Google+

Severino (ministro Giustizia): No all’amnistia, sì al braccialetto elettronico

dicembre 1, 2011 Redazione

Il guardasigilli Paola Severino è consapevole della grave situazione delle nostre carceri ma non è favorevole né alla costruzione di nuovi penitenziari né all’amnistia. Rilancia, invece, l’uso del braccialetto elettronico, un «successo» in Europa e negli Stati Uniti

Il neo ministro alla Giustizia, Paola Severino, ha parlato ieri davanti alla commissione Giustizia del Senato. Ha esposto la grave situazione delle nostre carceri sovraffollate che «non sono sostenibili e non compatibili con il rispetto dei diritti fondamentali della persona». Ma, ha detto il ministro, né la costruzione di nuovi carceri né l’amnistia sono provvedimenti all’ordine del giorno. Secondo il ministro, invece, occorre rafforzare la detenzione domiciliare, in particolar modo attraverso l’uso del braccialetto elettronico. Tale modalità, ha proseguito il ministro, è un «successo» in Europa e negli Stati Uniti, anche se in Italia è stato un «fallimento».

Ora la Severino promette che, d’intesa col ministro degli Interni Anna Maria Cancellieri, studierà una soluzione per ampliare le forme di misura alternative alla detenzione, distinguendo tra carcere preventivo e carcere definitivo. «Se il problema non è irrisolvibile come sembra – ha spiegato il guardasigilli –, si potrebbe varare un progetto per l’uso del braccialetto, con risparmi notevoli. È evidente che il suo costo sarebbe compensato dai risparmi derivati dalla mancata detenzione. E sarebbe un risparmio notevole». 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download