Google+

Somalia, Onu: disastro umanitario, 400 mila persone stipate a Dadaab

luglio 12, 2011 Redazione

Pubblichiamo in anteprima la notizia, che uscirà sull’Osservatore Romano domani, della Somalia, dove si sta consumando il più grave disastro umanitario al mondo. Lo ha dichiarato ieri l’alto commissario dell’Onu per i rifugiati (Unhcr) António Guterres dopo aver visitato i campi profughi di Dadaab in Kenya

(Osservatore Romano) – In Somalia si consuma il più grave disastro umanitario in atto nel mondo. Lo ha dichiarato ieri il responsabile dell’alto commissariato dell’Onu per i rifugiati (Unhcr), António Guterres, dopo aver visitato i campi profughi di Dadaab, in Kenya, vicino al confine con la Somalia. A Dadaab, il più grande complesso di campi profughi al mondo, ci sono ormai quasi quattrocentomila persone, molte di più di quante le strutture allestite possano ospitarne, e ne continuano ad arrivare migliaia ogni giorno.

Guterres ha parlato di una situazione ormai disperata. I dati dell’Unhcr relativi alle ultime settimane parlano di 1.700 arrivi giornalieri di somali in fuga dalla devastante siccità che ha colpito il Corno d’Africa e soprattutto la Somalia, dove si somma alle devastazioni di una guerra civile che si protrae da un ventennio e della quale non s’intravede ancora la fine. I profughi arrivano in Kenya dopo settimane di cammino e il tasso di mortalità a Dadaab è molto alto a causa del cibo insufficiente. I tassi di malnutrizione sono allarmanti tra i nuovi arrivi e soprattutto tra i bambini. Molte madri hanno riferito al personale dell’Unhcr e delle organizzazioni umanitarie, che operano nei campi profughi, della perdita dei loro bambini durante l’estenuante viaggio.

Una simile situazione si registra anche tra i profughi somali che si dirigono in Etiopia, anch’essi incontrati nei giorni scorsi da Guterres. Dall’inizio dell’anno in Etiopia sono arrivati circa 54 mila somali, per l’ottanta per cento donne e bambini. La metà di questi ultimi sono malnutriti in modo grave. Tra i piccoli profughi, già indeboliti, l’incidenza delle malattie è la più alta registrata oggi in tutto il mondo.

La Somalia, a causa della concomitanza con la guerra, è il Paese del Corno d’Africa dove le conseguenze della siccità in atto sono più devastanti. Ma la situazione è drammatica nell’intera regione, dal Kenya all’Etiopia, a Gibuti, alla Tanzania. Secondo le agenzie dell’Onu, oltre due milioni di bambini del Corno d’Africa risultano malnutriti e bisognosi di urgenti aiuti salvavita. Mezzo milione di questi bambini si trova ad affrontare un imminente pericolo di vita, con conseguenze durature per lo sviluppo fisico e mentale.

Più in generale, si stima che dieci milioni di persone abbiano bisogno di assistenza umanitaria immediata, quasi il doppio di quelli che le diverse agenzie dell’Onu, a partire dal Programma alimentare mondiale (Pam) riescono al momento ad aiutare. La crisi è la peggiore degli ultimi cinquant’anni pur in una regione che ha purtroppo familiarità con la siccità. Il prolungarsi di quest’ultima e il massiccio aumento dei prezzi dei generi alimentari stanno peggiorando le condizioni di molte famiglie. Anche in questo caso, la condizione peggiore è quella della Somalia, dove necessita di aiuto almeno un terzo della popolazione, senza considerare i rifugiati all’estero.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana