Google+

Svizzera. L’insegnante è donna: scolari musulmani autorizzati a non stringerle la mano

aprile 6, 2016 Leone Grotti

La protesta della società dopo la decisione di un istituto del cantone di Basilea Campagna: «Questa non è integrazione e qui non siamo in Arabia Saudita»

Una scuola media in Svizzera ha autorizzato due suoi alunni musulmani a non stringere la mano all’insegnante perché è una donna. La decisione presa dall’istituto del comune di Therwil, cantone di Basilea Campagna, ha destato scalpore e sollevato un coro di critiche.

POLITICA ASSENTE. Gli studenti hanno spiegato che siccome l’insegnante non è un membro della loro famiglia, in base all’islam il contatto fisico con lei è loro proibito. Altri casi simili si sono verificati nelle scuole del comune di Muttenz. Secondo la presidentessa delle scuole di Therwil, Christine Akeret, la soluzione trovata dall’istituto non è per niente soddisfacente ma le autorità politiche, quando sono state interpellate, non hanno saputo aiutare i professori lavandosene le mani.

CORANO E HADITH. Il Corano non prescrive in modo esplicito nessun divieto a riguardo. Ma secondo un hadith, cioè un aneddoto sulla vita di Maometto, considerato autentico, il profeta dell’islam disse: «Il fatto che piantino un ago di ferro nella testa di uno di voi, sarebbe meglio per lui, piuttosto che toccare la mano di una donna che non gli sia lecita». Le principali scuole giuridiche dell’islam (ma non tutte) sono concordi nel confermare il divieto.

«DISCRIMINANO LE DONNE». L’associazione degli insegnanti del Cantone è insorta contro i responsabili della scuola, riporta Le Figaro, definendo la loro decisione «discriminatoria nei confronti delle donne». Anche Christoph Eymann, presidente della Conferenza elvetica dei direttori cantonali dell’istruzione pubblica, ha dichiarato che «non possiamo tollerare che le donne vengano trattate differentemente dagli uomini nel servizio pubblico».

SOCIETÀ PARALLELA. Felix Muri, presidente della Commissione scienza, educazione e cultura del Consiglio nazionale, teme che accettando queste «eccezioni» si finisca per permettere ai musulmani di creare una «società parallela che non fa parte della nostra cultura, al contrario della stretta di mano, che è un gesto di rispetto». Anche movimenti femministi svizzeri si sono lamentati sostenendo che questa non è integrazione ma «una rappresentazione semplicistica della convivenza multiculturale».

«NON SIAMO IN ARABIA SAUDITA». Anche molti musulmani hanno protestato. Il Forum per un islam progressista, che sostiene di rappresentare la maggioranza dei musulmani svizzeri, ha scritto che «noi non siamo in Arabia Saudita e non bisogna cedere alle esigenze degli estremisti. Così si finirà per aprire le porte a tutte le esigenze dell’islam politico».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. Quadro says:

    Immagino voi cattolici sarete favorevoli a questa decisione che rispetta il vostro folle concetto di liberta religiosa.

    • Filippo81 says:

      veramente siete voi laicisti che “rispettate le culture altrui” (tranne quella Cattolica ovviamente ),sempre e comunque,qualsiasi cosa esse propongano.

    • Sebastiano says:

      Prova a dare uno sguardo in europa (dal Belgistan a Bradfordistan a Londonistan e alle Banlieuestan), poi ragioniamo di quanto siano “cattolici” coloro che hanno permesso questo sfascio.
      Magari ci trovi molti dei tuoi amici del “multiculturalismo da mercatino delle pulci”.

    • beppe says:

      quadro, sei proprio un TONTO.

      • Menelik says:

        Beppe, hai dato la risposta più laconica e sensata.
        Inutile spiegare quando non si vogliono avere orecchie per sentire.

  2. underwater says:

    Ma anche no.

  3. Sebastiano says:

    “…Gli studenti hanno spiegato che siccome l’insegnante non è un membro della loro famiglia, in base all’islam il contatto fisico con lei è loro proibito…”

    Immagino che direbbero la stessa cosa se si trovassero su un tavolo operatorio e il chirurgo che gli può salvare la vita è donna…
    O faranno una richiesta per avere solo chirurghi maschi?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download