Google+

Sentinelle in piedi aggredite a Bergamo dai centri sociali. Sputi, insulti e lancio di fumogeni Foto

dicembre 9, 2013 Redazione

La manifestazione pacifica è stata disturbata dagli antagonisti che poi hanno avuto scontri con le forze dell’ordine. Contro di loro scatterà inevitabilmente una denuncia

 Ancora disordini a Bergamo per la veglia delle Sentinelle in piedi. Questa volta – a differenza di quanto accaduto tempo fa – a interrompere e a disturbare pesantemente la manifestazione silenziosa e pacifica delle Sentinelle contro il ddl Scalfarotto sono stati i centri sociali. È accaduto sabato pomeriggio, quando, intorno alle 16.30 del pomeriggio, un gruppo di antagonisti hanno circondato le Sentinelle in piedi, iniziando a insultarle e gridando loro «fascisti» e «omofobi». Le sentinelle – circa 130 – erano schierate ordinatamente sul “Sentierone”, una zona non distante dalla chiesa di San Bartolomeo. «Oltre agli insulti – racconta una Sentinella a tempi.it – i ragazzi dei centri sociali (circa una sessantina) hanno cercato di aggredirci, lanciando dei fumogeni. Si sono arrestati, ma appena per qualche istante, solo davanti alla presenza di alcuni bambini che, con i genitori, erano al centro del nostro schieramento». Soprattutto, i giovani dei centri sociali sono stati respinti dall’intervento della polizia e degli uomini della Digos, che hanno impedito loro ogni contatto con le Sentinelle.

GLI SCONTRI E LA DENUNCIA. Dopo circa mezz’ora, sono stati proprio gli uomini delle forze dell’ordine a consigliare alle Sentinelle di ritirarsi onde evitare che la situazione degenerasse. A quel punto, le Sentinelle, loro malgrado, hanno lasciato il luogo, mentre gli antagonisti, nel tentativo di aggredirle, si sono scontrati con le forze dell’ordine. È scoppiato qualche tafferuglio, con alcune cariche della polizia e ad andarci di mezzo è stato un incolpevole signore di 70 anni, il cui banchetto per la raccolta fondi per un ospedale in Uganda è stato rovesciato e rovinato. Alcuni degli antagonisti sono stati identificati: per loro è inevitabile una denuncia per manifestazione non autorizzata, lancio di fumogeni e resistenza a pubblico ufficiale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

22 Commenti

  1. malta says:

    tanto per i fermati ci pensa papà avvocato a risolvere e se non dovesse riuscire, il suo amico pm

  2. cornacchia says:

    GmTubini, dove sei?!!
    Era bello, litigare (discutere) con Te!!!

  3. giovanni says:

    A Bergamo ero presente, a mio parere il clima di tensione che l’articolo descrive non cera. Peggio era ciò che succedeva al fianco delle sentinelle. Tre coppie di lesbiche pur dissentendo dagli slogan urlati dagli studenti, discuteva pacatamente con un insegnante, rivendicando il loro diritto al “matrimonio” accusando di omofobia chi è contrario.

    • Francesco says:

      “Discutere pacatamente” e “accusando di omofobia” e’ un bel controsenso…
      Certo sempre meglio discutere che aggredire come han fatto gli altri

      • giovanni says:

        Per me è peggio chi discute pacatamente di certe teorie, magari facendo leva sui diritti, di chi ha un atteggiamento verbalmente violento. I secondi sono condannati da quasi tutti, i primi invece, riescono a convincere molte persone.

        • Giorgio says:

          Convincere la gente discutendo pacatamente anche di teorie che a certuni non aggradano è uno degli inconvenienti della democrazia liberale.
          In Corea del Nord mi dicono che non hanno questi problemi, dunque se il loro sistema ti piace di più, puoi fare le valigie e andarci senza indugio.

          • giovanni says:

            Caro Giorgio, la Corea del nord è cosa tua, riguarda te e chi vuole togliere “pacatamente” o con la violenza verbale e anche fisica. la libertà di parola e di pensiero.

            • Giorgio says:

              Pensa Giovanni che da quello che avevi scritto avrei scommesso che la libertà di espressione e di pensiero non ti andava giù.
              Visto che, a quanto pare, la libertà di piace, hai ragione a non volerci andare in Corea del Nord e io ho avuto torto ad averti consigliato di andarci.

  4. enzo says:

    Io Spero cn tutto il cuore ke l’ideologia di quei perversi in italia sia sempre repressa dal buonsenso degli italiani.

    • Francesco says:

      Enzo, da queste parti si cerca sempre di discutere e dialogare, non di istigare alla violenza (verbale)

    • grafite660 says:

      Io invece spero che tutta le gente che scrive “che” come “ke” bruci quanto prima fra le fiamme di un fuoco eterno e inestinguibile.

  5. Antonio says:

    centri sociali? Ah quelli che si dicono intellettualoni colti e sensibili, tolleranti dei modi di pensare differenti, aperti al dialogo, pacifinti ecc ecc

  6. luca says:

    fin troppo bene vi è andata… vorrei vedere se un gruppo di gay venisse a baciarsi a san pietro

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download