Google+

Storia di Aria, 16 anni, yazida, violentata da un jihadista. «Io sono morta, ma la luce della vita è dentro di me»

dicembre 2, 2014 Silvina Pérez

La tragica e incredibile vicenda di una ragazza stuprata dai terroristi del califfato islamico. «Tra qualche mese dovrò dare un nome a questo bambino»

Iraq-rifugiati dohukArticolo tratto dall’Osservatore Romano – «Dalle strade vicine si sentivano urla disperate e pianti. Avevamo paura, non sapevamo che fare. Molti sono corsi a cercare riparo e sono stati raggiunti dai colpi dei mitra, altri si sono rifugiati nella piccola palestra della scuola. Eravamo in silenzio, inginocchiati a bisbigliare le parole della fede. Irrompono i jihadisti e una raffica assordante si alza sopra le grida della gente: mio padre cade a pochi metri da me, colpito a morte. Tutti gli altri vengono buttati fuori dalla scuola e ammassati nel cortile d’ingresso. Solo una povera donna non può uscire perché paralizzata alle gambe. Farà compagnia a mio padre, massacrata mentre disperata annaspa invano con le braccia per l’aria chiedendo clemenza inchiodata alla sua sedia».

Per Aria, sedici anni, appartenente alla comunità degli yazidi iracheni, il vero incubo è iniziato il giorno in cui il suo villaggio è stato attaccato dagli uomini dell’Is. Ha visto uccidere il padre e il fratello e da allora non ha più notizie della madre e delle due sorelle. Ora si trova in un campo profughi a Dohuk, è incinta di sei mesi e racconta il suo incubo fatto di percosse, torture, stupri e degrado.

«Era il 9 giugno — racconta via skype riempiendo lo schermo del computer con il suo viso esile e i suoi grandi occhi azzurri — quando la nostra città, Mosul, è stata colpita. Durante l’attacco i miliziani hanno ucciso decine di persone. Noi donne eravamo le più spaventate, sapevamo cosa ci sarebbe successo se ci avessero catturate. Non abbiamo avuto tempo di fuggire. Gli uomini dell’Is hanno raccolto i prigionieri, dividendoli per sesso ed età. Il primo gruppo era composto da ragazzi giovani, un altro da ragazze, e un terzo da uomini e donne più anziani. A questi ultimi i jihadisti hanno tolto tutto. Denaro, oro e cellulari. Li hanno abbandonati lì. A noi ci hanno caricate sui camion, dopo aver fucilato tutti gli uomini giovani del primo gruppo, tra cui mio fratello».

Aria, assieme a un gruppo di circa venticinque ragazze, fu trasportata a Baaj, una cittadina a ovest di Mosul, e rinchiusa in un vecchio edificio di tre piani. «Qui ci hanno diviso ancora. Io sono rimasta con il gruppo delle più giovani e, credo, delle più graziose. I nostri carcerieri ci dissero che eravamo destinate, dopo la conversione all’islam, a sposare qualche glorioso combattente. Le altre furono condannate a diventare schiave sessuali dei miliziani. Dalla disperazione una di loro si è impiccata, un’altra ancora ci ha provato ma i jihadisti l’hanno fermata e picchiata a sangue» dice Aria, precisando che — dopo quell’episodio — nessun’altra ha tentato di togliersi la vita.

«Per circa dieci giorni siamo rimaste rinchiuse praticamente al buio. Dormivamo per terra e mangiavamo solo una volta al giorno. I jihadisti dell’Is — racconta — ci hanno chiesto più volte di convertirci all’islam, minacciando che altrimenti avrebbero ucciso tutti i membri della nostra famiglia. Alcune hanno ceduto al ricatto per salvare il padre, il marito, o il fratello».

Le Nazioni Unite hanno calcolato infatti che, dopo la caduta di Mosul, millecinquecento tra donne e ragazzi hanno subito violenza. Le violenze sessuali sono commesse su vasta scala: tra le vittime donne, bambine e bambini. I crimini perpetrati vanno dallo stupro ai matrimoni forzati, alla schiavitù sessuale. I miliziani del califfato sono sostenitori di una totale sottomissione dell’elemento femminile. E la praticano sulle giovani sequestrate e brutalizzate nelle zone di combattimento. Perfino ricorrendo alla deformazione blasfema per dare giustificazione teologica allo stupro (col trucco del “matrimonio temporaneo” in zona di guerra).

In particolare, le donne appartenenti a minoranze religiose come gli yazidi o i cristiani assiri vengono rapite dai villaggi, rinchiuse in prigioni e messe davanti a una tremenda scelta. Quelle che decidono di convertirsi all’islam sono vendute ai combattenti dell’Is come spose, per un prezzo che varia dai 25 ai 150 dollari. Le prigioniere che rifiutano la conversione sono quotidianamente stuprate e condannate a una morte lenta e straziante.

Con lo sguardo perso nel vuoto, Aria racconta come dopo dieci interminabili giorni fu venduta per 35 dollari ad Hassan, un giovane jihadista della Siria, che la portò nella casa dove viveva con altri miliziani.

«Voleva obbligarmi a sposarlo, ma non poteva prima della mia conversione. Diceva che un vero credente non sposa un’infedele. Con la mia fede yazida ero una peccatrice per lui. Mi sono rifiutata e allora ha iniziato a picchiarmi e a violentarmi. Sempre più spesso. Sempre più forte. Un giorno mi disse che avrebbe aspettato ancora una settimana e poi mi avrebbe portato dalle altre donne, quelle che servivano a tutti i miliziani per sfogare le loro voglie. Ero disperata, pensavo solo alla morte. “Ho pagato 35 dollari, capisci! Sei inutile, non mi servi a nulla”. Una notte la zona dove eravamo fu attaccata pesantemente. Gli uomini uscirono tutti e all’improvviso mi sono ritrovata sola. Sono uscita e ho iniziato a correre nel buio. Correvo nella direzione da cui arrivavano i colpi di mortaio. Non sapevo a cosa andavo incontro ma ho pensato che peggio di così non poteva andare. Correvo e piangevo. Correvo e pregavo. Sempre più forte senza mai voltarmi indietro. Non so come, ma sono arrivata nella parte della città controllata dai curdi. Un gruppo di donne guerrigliere si sono prese cura di me per un paio di giorni e poi mi hanno aiutato a superare il confine con la Turchia e da lì sono arrivata in questo campo profughi. Dopo qualche mese ho scoperto di essere incinta. Ho pianto tanto. Ho pensato ancora una volta di farla finita. Nonostante la fuga, nonostante la mia libertà, mi sono sentita profondamente sconfitta. Ho pensato a mio padre. In realtà so che sono morta in quelle maledette prigioni tra le mani dei miliziani. Ma vado avanti. Tra qualche mese dovrò dare un nome a questo bambino. Non potrò mai più tornare a Mosul. Non potrò mai più cancellare la vergogna. Sono morta ma la luce della vita è dentro di me».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Hajduc scrive:

    Leggete, informatevi cosa succederà quando il califfato busserà a casa vostra! Già in Inghilterra bande di stupratori imperversano protette dall’omertà riducendo in schiavitù migliaia di adolescenti, che differenza c’è con le “prodezza” dello stato islamico?
    Quello che mi fa più rabbia sono quelli che minimizzano, che dicono “è tutta propaganda” (però credono a tutto quello che gli passa hamas su Gaza!), che liquidano dicendo “i musulmani soffrono di più dei cristiani”.
    Bravi bravi odiate così tanto questa povera gente? Farete lo stesso con noi un giorno? Sarete i negrieri del califfo? Che schifo non ho parole veramente! Questa è gente che odia i propri simili, inglesi, italiani che odiano i propri vicini, magari parenti, mentre adorano tutto quello che viene da Africa (meglio maghreb massimo Senegal) dal cosiddetto “mondo arabo o islamico”. Sono individui estremamente pericolosi perché non più evitare di perseguire reati che colpiscono ragazzine poco più che bambine perché accecato dalla tua ideologia strampalata!
    Ci ho parlato insieme purtroppo: non ci caverete un ragno dal buco: sempre scuse pronte per i loro “compari” della sponda sud, nessuno sconto per gli altri. Addirittura ti senti dire “non è che i cristiani valgono meno dei musulmani”! Ecco si vede che quando in Ruanda massacravano gli hutu non bisognava stare dalla loro parte perché non è che valevano meno dei tutsi! Si nemmeno quando hanno sotto gli occhi un genocidio intervengono. Ma invece la Palestina no, li si che parteggiano sempre e comunque per gli arabi eh, mica là varrà il principio che arabi ed ebrei sono uguali! Ma ci rendiamo conto come ragiona certa gente? Non è ipocrisia e double-standard?

    • Mappo scrive:

      Hajduc, sottoscrivo tutto quello che hai detto, tranne una piccola imprecisione, che comunque non cambia il senso del discorso: in Ruanda erano gli Hutu a massacrare i Tutsi

  2. Raider scrive:

    La cosa più allucinante è che tocca leggere gente che porta, come prova che non tutti gli islamici sono uguali, i regolamenti di conti settari, tribali e politici fra islamici di utte le risme. integralisti, fondamentalisti, moderati e laicisti, tutti d’accordo nel voler emigrare in Occidente ritendendo un loro diritto naturale trasformare le nostre società in un arcobaleno di minoranze alla mercé dei più forti e determinati, cioè, gli islamici, che cacciano via le minoranze da casa loro e fanno di noi una minoranza da dhimmizzare con le nostre leggi e con il multicuturalismo promosso dall’Ue.

  3. claudia mazzola scrive:

    Aria, ma è bellissimo ora! Avrai un bambino segno del tuo amore umano. Ti auguro ogni bene

    • Menelik scrive:

      Scusa, ma stai dicendo per sarcasmo o sul serio?
      La ragazza non abortirà, quella è gente tosta, non sono come le gnegnè occidentali.
      Il non plus ultra sarebbe che suo figlio possa, da grande, diventare un guerriero anti-islamico.
      E che, combattendo, renda onore a sua madre e disonore a quel verme schiavista che ha violentato la mamma.
      Il modo migliore è con un lanciarazzi.
      Sono quasi sicuro che, quando crescerà, sarà molto determinato e risoluto.
      Infatti, il bambino crescerà tra i Curdi, gente fiera ed indomabile.

  4. iksamagreb scrive:

    C’è una realtà spaventosa che ci attende, e la Madonna da Medjugorje continua a insistere che dobbiamo pregare, pregare, pregare!… ma che significa?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: FLOW, la festa dello sport a Finale dura 10 giorni  DOVE E QUANDO: Finale Ligure, Savona, 22 settembre-1° ottobre Dal climbing alla mountain bike passando per il trail running, la speleologia e la barca a vela: si presenta gustoso il programma dell’8ª edizione del festival FLOW – Finale Ligure Outdoor Week. Dal 22 settembre al […]

L'articolo RED Weekend 22-24 settembre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Non è una vettura qualsiasi. La nuova XC40, per Volvo, è la chiave della svolta. Il modello sulle cui spalle poggia la responsabilità di far compiere alla Casa svedese un vero e proprio balzo generazionale, aprendole le porte del segmento delle SUV compatte. Una vettura fondamentale nel processo di rilancio messo in atto dalla cinese […]

L'articolo Vista e toccata: Volvo XC40 proviene da RED Live.

Tutto è cominciato con il Mokka X, SUV compatto di grande successo con oltre 600.000 unità vendute; poi è stata la volta di Crossland X, crossover urbano più spazioso e versatile, che ha preparato il terreno alla novità Grandland X, SUV compatto da 4,48 metri che punta su linee muscolose e decise (condivide la piattaforma […]

L'articolo Nuovo Opel Grandland X proviene da RED Live.

“Sì, bella la Turbo Levo ma ha poca escursione…” Beh, chi trovava la prima full a pedalata assistita di Specialized non abbastanza “maschia” ora ha di che ricredersi e, magari, sognare a occhi aperti. La nuova Turbo Kenevo FSR, infatti, con i suoi 180 mm di escursione (che peraltro al posteriore hanno il colore giallo […]

L'articolo Nuova Specialized Turbo Kenevo FSR proviene da RED Live.

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana