Google+

Siria. «Un intervento militare significherebbe una guerra mondiale»

agosto 26, 2013 Redazione

Intervista al vescovo di Aleppo: «All’Angelus papa Francesco è stato molto chiaro. Il suo messaggio è stato molto apprezzato da gran parte della popolazione»

«Se ci fosse un intervento militare, questo vorrebbe dire – per il mio sentire – una guerra mondiale». Lo ha detto alla Radio Vaticana Antoine Audo, vescovo di Aleppo dei Caldei e presidente di Caritas Siria. Audo avrebbe dovuto partecipare nei giorni scorsi al Meeting di Rimini e in un’intervista a Tempi aveva anticipato quali sarebbero state le sue parole all’incontro finale della kermesse («Le potenze lavorino per la pace invece di schierarsi»). Poi Audo ha fatto sapere agli organizzatori di non poter essere presente a Rimini, al cui dibattito ha invece partecipato Antranig Ayvazian, capo spirituale degli armeni cattolici dell’Alta Mesopotamia, Siria del Nord (ve ne abbiamo parlato qui).

L’ANGELUS DI PAPA FRANCESCO. Nel dialogo con Radio Vaticana, Audo parla delle parole pronunciate da papa Francesco all’Angelus: «Ero veramente molto contento per aver sentito che il Santo Padre è accanto a noi, ha parlato della Siria, di questa “amata nazione”, ha espresso la sua sofferenza e il suo impegno per aiutare la Siria. Ha chiesto alla comunità internazionale di fare tutto quanto sia possibile per la pace, per il dialogo tra le differenti parti in conflitto. È stata veramente una cosa molto personale, molto chiara, molto diretta… Questo dà fiducia a tutti noi che adesso siamo, soprattutto in Aleppo, in una situazione molto difficile. Il messaggio del Santo Padre è molto, molto positivo, ed è stato molto apprezzato da gran parte della popolazione».

NO AL CONFLITTO. Secondo Audo un intervento militare sarebbe una sciagura: «Se ci fosse un intervento militare, questo vorrebbe dire – per il mio sentire – una guerra mondiale. Di nuovo c’è questo rischio… La cosa non è così facile! Speriamo che l’intervento del Papa per favorire un vero dialogo tra le differenti parti in conflitto, per trovare una soluzione sia il primo passo per non usare armi, ma per far sì che la gente possa essere libera di muoversi, di viaggiare, di comunicare, di lavorare… Tutto il Paese è in guerra adesso! Questo è quello che aspettiamo: una forza internazionale che aiuti a dialogare e non a fare la guerra».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Il Filarete says:

    Potevano scegliere tra il disonore e la guerra. Hanno scelto il disonore e avranno la guerra (W. Churchill)

  2. Che il Re della Pace possa scongiurare la guerra e illumini le loro menti (di coloro che siedono nelle stanze dei bottoni) verso la strada del dialogo. “Nulla è perduto con la pace. Tutto può esserlo con la guerra.” Pio XII

  3. ALESSANDRO says:

    Il Nobel per la pace Obama che va in guerra con la Siria a fianco dei ribelli e contro la popolazione mi viene da pensare che, o il Nobel è una buffonata oppure Obama non lo meritava.
    Altra considerazione, la sinistra che si scagliava contro Bush quando andava in guerra adesso è in sintonia con Obama che sta facendo la stessa cosa boh.
    Preghiamo il Buon Dio che ci scampi da questa catastrofe.

  4. giovanni says:

    Non basta dire :: Stavolta occorre l’impegno di tutti i credenti con preghiere e digiuni ed atti di carità.Cosi ha detto Papa Francesco perchè,da solo,il papa non può fare miracoli,occorre che gli diamo “una mano” anche noi. La chiesa sia un corpounico,ora, più che in passato.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.

Si chiamano Sport Edition e Sport Edition2 le due nuove versioni della Renault Captur che la Casa francese ha presentato a Roma – presso la Fondazione Exclusiva del rione Testaccio – il 14 maggio. La data non è casuale, e coincide con l’apertura delle prenotazioni dell’edizione rivista in alcuni dettagli e arricchita di una delle […]

L'articolo Renault Captur: ora è Sport Edition, e anche “al quadrato” proviene da RED Live.

Momodesign continua a rinnovare la sua gamma di prodotti incentrata sui caschi, che sono diventati negli anni un acquisto irrinunciabile per scooteristi e motociclisti attenti alle tendenze e allo stile. Il nuovo jet open face fa intuire fin dal nome la sua vocazione: interpretare la contemporaneità del design con linee decise, che mantengono comunque assoluta […]

L'articolo Momodesign Blade Urban Wonder proviene da RED Live.