Google+

Torino ritira il patrocino alla mostra Lgbt. E basta guardare la locandina per capire tutto

settembre 2, 2014 Redazione

«Un’obesa nuda che calpesta le immagini di Gesù Cristo e della Vergine Maria: ecco la nuova frontiera dell’arte omosessuale che il Comune di Torino ha ritenuto di voler promuovere»

torino-mostra-lgbtLa giunta del Comune di Torino ha ritirato il patrocinio alla mostra d’arte Lgbt all’ex Manifattura Tabacchi. Dopo le polemiche, Maurizio Braccialarghe, assessore alla Cultura, ha spiegato che «prima di dare il patrocinio alle iniziative valutiamo la serietà dei progetti presentati. In questo caso, nessun elemento inviatoci poteva far pensare all’utilizzo di un’immagine che riteniamo lesiva della sensibilità di molti. Dopo aver visto la locandina oggi la Giunta, all’unanimità, ha deciso di revocare il patrocinio all’evento».

LA POLEMICA. La polemica era scoppiata dopo che la mostra aveva ottenuto il patrocinio del Comune. Tra i primi a protestare il consigliere indipendente Giuseppe Sbriglio: «Non mi piace questa foto, io sono per difendere i diritti ma la trovo offensiva. La provocazione serve a sollevare le coscienze ma qui turba la mia anima. Gesù ci aiuta a schiacciare la testa del demonio non può l’uomo o la donna schiacciare la testa di Gesù. La mia tesi di laurea è stata sulla tutela del sentimento religioso e sta cosa a mio avviso vilipende… e poi il Comune dà pure il patrocinio?».

NON VOLEVAMO CALPESTARE LA RELIGIONE. Dopo il ritiro, gli organizzatori della rassegna hanno smentito che l’immagina da loro utilizzata fosse, in qualche modo, blasfema: «La nostra rassegna intende promuovere gli artisti LGBT ma da quest’anno abbiamo aggiunto una ‘e’ per comprendere anche il mondo etero. E la fotografia di Mauro Pinotti ha come unico intento quello di mettere in risalto la donna. Non di calpestare la religione».
Lo stesso artista si è giustificato dicendo che «il simbolismo che ho scelto per il mio lavoro non vuole affatto denigrare la religione, ma solo esaltare la superiorità della donna rispetto l’uomo. I sette vizi capitali presentati in mostra hanno tutti dei simboli ben precisi, studiati nei dettagli. In questa foto ho scelto di simboleggiare la Superbia con una donna. All’inizio volevo mettere sotto i piedi di questa Donna/Superbia una pila di libri, volevo rappresentarla superiore alla cultura. Però mi sembrava banale, limitativo. Ho sempre considerato la donna assolutamente superiore all’uomo e pensato che sopra la donna c’è solo Dio. Così sono andato a cercare un manifesto qualsiasi in cui fosse rappresentata un’icona religiosa per metterla sotto i suoi piedi».

E’ ARTE, NON VILIPENDIO. Precedentemente sull’argomento erano intervenuti il radicale Pd Silvio Viale, secondo cui si trattava di «polemiche pretestuose, è arte, non vilipendio», e Silvio Magliano, consigliere Ncd, di cui vedete sopra il messaggio twitter, che aveva chiesto al sindaco Piero Fassino di riferire in consiglio comunale per capire «se chi ha concesso il patrocinio ha esaminato la bozza del manifesto». Per Magliano «chi oltraggia, denigra, mette in ridicolo la fede, le ragioni e le idee altrui lo fa perché non ha argomenti. Nel caso del manifesto della mostra International Art LGBTE chi oltraggia e denigra, però, ha il Patrocinio, e magari anche il sostegno economico, della Città di Torino. Proprio quella maggioranza che dichiara, in parte, di innestarsi in una matrice cattolica, che al suo interno annovera tanti esponenti che da quella matrice provengono e di tale cultura si professano, che quando si tratta di altro predica in favore del rispetto e invita a non provocare, non solo accetta, ma addirittura sostiene, in modi che andrò senz’altro ad appurare tramite gli strumenti della Sala Rossa, una manifestazione il cui manifesto è una pura, assurda, inaccettabile derisione della sensibilità di centinaia di migliaia di cittadini torinesi e di milioni di italiani. Una provocazione tanto più grave e inaccettabile in un momento storico segnato dalla recrudescenza di massacri e persecuzioni a sfondo religioso, in particolare a danno dei cristiani. Chiederò alla Giunta di revocare il patrocinio della Città a un evento culturale che non propone una visione culturale, ma un’inaccettabile propaganda anticristiana».

Schermata 2014-09-02 a 13.14.27IMMEDIATO RITIRO. Duro anche Maurizio Marrone di Fratelli d’Italia: «Un’obesa nuda che calpesta le immagini di Gesù Cristo e della Vergine Maria: ecco la nuova frontiera dell’arte omosessuale che il Comune di Torino ha ritenuto di voler promuovere con il patrocinio della Città e, chissà, magari anche con finanziamenti. Le lobby gay non pensino di godere di una licenza di offendere la sensibilità altrui, soprattutto quella cristiana in un momento storico di feroci e cruente persecuzioni subite per la fede in quelle immagini sacre così oltraggiate dalla cosiddetta arte lgbt! Esigiamo l’immediato ritiro del patrocinio comunale da questa porcheria e le scuse pubbliche del sindaco Fassino per questo scivolone imperdonabile!».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

144 Commenti

  1. Cisco scrive:

    Ulteriore conferma che sarà una risata a seppellire questi pagliacci LGBTE (qualcuno può spiegarmi questa E finale, che nel marasma dei disorientamenti queer mi sono perso): tra la cicciona icona-gay e la Madonna icona-cristiana non è certo quest’ultima a sfigurare…

    • Menelik scrive:

      …che la E finale stia per “EBETI” ????????????????????

    • Mariano Fusaro scrive:

      Meno male ci pensa l’Europa. Facendoci una mega e milionaria multa ogni anno per non rispettare le direttive. Cioè non avere leggi LGBTQI. Sono proprio felice che paghiamo per colpa vostra. , omofobi razzisti. Sono contento perché presto i milioni e milioni di persone lgbtqi non pagheranno più tasse e voi sarete più falliti di prima.

      • Sebastiano scrive:

        Va a smerdacchiare da un’altra parte, omofascistello del menga. Se credi di farci paura con i tuoi deliri hai sbagliato casa.

      • Menelik scrive:

        certamente. Un’Europa di delinquenti banchieri che ingrassa gli assassini dell’ISIL per la loro politica lercia. Ma l’ora per questa Europa sta per giungere.
        In quanto alle tasse, sappiamo bene quanto le organizzazioni gay siano evasori fiscali e mantenuti dallo Stato infilando le mani nelle tasche dei lavoratori e prelevando a più non posso!
        E poi si lamentano che i lavoratori ce l’hanno con i gay, e sarebbe anche “omofobia” questa.
        Io la chiamo tentativo di legittima difesa.

        • luca scrive:

          Menelik hai i criceti nel cervello.
          punto primo, non sono le associazioni gay ad evadere le tasse ma alcuni club gay a farlo, quando vogliamo animarci per combattere questa vergognosa evasione io sono con voi, ma solo a patto che ci animiamo anche perché la chiesa paghi le stesse tasse che paghiamo noi (vedi tasse sugli immobili).
          i lavoratori sono sempre stati presenti a tutti i gay pride e dalla parte dei gay…
          i gay non fanno pagare tasse e tantomeno possono prelevare soldi agli altri (qui hai dato il massimo). in compenso tutte le coppie gay pagano tasse come 2 individui separati invece che come una famiglia, con un notevole dispendio di danaro (senza considerare la maggiore difficoltà a ricevere un mutuo).

        • Giuse scrive:

          MANELIK ! AHAHAHAHAHAHAH madò quanto sei stupido 😀 😀 😀 Grazie di avermi allietato la pausa con i tuoi deliri da clown 😀 😀 😀 Grazie 😀
          Potresti far sentire intelligente chiunque tu 😀 Se non c’eri bisognava inventarti.

      • Alberto scrive:

        Ma va a dar via i ciap anche tu… Questa moda finirà prima o poi, e noi saremo sempre pronti a dare battaglia. Ovunque.

      • Aldo Cannavò scrive:

        Mariano F., la locandina conferma la mente perversa degli omosessuali fondamentalisti.Purtroppo ne esistono anche in Europa,come difetto,non come pregio.Nulla di male essere omosessuali.Diventa male quando si pretende di essere inseriti nelle regole normali,non nelle eccezioni.

    • luca scrive:

      la E finale sta per etero, perché nonostante i nostri siano pochi piccoli eventi ci tentiamo sempre ad includere tutti e non escludere nessuno!
      chissà quando mai voi farete lo stesso

    • Giuse scrive:

      La mostra è organizzata dalla Ex Manifattura Tabacchi. Lgbte, è l’acronimo che da il titolo all’esposizione “La Grande Battaglia Trova Esito”. Questa associazione infatti si occupa solo di arte, e non di problematiche riguardante il mondo gay.

  2. Q.B. scrive:

    Nemici di Gesù Cristo e della sua Chiesa, e su questo i troll da forum ci avevano già illuminati.
    Però queste porcherie (cit.marrone) andrebbero esposte anche a ogni angolo di strada, così, giusto per consentire all’opinione pubblica di formarsi un parere più completo sulla natura del movimento lgbspidhfgbipegbh e dei suoi animatori.

    • luca scrive:

      Q.B. mentre riflettiamo se queste immagini debbano essere messe ad ogni angolo di strada (sulla cui opportunità non mi pronuncio), per ora in molti angoli di strada ci sono immagine cristiane, la cui cosa mi sembra inopportuna… sono italiano quanto voi e quelle strade servono a me quanto a voi!

      • Andrea UDT scrive:

        Io invece mi pronuncio: è di cattivo gusto, offensiva, quanto mai inopportuna visto quello che accade nel mondo.
        E aggiungo: paragonare quella sottospecie di volantino con le immagini Cristiane (immagino lei si riferisca a crocefissi, chiese, edicole votive…) è una inutile offesa.

        Se poi sia arte… se lo è la merda in scatola di Piero Manzoni c’è da aspettarsi questo e peggio.

        Artisti, ….ma col grano pubblico. Non mi piace.

        • luca scrive:

          allora mi pronuncio anche io: trovo oltraggioso, offensivo, inutile e sporco che in ogni angolo di strada (pubblica) venga così largamente rappresentata una religione crudele, vigliacca e ostile come la vostra.
          perché su una strada di tutti, quindi anche mia, devono esserci effigi che mi ricordano solo quanto mi odiate? fate una bella cosa, mettetevele dentro casa vostra e lasciate le strade pulite dal vostro marciume ideologico

          • EquesFidus scrive:

            Il marciume ideologico ce l’hanno in testa i troll anticristiani come te, che infanghi duemila anni di arte e storia per le tue manie di complotto.

          • Q.B. scrive:

            @ danielucarlomasi, stavo abbozzando una risposta sensata e ponderata ma in itinere mi sono reso conto che sarebbe stata fatica sprecata; quindi per oggi niente margaritas ante porcos, ti tocca il solito pastone preparato con gli avanzi decomposti della tua coscienza. Aspetto con sincera apprensione il momento del tuo ritorno alla vita vera. Proporrei gruppi di preghiera anche solo virtuali per aiutare il processo.

            • luca scrive:

              Q.B. guarda che ho pregato pure io, solo che ci vedo abbastanza bene per capire che non c’è nessuno dall’altra parte che risponde… il resto sono chiacchiere.

              i tuoi 2000 anni di storia, sono anche 2000 anni di angherie e crudeltà prima per ottenere e poi per mantenere il potere

          • Cisco scrive:

            @Luca
            I cattolici non odiano nessuno, infatti non esistono forme di “arte” cattolica offensive verso i gay come questa locandina lo è verso i cristiani. I cristiani riconoscono il peccato, proprio e altrui. Chiedi udienza al papa, poi mi racconti.

            • luca scrive:

              Cisco,
              è divertente la tua ignoranza, proprio a San Pietro (una chiesa che mi risulta essere piuttosto importante), c’è una famosissima statua realizzata da Bernini per la tomba di Papa Alessandro vii credo, in tale gruppo di statue la personificazione di “giustizia” schiaccia l’Inghilterra con il suo piede (per via della riforma).
              anzi a dire il vero pensavo che il riferimento a questa statua fosse ovvio e voluto!

              oggi giorno ovviamente non avete bisogno di forme di dissidenza così sottili come l’arte, o così artigianali come le locandine… i vostri rappresentanti parlano e i giornali riportano quello che hanno detto… e ne dicono di cose, altro che una stupida foto

              • Cisco scrive:

                @Luca
                Di divertente (si fa per dire) c’è solo la tua di ignoranza (aggravata dalla superbia), dato che il sepolcro di Alessandro VII del Bernini non rappresenta alcuna Inghilterra schiacciata. E se anche fosse – e proprio qui sta l’apice della tua crassa ignoranza – non sarebbe altro che la conferma di quanto ho scritto, e cioè che i cristiani riconoscono il peccato (quella che tu con ulteriore ignoranza chiami Riforna, e che invece è lo Scisma Anglicano, iniziato con l’atto di Supremazia ben prima che Alessandro VII diventasse papa) e non i peccatori (gli inglesi): anche perché il papa non avrebbe mai condannato gli inglesi sapendo che tra loro c’erano anche cattolici, perfino santi e martiri. Ma tu che ne sai, dal basso del tuo brancolare nel buio che cerchi di dissimulare con citazioni erudite di cose che al massimo avrai sentito citare durante un Trivial Pursuit dell’Arcigay.

  3. Carlo Schieppati scrive:

    Che schifo!!!!

  4. ftax scrive:

    @Federico Leone. L’unica class action sensata è quella delle prossime elezioni: ricordarsi bene di questo quando si va a votare.
    PS. Questo vale anche per coloro che, come focolarini&scout, sostengono da tempo il PD.

    • Menelik scrive:

      ….ma la gran parte del PD NON è dalla loro parte, Santo Cielo!
      E di Berlusconi allora, che raccatta su i Radicali, che si dovrebbe dire allora?
      E della Lega, che ha tolto i fondi Nasko in Lombardia per non darli agli extracomunitari regolari, come se fosse colpa loro se le italiane fanno sempre meno figli???????
      Renzi gliel’ha cantata sonora a Bruxelles, delle 200 studentesse nigeriane schiavizzate dai Boko Haram.
      La democrazia che abbiamo avuto finora è una oligarchia delle multinazionali, a cui interessa più non perdere il petrolio arabo piuttosto di fare qualcosa di serio (cioè l’opzione militare) contro l’ISIL.
      Finchè era guerra per accaparrarsi il petrolio di Saddam erano tutti pronti a partire, vedremo adesso se si muovono anche per ideali morali, cioè difendere vittime dell’ISIL dal genocidio e dalla schiavitù, polverizzando l’ISIL sotto una grandine di fuoco!
      Voglio proprio vedere le “grandi” nazioni occidentali, che si spallano per le sanzioni a Putin, se interverranno seriamente contro l’ISIL e Boko Haram.
      Adesso metteremo alla prova i grandi ideali di democrazia tanto decantati, e poi vedremo cosa c’era di vero.

  5. Martino scrive:

    Torino che? Quella città che voleva diventare la Parigi d’italia (i minuscola voluta)!

    Quella città che… quando c’erano le olimpiadi sembrava di essere arrivati sulla pista, tante erano
    le indicazioni ridondanti per raggiungere le mete (montane)?

    Quella che…. quando hanno esposto la sindone, scesi dal treno, non si sapeva dove fosse, e chiedendo a qualcuno rischiavi il linciaggio?

    Bene, città moderna e avanti in fantasia, piena di privilegi civili che calpestano l’altrui dignità!

    Sto ancora aspettando che ci dicano cosa pensano delle altre religioni.

    SCIAGURATI!

  6. lucillo scrive:

    Giusto.
    Dovevano metterla magra e sinuosa, e soprattutto senza quelle ridicole scarpe bianche a sottolineare il rapporto diretto fra corpo umano e immagine sacra.
    Non c’è bisogno di tanti kg per schiacciare chi ti schiaccia, è sufficiente la dignità.
    Scelta decisamente sbagliata.

    • EquesFidus scrive:

      Anche fosse stata Sharon Stone, resta il fatto che l’immagine è offensiva e vergognosa, soprattutto per i cristiani.

      • luca scrive:

        tanto offensiva quanto le dichiarazioni dei vescovi contro i gay?
        uno stato giusto dovrebbe dare il diritto di replica.
        e voi vi preoccupate di essere imbavagliati? per ora il bavaglio lo mettete voi ai gay!

        • EquesFidus scrive:

          A me sembra invece che possiate ampiamente chiaccherare, a sproposito e pure troppo. Tornatene al circolino dell’Arcigay e smettila di fare il ridicolo.

          • luca scrive:

            qui gli unici ridicoli siete voi con i vostri infantili piagnistei, nessuno ve la tocca la vostra religione

            • EquesFidus scrive:

              Nessuno ce la tocca? Stai zitto, che è meglio.

              • luca scrive:

                va bè, altre religioni a parte… mica è colpa mia se vi scannate tra di voi nonostante diciate e facciate tutti più o meno le stesse menate

                • Toni scrive:

                  @ Luca

                  i contrasti fanno parte della vita (poi più che scannare siamo scannati), altra cosa è violentare la natura e la ragione, come ritengo avviene con certi “diritti civili”.
                  Per l’immagine della locandina dico solo che è una “porcata” di rappresentazione (e questo indipendentemente dell’evidente e grave intento blasfemo) . Per avere una prova, basta andare tra gli aborigeni australiani (super partes), farla vedere a loro e… vederli vomitare. E’ indifendibile… ed il fatto che qui c’è chi la difende rende l’idea dei valori civili di cui si è portatori.!

                  Ps – Nessun apprezzamento mio sulla graziosa signora con le scarpette bianche. Lei non ha “colpe” ma è una delle vittime.

                  • luca scrive:

                    Toni, i miei diritti civili non violentano assolutamente la natura, visto che la natura comprende ampiamente l’omosessualità, quindi usa pure altri argomenti.
                    violentare la religione? non ne faccio parte, perché una religione dovrebbe sentirsi violentata dal comportamento privato di una persona che non la segue? e qui sta il punto, le religioni come la tua vogliono imporsi a tutti, volenti o nolenti… questo è il disastro.

                    per quanto riguarda la foto? a me non piace, ma sinceramente a me non piacciono molte cose, e se a me una cosa non piace non la vieto fintanto che non è dannosa o pericolosa, mi limito a non andare alla mostra!

                    • Toni scrive:

                      Ti ho , indirettamente risposto, nella discussione relativa al manifesto di Toscani.

                      Violentare la “ragione” non la “religione” (quando parlo con atei non li affronto con argomenti religiosi per abitudine) .

                      Se la foto non ti piace… hai gusto (menomale) !

                      Ma quando dici: “a me non piacciono molte cose, e se a me una cosa non piace non LA VIETO fintanto che non è dannosa o pericolosa, mi limito a non andare alla mostra!” trovo, conoscendoti da tempo, che è una affermazione molto impegnativa.

                      Per dirti della vs permalosità : C’era una volta (bello l’inizio!) una pubblicità di una nota marca tedesca di auto . Una bella signora ed un bell’uomo, si incontravano casualmente nel bar di una malconcia stazione di benzina, per fare rifornimento e prendere un caffe. All’interno del brutto bar c’erano, tra i tanti, una coppia gay (o lesbiche )che abbracciati che ballavano, i due sorpresi si guardano ( fine della storia).
                      Vi siete incazzati come le bestie per “lo stereotipo” dei gay che veniva rappresentato…. pubblicità seduta stante rimossa e genuflessioni da parte del famoso marchio.
                      Ora tu, non capisci una cosa così grave (offendere il Divino Figlio e la Santissima Madre) …. e mi dici pre (tu , con altri naturalmente) non la vieteresti?

                    • Toni scrive:

                      @ Luca

                      ovviamente mi rivolgo a te

                    • Toni scrive:

                      Errori: ….e mi dici pure (tu , con altri naturalmente) che non la vieteresti?

                    • luca scrive:

                      si toni,
                      quel genere di pubblicità è oltremodo dannosa… quel genere di pubblicità è vietata per lo stesso motivo per cui non trovi pubblicità in cui ci sono ebrei rappresentati come grassi banchieri o come topi… il messaggio sociale veicolato tramite la pubblicità è molto importante.
                      un giorno quando avremo gli stessi diritti e avrò 100 pubblicità che usano anche i gay nel messaggio non mi offenderò se 10 di queste ridicolizzano i gay. capisci la differenza tra satira e bullismo?
                      un solo ragazzino in mezzo a 10 che lo sfottono è bullismo, 10 bambini che si prendono in giro a vicenda è uno scherzo

                    • Toni scrive:

                      No Luca,
                      vedi la tua visione limitata? Quel genere di pubblicità è dannosa non perché insulta i gay , ma perché insulta l’umanità . Non sposta una virgola il fatto che a ballare fossero due gay o due etero in un ambientazione di squallore…. sotto lo sguardo curioso, imbarazzato ma in fondo divertito di due “persone che contano” e che il marchio blasonato della vettura corona come status symbol .
                      Anche il resto del ragionamento è cosi così : tra satira e bullismo non c’è collegamento, come non c’è tra bullismo e scherzo. Ma non mi interessa, se permetti, quest’aspetto.
                      Vorrei solo che quell’indignazione, che le ragioni hai ben colto ( il messaggio sociale) per l’insolente pubblicità, la estendi alla locandina “artistica”.

    • Toni scrive:

      @ Lucillo
      lei è arguto!
      Ma credo che le carogne , i vigliacchi, non avrebbero mai messo sotto i piedi il Corano … e comunque, nella remotissima ipotesi che ciò si fosse verificato, non avrebbero preso “argutamente” (e/o ironicamente) le difese di una tale scelta .

    • michele scrive:

      Ora lo schiacciate, ma un giorno da Lui non potrete sfuggire. Ed andrete con il drago e i figli suoi.

  7. Fael scrive:

    Il tema di questa international art sono i setti vizi capitali, di qui S.A.L.I.G.I.A.
    Superbia
    Avarizia
    Lussuria
    Ira
    Gola
    Invidia
    Accidia
    La locandina in questione rappresenta la superbia, e sinceramente non vedo il nesso tra religione cattolica e superbia, se qualcuno sa spiegarmelo gli sarei grato.
    Poi se vi fate un giro nel Web troverete un sacco di altre immagini contro il Vaticano e addirittura una manifestazione del 02 giugno tenutasi a Milano intitolata Maledetto Clericalismo.
    Gli LBTG sono sempre contro a qualcosa mentre i cattolici sono in favore di qualcosa.
    Chi non capisce la differenza eviti commenti inutili.

    • Filomena scrive:

      Veramente a proposito di essere contro qualcosa, non erano i cattolici a dire che l’omosessualità è contro natura? Che sono contro il divorzio, contro la PMA, contro l’aborto, contro i diritti civili, contro il femminismo e contro tutto ciò che migliora la qualità di vita di chi abita questo mondo? Forse non è cosi?

      • Sebastiano scrive:

        No.

      • EquesFidus scrive:

        Ah, queste sarebbero le cose che migliorano la qualità della vita? Non l’istruzione, la scienza, la filosofia, l’arte, i valori etici e morali tra cui il sacrificio di sé e l’amare il proprio prossimo, macché: queste sono cose che devono essere piegate ed asservite a tutto quell’elenco di orrori che Lei ha elencato. E’ proprio bello vedere voialtri laicisti come vi scornate da soli: basta farvi elencare i vostri presunti “valori” e poi metterli a confronto con quelli cattolici. Roba da far venire i brividi (non di piacere), sissignora!

        • Filomena scrive:

          @Equesfidus
          Dire che i cattolici sono contrari alle cose che ho elencato, il che è assolutamente vero come lo confermano i vostri commenti, non significa affatto che che i non credenti siano altrettanto contrari all’elenco di valori che ha citato lei. La cultura, l’istruzione ecc. sono elementi fondamentali per formare un cittadino. Anche la morale e l’etica sono importanti ma ognuno ha la sua morale e non c’è una superiore all’altra. Questo però non significa che l’elenco di cose che ho citato io in precedenza contrarie alla morale cattolica siano invece assolutamente accettabili per il resto della popolazione

          • Toni scrive:

            “ognuno ha la sua morale e non c’è una superiore all’altra” …. :-(

            • Toni scrive:

              @ Filomena

              Se “ognuno ha la sua morale e non c’è una superiore all’altra” vuol dire anche che se la mia morale dicesse che la il “matrimonio gay è osceno” non diventa “inferiore” rispetto aa chi sostenesse il contrario …:-) ?

              PS – Non dirmi che puntualizzi! :-(

      • Toni scrive:

        Avete reso solo il mondo più vecchio e vizioso. Non ti vantare!

      • Angelo scrive:

        Signora/signorina Filomena,le faccio vedere il femminismo che “fa bene” ai diritti e fa “evolvere” l’umanità. Poi, dopo aver visto 2 video, sarei curioso di sentire le sue opinioni…
        1)
        http://www.vice.com/it/read/the-femitheist-vuole-sterminare-il-90-della-popolazione-maschile-per-risolvere-tutti-i-nostri-problemi-289

        2) Femministe argentine

        https://www.youtube.com/watch?v=OUb9Yb2ucZI

          • Angelo scrive:

            AntiKattolico, io non sono cattolico, quindi perchè non rispondi ai miei link?

            • AntiKattolico scrive:

              Non cambia la sostanza. Ogni gruppo può annoverare persone idiote al proprio interno. Questo significa che tutte le femministe o i preti sono da buttare via?

              • Toni scrive:

                E’ una questione proprio di sostanza.
                Tu puoi individuare l’essenza del cristianesimo nel pontificato di papà Bordia?… No

                L’essenza del femminismo … quale è?

                PS -Volevo fare la domanda all’unica “femminista” militante che conosco (dalle mie parti il femminismo non è stato necessario), Filomena …. ma ultimamente la sento distnte da me (scherzo, lei avrà pure i suoi impegni). Ma tu , che sei Anti- di professione credo che hai una ottima preparazione per rispondere.

                • Toni scrive:

                  Errori:
                  Bodia – Borgia

                  distinte – distante

                  miscela micidiale di vista e cellulare

                • AntiKattolico scrive:

                  Il femminismo è servito per cercare di dare alla donne diritti delle quali erano sprovviste e renderle autonome.
                  Ancora oggi le donne sono inferiori in vari campi: il trattamento economico per esempio.
                  Come ogni movimento hanno avuto alti e bassi, ma sono sicuramente state utili per cambiare alcune cose.
                  Ed i preti a cosa servono?

                  • Toni scrive:

                    Non amo il femminismo, come non amo i frutti guasti.

                    Per spiegare a cosa servono i preti dovresti credere in Dio… altrimenti la spiegazione non ha senso.

                  • Fabrizio Viola scrive:

                    Rendere autonome le DDonne…..Ah ah ah….E quando mai gli uomini sono stati “autonomi”???

                  • Angelo scrive:

                    Anche io pensavo che il femminismo fosse servito a “liberare” le donne e a equiparare i diritti. Così come alle elementari pensavo che la “liberazione” del sud Italia fosse stata una cosa buona e giusta perchè mi avevano dato un’unica versione dei fatti. In realtà le cose non sono proprio andate così in entrambi i casi.
                    Il femminismo, partendo da alcune e rare mancanze ed ingiustizie del sistema giudiziario italiano, ricercava quei diritti che la stessa carta costituzionale italiana esprimeva chiaramente (articolo 3 su tutti).
                    Non si spiega, però, come mai adesso che le donne possono fare tutto ciò che vogliono, pretendono diritti maggiori degli uomini. Perchè le quote rosa non sono costituzionalmente giuste così come non era giusto impedire, nel passato dopoguerra (2° guerra mondiale) , l’ingresso delle donne in alcuni settori lavorativi.
                    Così come è un’altra sciocchezza, facilmente smontabile, in merito ai presunti diversi trattamenti economici tra uomini e donne. Nello specifico, viene citato dai media principali, un certo gender gap tra il guadagno degli uomini e quello delle donne. In realtà, quei somari (per non dire quei menzogneri) hanno calcolato tale differenza sull’intero monte ore maschile rispetto a quello femminile senza calcolare : maternità, anzianità di ruolo, ruolo, coefficienti familiari etc.
                    Quei “somari”, in realtà, mentono sapendo di mentire poichè alla semplice domanda di far visionare un contratto, un singolo contratto, dove fosse presente una disparità di salario tra uomo e donna, non ne hanno fornito neanche uno poichè non sarebbe costituzionalmente valido.
                    Inoltre, nessuno si sognerebbe di vietare di fare una determinata attività lavorativa alla donna, poichè sarebbe palesemente ingiusto. Ma sarebbe da condannare, e assai gravemente, chi reputa giusto agevolare economicamente, penalmente e socialmente le donne rispetto agli uomini poichè si sostituisce un’ingiustizia passata con una diversa e peggiore esacerbando, di conseguenza, il risentimento in chi è nato uomo e non ha colpe sui suoi nonni o padri. Inoltre, come molti “movimenti”, il femminismo presenta una doppia faccia; quella presentabile, “piangente” e dei “diritti” negati e quella impresentabile, che lo fa nascere contestualmente e con certe tesi che farebbero impallidire Hitler con il sostegno dei “soliti noti” gruppi di potere anglosassoni e in “odore” di massoneria (vedi Margaret Higgins Sanger Slee – New York 1879; Elizabeth Cady Stanton, nata nel 1815; )
                    Ti riporto, a titolo conoscitivo, una lettera della femminista Elizabeth Cady Stanton – lettera personale del 27 Dicembre 1890:

                    “Ho appena scritto ad una corrispondente: “Tu dici, ‘Perchè siamo nate donne?’ Ti sto inviando assieme a questo messaggio un foglio contenente un mio articolo nel quale mostro la superiorità della donna come un fattore della civilizzazione. Il nostro problema non è la nostra femminilità, ma gli ostacoli artificiali di costume sotto false condizioni. Noi siamo, come sesso, infinitamente superiori agli uomini, e se fossimo libere e sviluppate, sane nel corpo e nella mente, come dovremmo essere in condizioni naturali, la nostra maternità sarebbe la nostra gloria. Questa funzione da alle donne una tale saggezza e un tale potere che nessun maschio potrà mai possedere. Quando le donne potranno sostenersi da sole, avere accesso a tutte le professioni e i commerci, con una casa propria sopra la testa e un conto in banca, allora possederanno il proprio corpo e saranno dittatrici nella vita sociale”.”

                    E qui invece ti riporto qualche informazione sulla femminista M. Sanger…

                    La Sanger stava tentando di portare avanti il “Negro Project”, un programma per il controllo demografico della popolazione afroamericana, e per evitare che qualcuno si ribellasse, vennero ingaggiati dei “ministri” neri da infiltrare nelle comunità afroamericane per placare efficacemente ogni possibile ribellione. Da brava eugenetista e fondatrice di Planned Parenthood, la Sanger vedeva il controllo delle nascite come uno dei metodi utili per “migliorare la razza”, in una corsa verso “l’eliminazione degli inadatti”, che chiamava anche “igiene razziale”. Tra le razze inferiori da sterilizzare, c’erano i neri, gli ebrei, gli Slavi e gli Italiani. Nel 1926, come era d’abitudine al tempo anche per molte altre femministe, venne invitata come oratore in una manifestazione del Ku Klux Klan che si tenne nel New Jersey. Nel suo libro “Il Fulcro della Civiltà”, la Sanger raccomanda l’estirpazione dal pianeta delle “erbacce umane”, e la sterilizzazione delle “razze geneticamente inferiori”.

                    Per quanto riguarda i preti, loro sono cattolici ed adempiono alle loro funzioni, io che cattolico non sono che devo farci con loro se non rispettarli così come loro rispettano me?

            • AntiKattolico scrive:

              Commento abbattuto…

              Non cambia nada…
              In tutti i gruppi trovi gente assurda.
              Per questo tutte le femministe o i preti sono assurdi?

    • Sebastiano scrive:

      Se appena appena vi deste la briga di togliere qualche fettina delle montagne di mortadella dagli occhi, potreste scoprire che:
      a) i sette vizi capitali appartengono alla tradizionale dottrina cattolica, al pari delle virtù teologali e delle opere di misericordia;
      b) sotto il piedino della donzella discinta sono raffigurate le immagini di Gesù e della Madonna, che non sono esattamente due rappresentanti della jet-society.

      Se poi siete ancora in grado di continuare il ragionamento, potreste anche chiedervi come mai tanta imbecillità viene riversata a secchiate contro la Chiesa Cattolica e non contro l’Islam (che non mi pare sia esattamente a favore dell’ideologia LGBT…). Tenete famiglia?

  8. Daniela scrive:

    Pantagruelica fame!!!
    Proprio il simbolo della riduzione dei desideri!
    ….INFINITA FAME O FAME DI INFINITO ?!
    Invito la rubiconda signora a chiederselo…
    ma dai forse è solo la pubblicità di un negozio di calzature!
    😉

  9. laura scrive:

    Degrado totale.
    questa ricerca del ripugnante in quanto tale qualifica gli ideatori e i finanziatori della mostra.

  10. beppe scrive:

    caro cisco, a forza di tweet gli facciamo solo solletico. qui ci vuole il vecchio buon mazzolatore MASTRO TITTA .

    • Menelik scrive:

      …non esageriamo ripescando ombre della storia.
      Bisogna difendersi in modo molto energico, ricorrendo alle vie legali e alle pressioni mediatiche, e magari colpendoli con le loro stesse armi.
      Non c’è niente di peggio che vedere uno che ha la facoltà di difendersi, ma rinuncia ad avvalersene, perché dà un’immagine veramente penosa di sé: non si difende perché gli manca la dignità di sé stesso.

    • michele scrive:

      Il mitico Titta! Ed era pure di Senigallia.

    • AntiKattolico scrive:

      Ah, l’amor cristiano!
      Più conosco voi fanatici Kattolici, più sono contento di essere ateo,

      • michele scrive:

        Capisci le battute? A già, tu sei per la ghigliottina.

      • michele scrive:

        Capisci le battute?

      • EquesFidus scrive:

        Pensa per te, è vano lagnarsi del fatto che i cattolici rispondano a tono alle gravi mancanze di rispetto e flames dei tuoi compagnucci.

        • AntiKattolico scrive:

          Si chiama libertà di espressione e l’arte non è censurabile.
          E’ pessima arte per te? Liberissimo di dirlo, ma non rompete le palle con le vostre censure del cappero, altrimenti siete uguali a quei co*lioni degli islamici da cui volete differenziarvi.
          Semplicemente, non andate a vedere la mostra.

          • Toni scrive:

            Credo che se è arte si tratta dell’equivalente artistico dell’arte di stato del regime sovietico. Propaganda espressione non di uno stato totalitario me da una ” cosa”, chiamata “civile”, che molto gli somiglia. Chi l’ha realizzata ha utilizzato lo scarso talento oggi necessario per reputarsi un artista.
            Se la volete arte, come ogni arte , va oltre l’intenzione “dell’artista” e presenta una sola “verità”: che la provocazione (non la rivoluzione che l’arte può portare) di oggi è quella di miseri vigliacchi che selezionano bene le religioni da insultare.

            • AntiKattolico scrive:

              Ripeto: vuoi la censura all’arte perchè offende te? Ma daiii :)

              ” quella di miseri vigliacchi che selezionano bene le religioni da insultare.” Ti piacerebbe copiare dagli arabi con le loro paranoie mentali? Ma daiii :) X2

              • Toni scrive:

                Ma daiii… che? Mi hai sentito dire …. censurare? Dove l’hai letto? Tu non capisci che per me queste manifestazioni “artistiche” sono un toccasana … perché vi…. mostrano per quello che siete. L’arte che vi meritate ( so di essere ripetitivo).

                Non nascondo che sarei ben disposto a vedere la reazione del mondo gay (tu lo sei?) se un domani un “artista” farebbe una locandina dove si vede un gay contento mentre si fa pisciare addosso da un cane, un topo ed un etero. Sarà una espressione offensiva denigratoria ecc …. oppure ne apprezzereste l’ “‘arte”? Vediamo … chissà…. oggi non bisogna essere Giotto per essere un artista!

                Anche sul secondo punto non ho spiegato bene (forse). Ho detto che “è” arte (mi sembra un riconoscimento… o no?), l’arte pretende il “vero” …. il vero è che sono “miseri vigliacchi . Forse non apprezzi i “miseri vigliacchi” …. ma non può essere diversamente se l’arte prevede il vero. Non potevano essere mesi simboli musulmani (no arabi) … l’artista ed i suoi estimatori avrebbero fatto la pupu addosso ( e quindi la cosa non avrebbe rispettato la regola dell’arte – vero)…. più facile con i simboli cristiani.
                Non si può copiare dagli “arabi” … proprio no!

                Ti saluto pure io con una bella :-)

                • AntiKattolico scrive:

                  Censurare, eliminare, bruciare, sembra il leif-motif dell’articolo e di molti intervenuti all’interno dello stesso.
                  Per quanto riguarda il discorso dell’Islam, suppongo sia per il fatto che in Italia la religione più praticata è il cristianesimo.
                  Anche se sì, io ci avrei messo anche l’Islam.
                  Sono d’accordo con te, non ci crederai, che l’Islam viene poco criticato e che si manca di fegato, in Italia ed Europa.
                  D’altronde lo stesso papa ha detto, in occasione delle vignette su Maometto, che bisogna rispettarli, dandogli una bella mano d’aiuto.
                  Che poi non ti piaccia e che io mi “meriti” questa arte, guarda, detto sinceramente, andrò a vedere la mostra su VanGogh, ma questa non mi interessa.
                  Difendo la libertà d’espressione, non giudico la qualità della mostra.
                  Ps: Non so chi l’ha chiesto: sono etero, sposato, con 2 figlie di cui una in arrivo.

                  • Toni scrive:

                    Leif-motif dell’articolo (a me “sembra”) è che la locandina fa schifo…. ed onestamente mi aspettavo anche da chi ha distanti ed incolmabili visioni delle mie, una presa d’atto di questa elementare verità. (ma vedo un lato positivo in questo degrado). Censurare sono contrario perché per me significa mettere un cialtrone nella condizione di dire e fare la vittima, rendendolo 100 volte più forte.

                    Siamo dello stesso avviso sul discorso del “fegato”.

                    Il papa in occasione delle vignette di Maometto ha detto una cosa giusta (perché non è questione di fegato)…. non bisogna disprezzare il credo altrui. Non disprezzare è altra cosa rispetto ad affrontare , criticare, comparare contrastare, realtà – fedi- pensieri ecc.

                    Il fatto che non ti interessa questa mostra …. forse denota buon gusto!

                    Difendi la libertà di espressione?
                    1 – Anche nel caso dell'”artista” che rappresenta il gay gioioso nel piscio come nel mio precedente esempio?
                    2 – Difendi anche la libertà di espressione di chi dice che l’adozione gay è una boiata (anche se non concordi con la “qualità” dell’affermazione”)?
                    3 – Anche se, nell’ipotesi che nella seconda domanda mi rispondi di no …(magari perché ritieni che è cosa diversa, come ipotesi) se io dichiarassi (scrivendolo anche nella maglietta che indosso) “sono un artista” … poi mi difenderesti?

                    • AntiKattolico scrive:

                      “Il papa in occasione delle vignette di Maometto ha detto una cosa giusta (perché non è questione di fegato)…. non bisogna disprezzare il credo altrui. Non disprezzare è altra cosa rispetto ad affrontare , criticare, comparare contrastare, realtà – fedi- pensieri ecc.”
                      SI TRATTA DI SATIRA. La satira deve essere libera.
                      Ha perso una buona occasione per insegnare ai musulmani che in Europa è diverso, che c’è libertà di pensiero ed opinione.

                      1 – Anche nel caso dell’”artista” che rappresenta il gay gioioso nel piscio come nel mio precedente esempio?
                      Sì, anche se poi non andrò a vedere la mostra, se questo è l’unico tema.

                      2 – Difendi anche la libertà di espressione di chi dice che l’adozione gay è una boiata (anche se non concordi con la “qualità” dell’affermazione”)?
                      Sì, anche se poi gli dirò che per me sbaglia.

                    • Toni scrive:

                      AntiKattolico

                      bravo, e lo dico senza ombra di ironia, per le tue impegnative posizioni sul punto 1 e 2. Sono certo che sei uomo di parola e che te le ricorderai, anche in questo sito, contro chi apostrofa indistintamente ogni posizione contraria come omofoba, auspicando le manette.

                      Tu , affianco agli odiati cattolici, in nome di un ideale più alto :-) (sogno … vero?).

                      Mi permetto solo, senza voler abusare della tua pazienza, dirti due cose sulla questione di Maometto, in sostanza come la vedo io, riconoscendo che possono essere considerazioni oggetto di molte obiezioni.
                      La satira si fa fra chi, con posizioni anche incommensurabili, accetta le stesse regole del gioco. Altrimenti sarebbe come se in una partita a calcio in piazza (tra ragazzi) si pretende un colpo di testa su assist da parte di un pensionato che passeggia, magari sostenuto dal bastone. (Io non sono bravo a fare gli esempi … figurati, mi era venuto in mente due ragazzi che giocavano a chi si sputa in faccia meglio …. pretendendo di coinvolgere nel gioco un passante) .
                      Sul tuo “Ha perso una buona occasione per insegnare ai musulmani che in Europa è diverso, che c’è libertà di pensiero ed opinione” … lo trovo paradossale, perche io credo che una affermazione di questo tipo avrebbe dimostrato sciocca temerarietà e non coraggio.
                      Fare il gradasso, al sicuro dalle stanze vaticane, per dare una lezione ai musulmani ed esponendo i cristiana a sevizie … beh, non mi sembra granché, perché una delle qualità del coraggio, quella che lo “autentica” è il rischio in prima persona.

          • michele scrive:

            Se offendere la religione altrui e libertà di espressione rivoglio la censura

  11. AndreaX scrive:

    Si difende la libertà di espressione quando erano state pubblicate le vignette danesi su maometto, mentre ora si inneggia alla blasfemia: questo rientra nella serie due pesi e due misure!

  12. Mariano Fusaro scrive:

    La locandina è quello che è. Non sempre l’arte è apprezzata. Voi ipocriti cristianucci vedete quello che non c’è. Per la persona obesa, poi, siete ancora più porci e meschini. Ed il voi non è riferito alla Mostra ma a voi lettori che vi fate portavoce di una verità che non conoscete nemmeno. Vergogna a Voi

    • Andrea UDT scrive:

      Da agnosticuccio vedo quello che c’è: volgarità gratuita e sommamente intempestiva per quello che accade nel mondo.

      Niente a che fare con l’arte, anche quella concettuale che “cerca” di usare l’ironia e la provocazione per spingere al ragionamento.

      L’ “artista” qui fa una figura simile a certi comici sgangherati e poveri d’arte che ricorrono alla pernacchia e al peto facile per strappare una risata.

      La risata la ottengono, ma è del povero comico che ridono.

    • Toni scrive:

      Ognuno ha l’arte che si merita La signora sovrappeso l’avete svalorizzata (del resto non siete dei Botero).
      In ogni caso, se la volete chiamare arte, che arte sia …ed il manifesto è il vostro meglio…. non si può pretendere di più!
      O forse si! ….. penso ad un manifesto che propone un vs artista (che troverete sicuramente nella vs cava) mentre consuma la “conserva” di Piero Manzoni. Il titolo: “L’arte che divora se stessa” … che te ne pare?. Noi cristianucci rimarremmo senza parole e voi … coerenti! :-)

      • AntiKattolico scrive:

        A parte il fatto che le scatolette di Manzoni in realtà contengono gesso, sì , è possibile una cosa di questo tipo.
        Chiaro che non andrei a vederla, ma di certo non strepiterei.
        Ognuno segue l’arte che gli piace.

  13. Ale scrive:

    Se la donna nuda fosse stata magra e con le forme al posto giusto e magari un bel Crocefisso in mezzo a due Tettone nude allora non era un oltraggio alla religione cristiana?!

    • Cisco scrive:

      @Ale
      L’oltraggio ci sarebbe stato comunque, ovvio: chi ha scritto il contrario? Il fatto è che la ciccialesbica fa ridere, quindi noi omofobi ci accaniamo bullisticamente infrangendo ex ante la legge del clown Scalfarotto.

      • Ale scrive:

        Tu hai ragione, Cisco, ma dimentichi che io sono una stupidina che racconta storielle cretine come quella del pollo che voleva diventare torta. Chicchiricchiiiii.

        • Ale vera scrive:

          Ladruncolo/a psicopatico/a curati invece di rubare i nickname. Sei psicopatico/a chiunque tu sia perché in un intervento hai detto di “doverci TRAPANARE la testa che tanto era una zucca vuota” ed in tale occasione hai rubato il nickname anche a Filomena. Chi sceglie oggetti appuntiti e taglienti e’ una persona che cela aggressività repressa. Curati e fatti visitare da un bravo psichiatra, per il bene di chi ti sta vicino. Io per te sono solo un nome, con cui sfoghi aggressività, ma il tuo persistere nel furto di nickname denota un tratto di personalità che realmente può essere pericoloso soprattutto per chi ti sta vicino ed osa contraddirti o metterti in difficoltà. Hai bisogno di aiuto. Ti ricordo inoltre che hai raggiunto tratti da molestatore e rischi di incappare nella polizia postale.

    • EquesFidus scrive:

      Come ho detto sopra, sarebbe stata comunque la stessa cosa, anche se avessero messo la Stone a fare da testimonial o qualunque altra bella donna a tua scelta. Ciò che si contesta non sono i chili in più della donna ritratta, quanto il fatto che si tratta di un oltraggio alla religione cattolica; è chiaro o no?

    • EquesFidus scrive:

      Come ho detto sopra, sarebbe stata comunque la stessa cosa, anche se avessero messo la Stone a fare da testimonial (o qualunque altra bella donna a tua scelta). Ciò che si contesta non sono i chili in più della donna ritratta, quanto il fatto che si tratta di un oltraggio alla religione cattolica; è chiaro o no?

  14. Marco Volante scrive:

    Ottimo! Un sacco di pubblicità gratuita alla mostra che sarà un successo. Grazie a fascisti, bigotti, benpensanti e disinformati. Grazie mille! Ottimo lavoro. Un ufficio stampa professionale non avrebbe fatto meglio…

    • Daniela scrive:

      Avanti ora giù di fascista, fascista, fascista….
      che fa tanta alternativo.

    • Menelik scrive:

      ….infatti, il comune ha tolto il patrocinio.
      Purtroppo non la sponsorizzazione, tra sponsorizzazione e patrocinio ci sono gli euro che fanno la differenza.

    • EquesFidus scrive:

      Benpensanti? BENPENSANTI? Ma se non c’è nessuno di più fascista e benpensante del laicista medio, pienamente asservito al politicamente corretto ed alle sue vestali e sacerdoti, un baciapile riverente del temibile “Stato LAICO” (meglio sarebbe dire ateo) quando questi gli fa comodo (mentre invece fa dei proclami degni di un rivoltoso anarchico quando non asseconda i suoi capricci), sempre pronto a lanciare feci, improperi ed offese contro chiunque osi non adeguarsi alle ultime “mode” nel campo dei (falsi e bugiardi) “diritti civili” di nuova concezione, e mi vieni a raccontare che siamo fascisti, bigotti, benpensanti e disinformati, quando poi questi commenti confermano il massimo della bigotteria, della partigianeria (nel senso più negativo possibile), del benpensantismo e della disinformazione? Guarda, troll, torna da dove sei venuto, ché questi commenti sono realmente ridicoli.

  15. Gerardo Astore scrive:

    Anche se l’offesa grave è preterintenzionale, dite che in questa mostra il tema sono i sette peccati capitali, vero?! Ma in che senso? Sono curioso di sapere se “l’artista” in questione sa di cosa sta facendo mostra è che rapporto ha con questo. Almeno rispetto al peccato di lussuria cosa possono dire se non che non esiste? Cioè se esiste con quello che chiedono di rivendicare come diritto civile sono da ricovero psichiatrico. Quindi per quelli LGBT-friendly non può che essere un’invenzione dell’uomo religioso in particolare della chiesa di Gesù Cristo. In questo caso le scuse dell’artista puzzano di falsità ed è un’altra occasione per offendere i sentimenti religiosi di noi cristiani e di tutti gli uomini di buona coscienza. Va bene il dietro front della giunta torinese ma ci riserviamo il diritto di ricorrere nelle sedi opportune.

    • Menelik scrive:

      …preterintenzionale? NO. E non occorre neanche spiegare perché, lo capirebbe anche un bambino in prima elementare.

  16. luca scrive:

    ma si, ma si, cosa volete capire di arte voi che avete passato anni a coprire le nudità di san pietro… tornate pure a bruciare i libri

    • Daniela scrive:

      le restrizioni alla libertà di pensiero le lasciamo a voi che siete maestri in qs arte!
      La battaglia non è dialettica, è sul campo…chissà chi sceglierete x l’educazione dei Vs nipoti.

    • Sebastiano scrive:

      Mah, cosa vuoi, confrontando la nostra con QUESTA VOSTRA ARTE rimaniamo basiti…

    • Menelik scrive:

      Perché non prendi in mano un libro di storia dell’arte e lo leggi?
      Basterebbe anche solo guardare le figure, in questo caso.
      I libri delle altre materie vanno letti, ma qui può bastare anche guardare le figure.
      Perché….i cristiani non ci capiscono niente di arte…ahahahahah !!!!!

  17. luca scrive:

    Sistematicamente dopo qualche messaggio su tempi, il mio indirizzo ip finisce su una blacklist…. e non posso più postare. poi il bello è che dite di essere preoccupati che vi venga messo il bavaglio a voi!
    non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te?

    • Menelik scrive:

      Guarda che anche io, cattolico KOSI’ e membro anche di una Confraternita religiosa, vengo messo in moderazione e più di una volta ho avuto i commenti cancellati, perché ho un linguaggio da contadino agricolo…..omo terragno sono !!!!!!!
      Non temere, non ce l’hanno con te.
      Io sarei più tremendo.

      • luca scrive:

        Menelik guarda che non ero stato messo semplicemente in moderazione, il mio IP era finito su una BLACKLIST di IP, ovvero segnalato a DNS come span e bloccato. ma non è la prima volta e so come sbloccarlo

        • EquesFidus scrive:

          Peccato, un troll anticristiano ed offensivo in meno non avrebbe guastato.

          • luca scrive:

            certo, certo sono d’accordo… per questo la prossima volta che becco le sentinelle in piedi vedete voi cosa si beccano… quando se ne andranno con la coda tra le gambe saranno solo dei cristiani offensivi di meno… se volete il diritto di aprire le vostre boccacce e vomitare le vostre vacuità allora dovete essere disposti a dare lo stesso diritto agli altri… d’altronde sta scritto nel vostro di libro: occhi per occhio

            • Toni scrive:

              Parlate dappertutto , vi aprono le scuole per raccontare le vostre lagne senza contraddittorio, idem in tv dove se qualcuno vi contesta qualcosa e’ vittima di aggressioni verbali. Vorrei vedere se io ho la stessa libertà che ai tu su Tempi ( dove più di una volta hai detto tutto, ma proprio tutto, quello che ti passava per la testa) se fossi in un forum gay .
              Non siete vittime … chi vi deve sopportare e’ vittima!

              • luca scrive:

                Toni punto primo io nei forum cattolici ci vengo perché ci tengo ad un confronto tu perché non vai su quelli gay?
                vieni pure su gay . it e commenta gli articoli… alcune volte sono articoletti di spettacolo e altri più impegnati ma certo ti farebbe bene avere un confronto e un informazione più simmetrica

            • Sebastiano scrive:

              Sarei proprio curioso di vederti in azione. Solo una cosa: spera che non sia io quella sentinella in piedi…potresti avere sorprese insospettabili, fascistello del piffero.

        • Toni scrive:

          Beh … chissà cosa hai scritto,… puoi farlo capire in qualche modo? Io ricordo certi tuoi post agghiaccianti. C’è stato un periodo che eri scatenato. Bene o male negli ultimi tempi sei stato più contenuto. Ora, se non ti bloccavano allora chissà che esplosione hai avuto ora …. si vede che non potevano fare altrimenti!

          Comunque, a parte gli scherzi ( scherzavo… vero!), più di una volta la cosa della BLACKLIST di IP è successo pure a me. Ho risolto tramite il “Contattaci” in fondo alla pagina.

          • luca scrive:

            Toni, i miei post non sono stati cancellati, quello che vedi è quello che ho scritto… evidentemente era il contenuto non la forma il problema…
            ho provato con il “contattaci”, ma nel mio caso chissà perché non funziona. faccio prima a risolvere il problema da solo

            • Toni scrive:

              Avvolte i miei post non sono stati pubblicati. Pure io mi sono chiesto il perché , a mente serena , magari dopo qualche ora, devo riconoscere che hanno fatto bene a censurarmi. Non credo che a Tempi si possa rimproverare una severa censura e mi chiedo cosa succederà, a queste accese discussioni, quando verrà approvata la scalfarotto.

              • luca scrive:

                toni non capisci o fai solo finta?
                non hanno censurato i miei post, hanno fatto inserire il mio link in una lista di spammers. è una cosa diversa.

                i miei post non sono stati toccati, sono ancora tutti qui su questo articolo!

                non volevano censurarmi, volevano farmi chiudere la bocca:
                alla faccia della libertà di espressione

                • Toni scrive:

                  Ora ho capito…. ma aggiungo…. mi è successo pure quello che dici tu.
                  Ma vedi , sono convinto, che molti interventi tuoi … in vero… aiutano.
                  se ti “perdono” sarebbero sciocchi!

        • Menelik scrive:

          Infatti.
          Il sistema di moderazione che ha adottato la redazione è molto più dannoso nei confronti di noi che degli atei che vengono a fare i troll….pare come l’artiglieria di Cadorna, che metteva a ferro e fuoco le nostre trincee.

  18. Cisco scrive:

    Ho scopeto l’arcano: LGBTE sta per “La Grande Battaglia Trova Esito”… nientepopodimenoché!
    Per un esito adiposo di questo livello c’è da ringraziare. Peraltro leggo che “A partire da questa edizione viene istituito il premio per il miglior artista, il quale avrà a disposizione uno spazio a lui dedicato all’interno dell’Internazionale d’Arte LGBTE di Venezia, che si svolgerà dal 6 maggio al 30 ottobre 2015 al Chiostro della SS. Trinità dell’Ex Convento dei Frari a Venezia, in contemporanea della Biennale d’Arte 2015.”
    Insomma non riescono a stare lontani da oggetti e luoghi che rimandano al sacro: non avranno mica interiorizzato la loro cattofobia?

    • luca scrive:

      cisco hai ragione, anche io non riesco a stare lontano dalle chiese… ce ne sono diverse dove ho casa, dove mi alleno e dove studio/lavoro… sarò io a cercare le chiese oppure in Italia l’unica cosa che non manca mai ( e che non serve a nulla) sono proprio tali edifici?

      • michele scrive:

        Il mondo sta in piedi grazie ai tabernacoli. E più provate ad eliminarli, più Lii si dimostra immortale.

      • CIM scrive:

        E strano che 2014
        non sappiano leggere il VERO
        SIGNIFICATO DELLA CHIESA
        CATTOLICA GESU DICE CHE QUESTI
        TIPI ANNO LA MATERIA GRIGIA AL POSTO DEL CERVELLO

      • Alessandro scrive:

        Le chiese non servono a nulla? Chiesa da eklesìa, “assemblea” in greco, è il luogo dove il popolo di Dio si riunisce per celebrare l’eucarestia come Gesù ha comandato ai suoi discepoli durante l’ultima cena “fate questo in memoria di me”. Gesù ha detto che ovunque qualcuno si riunisce nel suo nome egli sarà lì presente: le prime assemblee avvenivano infatti in case private ma con la crescita dei fedeli fu necessario costruire degli edifici dove potessero raccogliersi tutti insieme per adorarlo.
        Dal punto di vista sociologico erano e sono luoghi d’incontro importanti per socializzare, per cerimonie di elaborazione del lutto, della nascita di nuove famiglie, di riti d’iniziazione alla fede cristiana. Non mi pare poco!
        Inoltre la vista di una Chiesa ci ricorda che esiste un’altra dimensione oltre a quella materiale in cui siamo affaccendati per tutto il giorno nel lavoro, studio, famiglia. Sono un’oasi di pace e raccoglimento spirituale in cui possiamo riprendere fiato. Provare per credere, cari saluti!

  19. Sasso Luigi scrive:

    E c’è qualcuno che chiama opera d’arte questa schifezza?

  20. CIM scrive:

    Questi tipi sono riportati da Gesu nel
    Vangelo e sono INDEMONIATI.
    Il Padre Satana si diverte con questo
    tipo di peccatori. Spero che prima
    Di morire si pentano dei loro peccati.

  21. giuliano scrive:

    ancora state a polemizzare con i vermi rossi anticrisiani e filo islamici ??

  22. Alessandro scrive:

    Cristo è morto sulla croce per tutti noi! Persino per chi lo condannava al supplizio! Gesù invocò il perdono del Padre sui Suoi aguzzini dicendo “perdonali Padre, non sanno quello che fanno”. Ora Egli siede alla destra del Padre e giudicherà ognuno di noi per quello che abbiamo e non abbiamo fatto.
    Al di là di questo caso, Dio va rispettato: come può la creatura prendersi gioco del Creatore? Il figlio/a del Padre? Cosq dirà quando ritornerà davanti a Lui e dovrà rendere conto delle sue azioni? Lui che ci ama e ci ha donato la Sua vita deve essere al di sopra di tutto, “non avrai altro Dio all’infuori di Me” è il primo comandamento.
    È giusto che i credenti si attivino quando ritengono che la Sua figura è svilita o addirittura oltraggiata. È sarebbe meglio comunque non usare la Sua figura o il Suo nome per iniziative pubblicitarie o politiche se non quando strettamente necessario “non nominare il nome di Dio invano”. Questo timore di offenderLo è già un modo di dimostrare la nostra riconoscenza per quanto ci ha dato! Cari saluti a tutti!

  23. Alex scrive:

    Egregio Sig. Pinotti, la mia domanda è ” PERCHE’ ? ” Perchè utilizzare icone sacre da calpestare ?
    A dire il vero me non sembra proprio che questa foto tristissima esalti la superiorità della donna. E’ una foto di uno squallore e di una tristezza infiniti. Un muro grigio e scrostato tipico del degrado urbano, una donna,poverina, conciatissima per un problema tipico della nostra società, e l’idea che degrado e malattia possano essere superiori a un’etica di amore solidarietà bontà e sentimenti nobili. Questa foto nulla ha a che fare con la promozione dell’arte.. E’ offensiva sia nei confronti della donna che nei confronti della fede e della nostra cultura che cerca sempre il bello.
    Questa foto semmai potrebbe essere utilizzata per denunciare a squarciagola l’odierno degrado sociale, sentimentale, psicologico e mentale.

  24. LB scrive:

    “L’assessore alle pari opportunità di Torino, Ilda Curti, chiede che non si faccia confusione sulla vicenda della locandina shock che pubblicizzava una mostra, in cui una donna obesa nuda calpesta delle immagini sacre. La sigla lgbte, che ha organizzato l’evento, non è da confondere con Lgbt, o altre associazioni del coordinamento del Torino Pride «Non c’è alcun legame» evidenzia Ilda Curti «Tra le due sigle, perché l’associazione che organizza la mostra alla Ex Manifattura Tabacchi, Lgbte, è l’acronimo che da il titolo all’esposizione “La Grande Battaglia Trova Esito”. Questa associazione infatti si occuperebbe solo di arte, e non di problematiche riguardante il mondo gay. Per questo motivo le accuse al movimento gay che si sono susseguite nelle ultime ore sono immotivate e fuori luogo. Il chiaro riferimento ad esponenti della minoranza. Infatti Maurizio Marrone, capogruppo in comune di Fratelli d’Italia ha parlato di “nuova frontiera dell’arte omosessuale e di lobby gay” che offendono la sensibilità cristiana. «A Torino si lavora da tempo» conclude l’assessore «Per favorire il dialogo contro ogni forma di discriminazione e nel rispetto di tutte le sensibilità religiose». Complimenti TEMPI.IT … vi confermate seri… :-/ :-/

  25. Alex scrive:

    Piergiorgio Concari + Antikattolico : Voi siete laici . Io sono religiosa. SIAMO uno stato laico e proprio perchè lo siamo , non vedo il bisogno di calpestare un Credo, qualunque esso sia. Anche mettere una LAICISSIMA donna obesa nuda davanti a un muro scrostato , lo trovo terribilmente offensivo e denigratorio per le donne. Ci vuole rispetto nella nostra società.La nostra libertà di espressione finisce lì dove si inizia a offendere gli altri. Penso che ci sia modo e modo per esprimere le proprie opinioni, senza cadere nello squallore.

    • AntiKattolico scrive:

      Io invece credo che la libertà di espressione sia più importante.
      Il “rispetto” per le varie credenze non può essere usato per imbavagliare le persone.
      Nella nostra società ci vogliono idee nuove, contradditori, un pò di movimento mentale insomma.
      Il “decoro” di un certo tipo lasciamolo all’Inghilterra vittoriana.

  26. alessandro scrive:

    Mi domando cosa sarebbe successo con un immagine sciita al posto della madonna e del Cristo.

  27. laura scrive:

    Ma tutti i tipi svegli capitano qui?

  28. Saverio scrive:

    Non mi scandalizzo.
    Al contrario, quella foto è un’immagine vera, è l’incarnazione di un ideale: disprezzo, odio per Cristo, amore viscerale per lo squallore più disgustoso, per l’orrido, per il vomitevole.
    Gli LGBT hanno fatto centro.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

In mezzo a tante amenità con gli occhi a mandorla, al Salone di Shanghai si possono ammirare anche alcune autentiche perle. Tra queste merita una menzione speciale l’Aston Martin Vantage S Great Britain Edition, una serie speciale tirata in soli cinque esemplari destinati proprio al mercato cinese. Ciascuno sarà venduto a 236.000 sterline, pari a […]

L'articolo Aston Martin Vantage S Great Britain Edition proviene da RED Live.

Fra dieci anni la Formula 1 sarà così. Autonoma? Elettrica? Impersonale? Nulla di tutto questo. Le monoposto di domani (ri)metteranno l’uomo al centro della scena. Ponendogli sotto il sedere quasi 1.400 cv. Parola di Renault che, con la concept R.S. 2027 Vision, svela l’orizzonte della massima serie dell’automobilismo sportivo. Abitacolo chiuso e casco trasparente Svelata […]

L'articolo Renault R.S. 2027 Vision: la Formula 1 del futuro proviene da RED Live.

Metti una mattina uggiosa, lo sguardo un po’ assonato che si posa sul nuovo Honda X-ADV parcheggiato in cortile e i contorni delle immagini che lentamente sfumano. Ecco che all’improvviso l’asfalto urbano muta in sterrato, lo skyline cittadino cede il posto alla vegetazione rigogliosa e alle spiagge dorate della Sardegna, mentre il completo elegante si trasforma in quello da […]

L'articolo Honda X-ADV, tra città e sterrato con Mariano Di Vaio proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana