Google+

Tagli ai fondi per i malati di Sla. Saviano s’indigna a parole, la Lombardia risponde coi fatti

novembre 3, 2012 Matteo Rigamonti

A rischio i fondi per i malati in condizioni gravi o gravissime. Lo scrittore lo segnala sull’Espresso, dimenticando però cosa accade in Lombardia

Non sia mai che l’Epresso parli bene della Lombardia. Nemmeno se la Regione più efficiente d’Italia aderisce (da tempo e nei fatti) all’appello (a parole ma senza fatti) dell’antitaliano per (sua) definizione Roberto Saviano perché il governo non chiuda i rubinetti dei fondi ai malati gravi o gravissimi, tra cui quelli colpiti da Sla (Sclerosi laterale amiotrofica). Lo scrittore napoletano, infatti, pur pronunciandosi nella sua rubrica sul settimanale – e di questo gli va dato merito – sul dovere dello Stato, «oggi e sempre, di tutelare e rendere dignitose» le vite di chi è colpito da queste dure malattie, preferisce non citare il caso dell’amministrazione regionale che più di tutte, da cinque anni a questa parte, di queste vite si occupa in concreto, stanziando soldi e offrendo servizi (gratis per di più).

UN APPELLO CHE NON CADE NEL VUOTO. Per fortuna già c’è chi è sensibile, e pronto a rispondere, da tempo, alle esigenze dei malati di Sla. Come ricordato pochi giorni fa dal governatore uscente della Lombardia, Roberto Formigoni, al terzo convegno di Arisla, l’Agenzia di ricerca per la Sclerosi laterale amiotrofica, tre sono i principali interventi che la Regione ha realizzato dal 2007 a favore dei malati di Sla: un contributo economico mensile alle famiglie di 500 euro, esteso fino a 2.500 a seconda della gravità dei casi; il ricovero di sollievo gratuito fino a 90 giorni presso strutture accreditate da Regione Lombardia (Rsa e Rsd); il contributo alla nascita e allo sviluppo del Centro clinico Nemo presso Niguarda (ed è di pochi mesi fa l’inaugurazione dell’ampliamento di circa 1.000 metri quadrati). Formigoni ha anche ricordato come questo sia «un settore in cui, a dispetto dei continui tagli delle risorse da parte del Governo nazionale, la produzione scientifica italiana è risultata al settimo posto mondiale e al quarto posto europeo (dati 2010)». «Stiamo cercando di far capire al Governo – ha aggiunto Formigoni – che non si possono dare gli stessi servizi con questi continui tagli. Bisogna rendersi conto che di solo rigore si può morire. Le continue e pesanti riduzioni di bilancio possono mettere in grande difficoltà anche la Lombardia, unica grande Regione in pareggio di bilancio da molti anni e con servizi sanitari di assoluta eccellenza».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Enrico says:

    Saviano non si è dimenticato della Lombardia, è che è un po’ distratto poverino. Lui si intende solo di mafia e ‘ndrangheta. La camorra così così, tanto è vero che ha dovuto leggere l’inchiesta di Avvenire per sapere che a casa sua ci sono veleni tossici e diossina provocati dalla monnezza bruciata.

  2. david says:

    Invito per ciellini e non-ciellini che non hanno pregiudizi:
    guardate Report rai 3 stasera (domenica 4 novembre). Io lo sto guardando da 1 ora e finora nessuno, ripeto nessuno!, nè Perego, nè Cesana, nè altri, ai quali è stato concesso il diritto di replica in vari servizi della puntata, nessuno ha spiegato nulla. Tutti fanno scena muta!

  3. mauro says:

    verissimo, ma perchè solo ai malati di SLA questa attenzione? forse perchè è molto di attualità ed è conosciuta per gli innumerevoli report televisivi, e tutti gli altri con malattie rare? che non hanno i benefici come quelli malati di SLA?
    sia chiaro non ho nulla contro i malati di SLA è solo che anche in Lombardia ci sono malattie di serie A e altre di serie B

  4. luigi lupo says:

    Trovo vergognoso questo articolo di Tempi che approfitta di un articolo di Saviano per fare l’ennesimo articolo in perfetto stile campagna elettorale.
    Saviano si è dimenticato della Lombardia?.
    Tempi è sicura che la Lombardia sia l’unica regione che si occupa delle persone con questa terribile malattia?.
    Perchè ha parlato solo della Lombardia?
    Io, al vostro posto, avrei di che vergognarmi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download