Google+

Siria. «I ribelli ci rapiscono e ci portano nella Città vecchia di Homs per usarci come scudi umani»

febbraio 10, 2014 Redazione

Il governo siriano ha permesso a circa 600 persone di uscire dalla Città vecchia di Homs, lasciando entrare anche aiuti umanitari, in mano ai ribelli. Ma gli abitanti di Zahra, quartiere a un chilometro di distanza, protestano

Circa 600 siriani sono stati fatti uscire dalla Città vecchia di Homs e un convoglio di aiuti è riuscito a farsi strada tra i palazzi distrutti dove vivono ancora circa 2.500 persone, senza più acqua né cibo. Homs è la terza città più grande della Siria ed è nelle mani del governo tranne che per due enclave dei ribelli. Una di queste è la Città vecchia.

«CIBO AI TERRORISTI». Se le autorità internazionali hanno festeggiato per l’accordo raggiunto con il regime di Assad, che ha permesso l’invio di aiuti umanitari nel centro, gli abitanti di Homs la pensano diversamente. «In pratica hanno rifornito di cibo e medicine i terroristi permettendogli di andarsene liberi», protestano gli abitanti del quartiere alawita di Zahra, ad appena un chilometro dalla Città vecchia. «Anche noi abbiamo un disperato bisogno di aiuto. Perché tutti si preoccupano solo di quelli che rendono la nostra vita insopportabile?».

RAPIMENTI E OMICIDI. Centinaia di abitanti di Zahra, racconta un reportage del Los Angeles Times, sono stati uccisi dai cecchini dei ribelli o dai colpi di mortaio lanciati dalla Città vecchia. La loro unica colpa è di essere siriani alawiti, una setta musulmana a cui appartiene Assad considerata un’eresia dalla maggioranza dei ribelli sunniti.
Foto e immagini pubblicate su internet di terroristi islamici che sventolano come trofei teste di alawiti purtroppo non sono più una novità e nel quartiere di Zahra non c’è famiglia che non abbia un parente rapito o ucciso o che non ne conosca uno.

«MAI AL SICURO». Queste famiglie raccontano un’altra storia rispetto a quella che va per la maggiore: «Non è vero che la ribellione è cominciata in modo pacifico. Qui gridavano: “I cristiani a Beirut, gli alawiti nella tomba“», raccontano i residenti. Le strade sono chiuse da barriere alte anche dieci metri, «per permettere ai nostri figli di andare a scuola senza essere uccisi dai cecchini». Ma «non siamo mai al sicuro».

SCUDI UMANI. Mustafa Abbout, tra i leader del quartiere, dichiara al reporter del Lat: «Il governo non doveva permettere che entrassero aiuti nella Città vecchia. Là sono rimasti solo i ribelli, le loro famiglie e quelli che li sostengono. Molte persone, inoltre, sono state rapite per essere usate come scudi umani e impedire così al governo di bombardare la città». Tra queste c’è anche il fratello di Abbout, Amer, rapito due anni fa: «È nella Città vecchia da qualche parte. Non so se vivo o morto. Ora è nelle mani di Dio».
La sua conclusione è un misto di rabbia e delusione: «Noi soffriamo e nessuno ci aiuta. I terroristi invece ora ricevono tutto ciò di cui hanno bisogno. Non c’è giustizia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana