundo, per giustificare la diffusione di materiale pornografico omosessuale tra i minori delle scuole…
    Bisogna pesare tutto e comprendere dove si sta andando a finire… Leggere di piu’ il Vangelo e affidarci di piu’ a persone sagge, del passato e del presente, che hanno amato e amano veramente il prossimo, che non odiano, che ci rimettono di tasca propria pur di essere coerenti, che a volte sono state uccise da chi voleva uccidere il bene… Alessandra, prova a identificare quale puo’ essere un buon esempio nella storia… Se riesci, scegli il migliore, ed ascolta i suoi apostoli piu’ fedeli…

    • Ale scrive:

      Scusa Andrea ma conosco omosessuali che vivono la propria vita senza essere quello che citi tu ed il solo pensiero li distruggerebbe moralmente, soprattutto il riferimento alla pornografia tra i minori. Poi non è che voglio fare una crociata per i diritti dei gay, omosessuali o cosa..io neanche sapevo ci fosse differenza. Ma non amo che vengano ghettizzati. Così per chi ha fatto l’eterologa e viene criminalizzato. Tutto qui. Poi su questi temi il clima si scalda e su altri leggo pochissimi interventi.

      • Alvaro il Laido scrive:

        Che ingenuità sesquipedale!
        Sono i “gay” che “ghettizzano” chi non la pensa come loro, soprattutto gli omosessuali che non condividono le loro idee campate in aria sulla sessualità!
        E nessuno criminalizza chi fa l’eterologa, che di solito è vittima della disinformazione, ma se permetti c’è qualcuno che, anche se “sprizza simpatia da tutti i pori” pensa anche alla miserevole sorte bambini che nascono da queste tecniche sciagurate che consistono in sostanza nella compravendita e nell’assassinio di innocenti.

  11. Dario scrive:

    Io sono un operatore sanitario di stampo cattolico e anche piuttosto conservatore, lavoro in ambulanza perché mi sono messo al servizio delle persone che soffrono, e in undici anni ho incontrato tutti i tipi di persone con più o meno tutti i tipi di patologie, ho incontrato persone omosessuali che ho aiutato come qualsiasi altra persona, perché il mio compito è quello di aiutare le persone che soffrono e non di fare distinzioni sul colore della pelle o sul loro orientamento sessuale. Si lo faccio anche con una buona dose di preghiera perché vedo nel malato il volto stesso di Gesù, forse questa cosa potrà farti sobbalzare ma è così che sono fatto.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana