Google+

Scordatevi l’eutanasia ai bambini. In Belgio già si invoca «l’eutanasia senza richiesta» (avete capito bene)

marzo 15, 2014 Leone Grotti

Jean-Louis Vincent, ex presidente della Società belga di terapia intensiva, invoca di «andare oltre» e permettere la dolce morte «senza che il paziente debba firmare documenti»

In Belgio l’eutanasia per i bambini è stata approvata da pochissimo ma c’è già chi vuole «andare oltre» e legalizzare la cosiddetta «eutanasia non richiesta». In un articolo pubblicato sul belga Le Soir, Jean-Louis Vincent, capo del reparto di terapia intensiva all’ospedale Erasme ed ex presidente della Società belga di terapia intensiva, chiede una legge che «condanni l’accanimento terapeutico» e che quindi «autorizzi la pratica dell’eutanasia “non richiesta”».

EUTANASIA NON RICHIESTA. Si parla di accanimento terapeutico quando un medico si ostina a praticare sul paziente trattamenti sanitari sproporzionati rispetto all’obiettivo terapeutico, cioè il miglioramento della salute o la guarigione. Tutte le legislazioni nel mondo occidentale proibiscono esplicitamente l’accanimento terapeutico nel rispetto del benessere del paziente ma da qui a chiedere l’autorizzazione «dell’eutanasia non richiesta» il salto è enorme.
Proponendo di legalizzare l’uccisione di una persona senza che questa lo richieda, il professor Vincent avanza lo stesso argomento già usato agli albori della discussione sull’eutanasia ai minori: «L’eutanasia non richiesta», per quanto illegale, «è praticata più che regolarmente in Belgio» e quindi andrebbe adottata.

«ACCELERARE LA MORTE». Per essere chiari, non si tratta di cessare cure vitali a un paziente ma di «somministrare dosi importanti di calmanti per affrettare la morte di quelle persone la cui qualità della vita è diventata insufficiente. Questi malati non sono abbastanza coscienti per fare una richiesta esplicita [ma] sono in uno stato di sofferenza incontrollabile». Poiché quindi nel «contesto della terapia intensiva» un paziente non è in grado di chiedere l’eutanasia, dando per scontato che è proprio quello che desidera ci penserà il medico ad «accelerare la sua morte» .

«ACCORCIARE LE CURE PALLIATIVE». Secondo il dottore «dobbiamo spingerci più in là» e sottoscrive un documento redatto di recente dalla Società belga di terapia intensiva: «Bisogna discutere della somministrazione di agenti sedativi con l’intenzione diretta di accorciare il processo di cure palliative terminali a casa dei malati senza prospettive di miglioramento significative».
Ma c’è di più, perché «accorciare il processo di fine vita (…) può a volte essere appropriato anche se il paziente non è in una situazione di disagio, per migliorare la qualità del suo fine vita». Eutanasia non richiesta, quindi, potrebbe anche essere imposta a chi non soffre e soprattutto andrebbe a sostituire le cure palliative, vera alternativa all’eutanasia ma costosissima per la casse dello Stato.

ADDIO AUTODETERMINAZIONE. Quindi, conclude il professore, poiché «il primo obiettivo della medicina è restaurare o mantenere la salute, cioè il benessere dell’individuo, e non mantenerlo in vita a tutti i costi», bisogna organizzare «una discussione aperta e collegiale» per approvare l’eutanasia «in accordo con la famiglia, quando la qualità della vita del paziente è troppo mediocre e senza che il paziente in questione debba firmare alcun documento».
L’articolo di Vincent smonta definitivamente il mito dell’autodeterminazione come primo motivo per approvare l’eutanasia. Se questa proposta verrà approvata, infatti, nessuno potrà decidere di morire quando vuole ma la morte verrà imposta dal medico «in accordo con la famiglia». E se un paziente volesse vivere anche se la sua «qualità della vita è mediocre»? Non si saprà mai, perché nessuno l’avrà interpellato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

15 Commenti

  1. giovanni says:

    “L’ eutanasia non richiesta, è più che regolarmente praticata in Belgio”, dice Jean-Luis Vncent . Meno male che siamo in Italia, da noi queste cose non succedono. Se sarò ricoverato, cercherò di evitare ogni lamentela, dirò soltanto che stò bene, anzi benissimo!!

    • blues188 says:

      Credo che il suo stato di salute non dipenda dalle sue dichiarazioni, ma da quanto decide il medico curante. Le auguro di trovare un medico anzianotto con un briciolo di coscienza ancora pulita.

  2. mario says:

    Se conoscete qualcuno in depressione, mi raccomando, sparategli così eviterà di soffrire. Arriveremo anche a questo tra un po’?

    • giovanni says:

      Mario, sparargli si , purchè in possesso di un arma regolarmente denunciata, altrimenti rischi guai grossi!!!!

  3. Cisco says:

    Mitico professor Vincent, il primo nazi-medico che ha il coraggio di uscire allo scoperto dopo Mengele: «L’eutanasia non richiesta è praticata più che regolarmente in Belgio» e quindi andrebbe adottata.
    Mi chiedo quante cose siano «praticate più che regolarmente in Belgio» e ancora non legali: secondo i dati Eurostat dal 1999 al 2009 in Belgio si sono regolarmente perpetrati un migliaio di dellitti all’anno tra omicidi, furti, rapine e traffico di stupefacenti. Chissà se proporranno il prof. Vincent come consulente del sindacato della polizia belga, in fin dei conti legalizzando tutti i delitti sarebbe un bel risparmio di fatica, e i poliziotti potrebbero passare più tempo a mangiare cioccolato e bere birra d’abbazia (ma senza perdere lucidità, non si sa mai…).

  4. Ellas says:

    Etanansia non richiesta? Ottimo modo per l’espianto organi. Penso che la usino puire in Cina sui prigionieri.

    • Antony says:

      Mi stupisce che le case farmaceutiche stiano zitte.
      Sarebbe una gran perdita per loro, o forse guadagnano troppo tra: pillole del giorno prima, del giorno dopo, presenvativi e affini?

  5. Mappo says:

    Sono in attesa di un commento entusiastico di Filomena o di Shiva o di qualcun’altro della loro banda di disperati.

    • Ellas says:

      Mappo, se non si tratta di difendere aborto, femminismo e lgbtx non si fanno mica avanti.

      • Emanuele says:

        Ancora non l’avete capito che sono degli zeloti che si sono imposti il compito di trollare questo forum? Il punto è: perché gli amministratori non fanno niente.

        • Ellas says:

          Emanuele, lo sappiamo e come dice il detto…non dare da mangiare al troll dopo mezzanotte, ma sono così… carini! 😀

  6. Silvio says:

    E se fosse “troppo mediocre” la vita di questi signori? Saremmo autorizzati a sbarazzarcene?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Casa americana invoglia i giovani all'acquisto della moto dei sogni proponendo i modelli Street 750, Street Rod e Sportster Iron 883 a condizioni vantaggiose. Le promozioni scadranno il 30 aprile

L'articolo Il mondo Harley alla portata dei giovani proviene da RED Live.

Il 24 e il 25 marzo, se siete in zona capitale, non prendete impegni: ci sono gli Honda Days 2018 all’autodromo di Vallelunga. Si possono provare auto, moto e non solo…

L'articolo Honda Days 2018: 24 e 25 marzo, tutti a Vallelunga proviene da RED Live.

Neve, ghiaccio, temperature polari e 26 passi alpini. La terza edizione della 20Quattro Ore delle Alpi, organizzata da Audi, ha incontrato le condizioni giuste per mettere alla prova 5 equipaggi che si sono sfidati a suon di km percorsi e prove speciali ghiacciate sulle nuove RS4. C’eravamo anche noi

L'articolo 20Quattro Ore delle Alpi Audi. C’ero anch’io proviene da RED Live.

Presentata per la prima volta nel 2007, la Peugeot 308 ha subito un restyling nel giugno 2017. Dal punto di vista meccanico la novità preponderante era stata la sostituzione del cambio automatico a 6 rapporti in favore di un nuovo 8 rapporti. Un cambio più evoluto sviluppato dalla giapponese Aisin capace di rubare sulla bilancia […]

L'articolo Peugeot 308: aggiornamenti a 8 rapporti proviene da RED Live.

Più dinamica - non solo nel look - e tecnologica. Per sfidare a testa alta le rivali più pericolose del segmento. La nuova Kia Ceed è pronta per sfilare sulla passerella del Salone di Ginevra 2018

L'articolo Nuova Kia Ceed, senza apostrofo ma con più stile proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi