Google+

«Sparano ancora. Non abbiamo cibo né acqua. Salvateci»

luglio 16, 2017 Leone Grotti

La «tragedia infernale» di Zemio, dove la guerra tra musulmani e milizie di autodifesa è ricominciata più violenta che mai. «L’intera città è bruciata, seppelliamo i morti nelle fosse comuni»

zemio-centrafrica-distruzione

«Il sangue continua a essere versato in Centrafrica e a Zémio. Io voglio dire al governo e alla comunità internazionale: vi prego, fermate tutto questo, questo popolo ha sofferto troppo!». È l’appello disperato lanciato da padre Jean-Alain Zembi, curato della parrocchia San Giovanni Battista di Zémio, cittadina del sud-est del Centrafrica. Il 28 giugno è scoppiata una guerra violentissima nel villaggio, che ha già causato decine di morti, la linea telefonica è stata interrotta e il sacerdote ha solo Facebook per lanciare l’allarme e una richiesta di aiuto al resto del mondo. Tempi.it è riuscito a contattarlo e farsi raccontare la sua storia.

STRAGE DI BANGASSOU. I primi scontri sono cominciati dopo la strage di Bangassou, dove il 14 maggio sono morte più di 100 persone quando un gruppo di anti-balaka ha attaccato i musulmani e i membri di etnia peul (principalmente musulmana) della città per «vendicarsi» delle violenze islamiste subite durante la guerra civile del 2013-2014. «Qui a Zémio i rapporti tra i musulmani e il resto della popolazione sono molto freddi da tempo», spiega padre Zembi a tempi.it. «Dopo i fatti di Bangassou, i peul hanno cominciato a torturare gli agricoltori che andavano a coltivare i campi. Questo ha reso il lavoro campestre quasi impossibile ed è un disastro, perché qui siamo poveri e viviamo solo del prodotto della terra».

SCONTRI CON I MUSULMANI. Davanti ai ripetuti attacchi, «non potendo più sopportare le atrocità commesse dai peul, dei giovani coraggiosi hanno costituito una milizia di autodifesa per respingere questi violenti». Per vendicarsi, i peul hanno cominciato a incendiare e depredare i villaggi attorno a Zémio, e per tutta risposta gli agricoltori di Zémio hanno smesso di vendere ai peul e ai musulmani i loro prodotti. La tensione ha continuato ad aumentare fino a quando, alle 8 di mattina del 28 giugno, è scoppiata una vera e propria guerra: le forze di autodifesa contro peul e musulmani.

«LA CITTÀ È BRUCIATA». «Durante gli scontri tutta la città è stata incendiata e non è difficile, visto che le case sono fatte di paglia», continua il sacerdote. «La gente è scappata per nascondersi da tutte le parti, molti si sono rifugiati qui nella chiesa e una nuova tragedia infernale è cominciata». Decine di cadaveri riempivano le strade e «nessuno osava uscire perché continuavano a volare proiettili. L’80% degli sfollati non ha più una casa. Tutto ciò che era stato costruito, è andato distrutto ed è davvero triste». Su 25 mila sfollati presenti in città, duemila attualmente risiedono presso la parrocchia.

zemio-fossa-comune-centrafrica

LE FOSSE COMUNI. Padre Zembi ha organizzato delle squadre per «togliere i corpi dalle strade e seppellirli in una fossa comune, perché di bare non ne abbiamo. Purtroppo anche questo lavoro è difficile perché non abbiamo protezioni, le violenze continuano e rischiamo un’epidemia». Oggi a Zémio gli scontri non sono ancora finiti e «la situazione della sicurezza continua a peggiorare. Per strada ci sono uomini che camminano con le armi spianate, nessuno è in grado di disarmarli e il futuro è incerto».

«VENITE A SALVARCI». Nella parrocchia gli sfollati «dormono per terra, senza coperte, i bambini e gli anziani non ce la fanno più: non abbiamo da mangiare, né acqua potabile da bere, i nostri mezzi sanitari sono limitati. Molti piccoli sono traumatizzati: ci sono dei figli che hanno visto i padri venire bruciati vivi. Ci serve assistenza umanitaria perché i casi di malattie e contaminazione aumentano». Ecco perché, conclude il sacerdote, «spero che questo appello venga letto da più gente possibile e qualcuno venga a salvare questa gente che non ha voce e soffre in silenzio». «Che la pace, il dialogo e il perdono di Cristo possano tornare presto a Zémio e in Centrafrica».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download