Google+

Storia di Francesco Ederle, 24 anni in coma. E di una famiglia che lo ha accudito mettendosi «nelle mani del Signore»

gennaio 2, 2014 Redazione

«La nostra è una storia di speranza» hanno raccontato i figli dell’uomo che ha “dormito” per un quarto di secolo, assistito dai parenti e da una “fede incrollabile”

francesco_ederleFamiliari e amici gli hanno dato l’ultimo saluto martedì, nella chiesa di San Mattia sulle Torricelle, tra le colline che stanno vicino a Verona e dove Francesco Ederle (a destra, in una vecchia foto tratta da Facebook) aveva vissuto a lungo aprendo un agriturismo. Si è chiusa nei giorni scorsi la sua agonia durata 24 anni e 7 mesi, tanto il tempo che l’uomo, ora quasi sessantenne, ha trascorso in coma, dopo che nel 1989 un ictus lo colpì costringendolo a letto immobile. E oggi la sua storia apre il nuovo anno raccogliendo le testimonianze dei suoi familiari che, per quasi un quarto di secolo, gli sono stati vicino, assistendolo e curandolo.

L’AZIENDA AGRICOLA E L’ICTUS. Francesco era un imprenditore veronese esponente di una famiglia molto nota in zona, conosciuta per le terre acquistate dal padre Giuseppe e per l’Agriturismo San Mattia che, alla fine degli anni Ottanta, l’uomo aveva messo in piedi. Poi l’ictus che lo mandò in coma, la famiglia ad accudirlo, cibo e acqua solo attraverso sondini. «Per me, mio padre era quell’uomo che dormiva», racconta al Corriere del Veneto il figlio di Francesco, Giovanni, 26 anni: non ha mai potuto conoscere il padre poiché, all’epoca di quel drammatico evento, lui era piccolissimo. «Quella di mio padre e la nostra è una storia di speranza. La speranza che era soprattutto di mia nonna. Lei aveva una fede incrollabile: “Mettiamoci nelle mani del Signore”, diceva. Ma soprattutto era una che non si faceva grandi domande e non cercava grandi risposte. Faceva quello che c’era da fare, anche con mio padre».

LA NONNA. È quanto ricorda anche il fratello di Francesco, Andrea. Intervistato da L’Arena racconta della signora Annamaria che si è spenta lo scorso anno, a quasi cento anni. Al figlio in coma «stava vicino tutti i giorni, anche nella sua casa in stradone San Fermo. È rimasta in vita così tanto a lungo per lui». Il dolore di avere in casa un parente in quelle condizioni ha piano piano cambiato i familiari, trasformando le fatiche in serenità: «Mi sono sempre chiesto che senso abbia una sofferenza così lunga, di ventiquattro anni», spiega ancora Andrea. «Ma in questo lungo periodo ho visto come ha combattuto lui e come i suoi familiari l’hanno assistito».

«COME SI VIVE CON UN PAPA’ COSI’?». Intanto l’Agriturismo va avanti. A reggerlo sono proprio i figli, Giovanni e Camilla, assieme a Francesca, moglie di Ederle. «Io di lui non ho ricordi», spiega ancora il primogenito: «Lui “dormiva”. Ma di lui mi hanno sempre parlato lei (la nonna, ndr) e mia madre. E pur non avendo avuto un rapporto diretto, adesso sono in tanti che mi dicono che faccio le cose che le avrebbe fatte lui». E sulla perdita del padre: «È stato un momento triste. Ma anche sereno. E di sollievo. Più di qualcuno mi ha chiesto in questi anni come si vive con un papà così. E se ho mai pensato che non sarebbe stato meglio se fosse morte prima. Se quella scelta dovesse riguardare me, saprei cosa fare. Ma quella con lui è stata un’esperienza impagabile. Lui non parlava, dormiva. Eppure se non ci fosse stato non avrei imparato tante cose».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. elena says:

    grazie!
    bella testimonianza!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.