Google+

Save o Kill the Children? La famosa organizzazione chiede alla Scozia di estendere «il suicidio assistito ai bambini»

giugno 19, 2014 Leone Grotti

La Scozia discute una legge per introdurre il suicidio assistito per chi abbia compiuto almeno i 16 anni di età. Ma un gruppo di organizzazioni, tra cui Save the Children, ha chiesto che la legge sia estesa a tutti

La Scozia sta discutendo una legge per introdurre il suicidio assistito per tutta la popolazione che abbia compiuto almeno i 16 anni di età. Ma c’è un gruppo di organizzazioni che si battono per i diritti dei bambini, riunite sotto il nome di “Together” (insieme), che hanno chiesto che la legge sia estesa a tutte le fasce di età.

EUTANASIA INFANTILE. Secondo le organizzazioni, tra cui spicca la famosa “Save the Children”, «le malattie terminali non discriminano le persone in base alla loro età, di conseguenza anche la sanità non dovrebbe farlo». Secondo le charities, includere anche i bambini nella legge sarebbe l’unico modo per applicare davvero la Convenzione Onu sui diritti del fanciullo, la quale prevede che le opinioni dei bambini «debbano essere rispettate» in tema di sanità in base «all’età e alla maturità» dei soggetti interessati. “Together” chiede infine che la Scozia «rifletta sugli esempi internazionali» di leggi simili, come quella sull’eutanasia infantile da poco approvata in Belgio.

KILL THE CHILDREN. È quanto meno paradossale che organizzazioni che hanno come obiettivo dichiarato quello di “salvare i bambini” chiedano espressamente a un governo di dare la possibilità alla società di ucciderli. Ed è ancora più stridente che l’associazione tra salvezza di un bambino e la sua morte venga fatta nel nome della Convenzione Onu sui diritti del fanciullo, come se la sanità riguardasse l’eliminazione dei bambini e non piuttosto la loro guarigione.

«PROPOSTA IMPENSABILE». Secondo l’associazione che si batte per impedire la legalizzazione dell’eutanasia, “Care Not Killing”, l’estensione del suicidio assistito ai bambini è «impensabile»: «Le persone oneste resteranno sorprese dal fatto che una simile idea sia anche solo espressa, soprattutto se proviene da almeno una organizzazione (Save the Children, ndr) che pretende di rappresentare gli interessi dei bambini. Queste organizzazioni sono nate per proteggere le vite dei bambini, non per incoraggiarle a cercare rifugio nella morte».

BAMBINI NON IDONEI. Come già fatto notare da molti in occasione del dibattito sull’eutanasia infantile in Belgio, anche Care Not Killing ricorda che «i bambini non sono idonei – legalmente e sostanzialmente – a prendere decisioni pienamente responsabili sulla loro vita: sono affidati alle cure dei genitori o dei loro tutori». Nei prossimi mesi la commissione parlamentare scozzese continuerà a lavorare per definire i termini della legge, intanto è triste constatare come l’eutanasia infantile approvata in Belgio non abbia lasciato indifferente il mondo ma abbia creato un pericoloso precedente.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

H-D Perugia ha vinto il titolo di The Battle of the Kings 2017 emergendo fra i 42 concessionari ufficiali Harley-Davidson sul territorio nazionale, con una apprezzatissima special su base Roadster di progetto e produzione interna. L’elezione e la proclamazione della moto vincitrice sono avvenute nell’ambito della serata The Battle of the Kings – Italian Showdown svoltasi […]

L'articolo The Battle of the Kings 2017, premiata la special su base Roadster proviene da RED Live.

I dati di mercato parlano chiaro: il segmento delle 125 viaggia a gonfie vele e nel 2016 ha fatto registrare in Italia una crescita del 40,6% rispetto al 2015. Su scala mondiale i valori relativi sono meno esaltanti ma in termini assoluti i numeri della categoria si possono tranquillamente definire da capogiro. Con un un […]

L'articolo Yamaha YS 125: chi ben comincia… proviene da RED Live.

Bye bye 1.6 TDI da 110 cv. Hai fatto un buon lavoro, però i tempi sono maturi perché tu venga sostituito da un’unità sì di pari cilindrata, ma più moderna e performante. Almeno questo è il parere di Audi che dedica alla gamma A3 il quadricilindrico turbodiesel di 1,6 litri e 116 cv già impiegato […]

L'articolo Audi A3: 1.6 TDI da 116 cv per tutta la famiglia proviene da RED Live.

A chi è capitato, almeno una volta, di transitare sulla A4 Milano-Venezia poco prima di Bergamo non può essere passato inosservato un modernissimo edificio lungo un chilometro tutto rosso. Che si chiama, appunto, Kilometro Rosso. Ed è inevitabile cercare di immaginarsi cosa ci sia dietro, o addirittura dentro. Ebbene, come molti sanno rappresenta una delle […]

L'articolo Al di là del Kilometro Rosso proviene da RED Live.

Cresce la famiglia Range Rover. Tra la “piccola” Evoque, declinata anche in configurazione Coupé e Convertible, e la Range Rover Sport s’inserisce l’inedita Velar, chiamata al debutto in occasione del Salone di Ginevra (9-19 marzo). Sebbene non siano state diffuse informazioni di dettaglio in merito al nuovo modello, è probabile che possa contare su di […]

L'articolo Range Rover Velar: un nuovo tassello proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana