Google+

Svizzera. L’insegnante è donna: scolari musulmani autorizzati a non stringerle la mano

aprile 6, 2016 Leone Grotti

La protesta della società dopo la decisione di un istituto del cantone di Basilea Campagna: «Questa non è integrazione e qui non siamo in Arabia Saudita»

Una scuola media in Svizzera ha autorizzato due suoi alunni musulmani a non stringere la mano all’insegnante perché è una donna. La decisione presa dall’istituto del comune di Therwil, cantone di Basilea Campagna, ha destato scalpore e sollevato un coro di critiche.

POLITICA ASSENTE. Gli studenti hanno spiegato che siccome l’insegnante non è un membro della loro famiglia, in base all’islam il contatto fisico con lei è loro proibito. Altri casi simili si sono verificati nelle scuole del comune di Muttenz. Secondo la presidentessa delle scuole di Therwil, Christine Akeret, la soluzione trovata dall’istituto non è per niente soddisfacente ma le autorità politiche, quando sono state interpellate, non hanno saputo aiutare i professori lavandosene le mani.

CORANO E HADITH. Il Corano non prescrive in modo esplicito nessun divieto a riguardo. Ma secondo un hadith, cioè un aneddoto sulla vita di Maometto, considerato autentico, il profeta dell’islam disse: «Il fatto che piantino un ago di ferro nella testa di uno di voi, sarebbe meglio per lui, piuttosto che toccare la mano di una donna che non gli sia lecita». Le principali scuole giuridiche dell’islam (ma non tutte) sono concordi nel confermare il divieto.

«DISCRIMINANO LE DONNE». L’associazione degli insegnanti del Cantone è insorta contro i responsabili della scuola, riporta Le Figaro, definendo la loro decisione «discriminatoria nei confronti delle donne». Anche Christoph Eymann, presidente della Conferenza elvetica dei direttori cantonali dell’istruzione pubblica, ha dichiarato che «non possiamo tollerare che le donne vengano trattate differentemente dagli uomini nel servizio pubblico».

SOCIETÀ PARALLELA. Felix Muri, presidente della Commissione scienza, educazione e cultura del Consiglio nazionale, teme che accettando queste «eccezioni» si finisca per permettere ai musulmani di creare una «società parallela che non fa parte della nostra cultura, al contrario della stretta di mano, che è un gesto di rispetto». Anche movimenti femministi svizzeri si sono lamentati sostenendo che questa non è integrazione ma «una rappresentazione semplicistica della convivenza multiculturale».

«NON SIAMO IN ARABIA SAUDITA». Anche molti musulmani hanno protestato. Il Forum per un islam progressista, che sostiene di rappresentare la maggioranza dei musulmani svizzeri, ha scritto che «noi non siamo in Arabia Saudita e non bisogna cedere alle esigenze degli estremisti. Così si finirà per aprire le porte a tutte le esigenze dell’islam politico».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. Quadro says:

    Immagino voi cattolici sarete favorevoli a questa decisione che rispetta il vostro folle concetto di liberta religiosa.

    • Filippo81 says:

      veramente siete voi laicisti che “rispettate le culture altrui” (tranne quella Cattolica ovviamente ),sempre e comunque,qualsiasi cosa esse propongano.

    • Sebastiano says:

      Prova a dare uno sguardo in europa (dal Belgistan a Bradfordistan a Londonistan e alle Banlieuestan), poi ragioniamo di quanto siano “cattolici” coloro che hanno permesso questo sfascio.
      Magari ci trovi molti dei tuoi amici del “multiculturalismo da mercatino delle pulci”.

    • beppe says:

      quadro, sei proprio un TONTO.

      • Menelik says:

        Beppe, hai dato la risposta più laconica e sensata.
        Inutile spiegare quando non si vogliono avere orecchie per sentire.

  2. underwater says:

    Ma anche no.

  3. Sebastiano says:

    “…Gli studenti hanno spiegato che siccome l’insegnante non è un membro della loro famiglia, in base all’islam il contatto fisico con lei è loro proibito…”

    Immagino che direbbero la stessa cosa se si trovassero su un tavolo operatorio e il chirurgo che gli può salvare la vita è donna…
    O faranno una richiesta per avere solo chirurghi maschi?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Marbella (Spagna) – La Yamaha più venduta ha le forme essenziali ma non prive di fascino della MT-07. Lanciata nel 2014, ha inanellato record dopo record, totalizzando oltre 120.000 pezzi consegnati. L’Europa è il suo mercato d’elezione, ma anche gli Stati Uniti fanno la loro parte. A quattro anni dall’esordio, la MT-07 cambia più nella […]

L'articolo Prova Yamaha MT-07 my 2018 proviene da RED Live.

I primi dati e le foto ufficiali della wagon svedese. Che mira a diventare il nuovo punto di riferimento fra le familiari medie di lusso. Con un design senza fronzoli e tanta sicurezza. A Ginevra ne sapremo ancora di più

L'articolo Nuova Volvo V60 – la station che seduce proviene da RED Live.

Carburante artico e additivi specifici: ecco le soluzioni per scongiurare la formazione dei cristalli di paraffina ed evitare il congelamento del gasolio nelle giornate di grande gelo. Aggiungere benzina nel serbatoio? Una trovata ottima per cambiare motore!

L'articolo Come evitare il congelamento del gasolio proviene da RED Live.

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport – Touring per vocazione proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi