Google+

Riscopriamo il pudore o sarà un massacro

settembre 15, 2016 Redazione

Dopo il tragico suicidio di Tiziana Cantone, ci si chiede quali regole dare al web. Giusto, ma non basta. L’opinione dello psicologo Claudio Risè

internet-computer-shutterstock_461490139

Cosa pensare del caso di Tiziana Cantone, la ragazza di 31 anni che si è tolta la vita in seguito alla diffusione in rete di alcuni suoi filmati hard? Sui giornali si trova di tutto, anche se – a nostro parere – un discorso che si limiti a chiedere “regole per il web” è importante, ma non sufficiente.
È ovvio che ciascuno di noi rimane sgomento dopo un fatto del genere e i particolari di cronaca che in queste ore emergono aumentano la sensazione di disagio e sdegno. Che si trovino rimedi affinché tali tragici episodi possano essere limitati, è auspicabile. Ma, diciamolo senza infingimenti, tutti noi sappiamo che, anche una volta approvato il miglior regolamento per il galateo sul web, questo non basterà.

NASCONDIMENTO DEL BELLO. E dunque? E dunque ci pare interessante segnalare un articolo apparso oggi sul Giornale a firma dello psicologo Claudio Risè che ci pare non limitarsi al prontuario di “regole utili per orientarsi nella giungla della rete”, né fornire generici richiami al buon costume (prima di girare pagina, fino al prossimo episodio).
Di cosa parla Risè? Parla del pudore e di «quell’aspetto sottile, indispensabile dell’essere umano, al limite tra cultura e la sua base più profonda: l’istinto». Oggi dire “pudore” è dire una parolaccia. È pensare a qualcosa che riguardava i nostri nonni, non noi disinibiti moderni. Ma il pudore è qualcosa di “vecchio” e “antico”, e dunque superato, o è qualcosa di universale, di innato nell’uomo? Recuperando una definizione del filosofo Max Scheler, Risè scrive che il pudore è il «nascondimento del bello», necessario a preservarlo. «Un aspetto, che, come tutto l’istinto cui appartiene, condividiamo in parte con gli stessi animali, che si mostrano solo quando sentono che non corrono alcun pericolo, che l’altro non vuole fargli del male, sono in mani amiche».

TRAGICO ERRORE. Liberarsi del pudore come di un ferrovecchio è un «tragico errore, perché senza la consapevolezza della sacralità del nostro corpo (dopotutto il nostro patrimonio più sicuro e prezioso) è difficile sopravvivere, soprattutto in modo equilibrato. Senza il rispetto del corpo (che il bambino ancora avverte), diventiamo solo testa: miti, slogan, ideologie. Privi di equilibrio e di un territorio fisico e simbolico, personale, nel quale l’altro possa entrare solo se ammesso e profondamente desiderato. Soprattutto mai invitato ad entrare e rapinarci, sperando nella sua attenzione e benevolenza».

SENSO DI SÉ. Il pudore non l’hanno inventato i preti, è in tutte le «culture umane, anche le più semplici, seppure declinato in modi diversi. Certo non ha giovato al pudore l’interpretazione auto repressiva che ne hanno dato il sociologo cui si ispira il “politicamente corretto” (Norbert Elias), e la stessa psicoanalisi freudiana; entrambi d’altronde smentiti dall’antropologia. Adesso, anche per la spinta esibizionistica e invasiva che ormai ogni cellulare possiede, è però urgente riscoprire e valorizzare il sentimento del pudore, ed il mondo degli istinti profondi cui appartiene. Senza pudore non c’è il senso di sé e quindi neppure dell’altro. Si è separati dalla propria fonte di vita, dal proprio territorio affettivo e psicologico, disorientati. Chiusi nel proprio corpo, e si cerca di arrangiarsi con quello, scambiandolo. Ma è un massacro».

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Eremita says:

    “Viviamo in una delle più decisive epoche della storia e nessuno se ne rende conto, nessuno lo comprende. La rivoluzione mondiale avanza inarrestabile verso i suoi ultimi risultati. La lotta si combatte anche dell’interiorità del singolo uomo, sebbene egli non lo sappia affatto”
    Oswald Spengler (1880-1936):

  2. Matteo says:

    Pudore ,timidezza, sobrietà, tranquillità etc……sentimenti che questo malefico mondo, con i suoi social network, rigetta.
    Nel caso specifico, a mio modo di vedere, non si può passare come “angelo debole”, come “persona tradita” questa ragazza che purtroppo si è tolta la vita. Ha fatto un grossissimo errore….e le conseguenze del suo agire non potevano portare a soluzioni positive.
    Per me è un mondo brutto.
    Diffido molto dal femminismo mediatico.

  3. Lela says:

    Vi ci mettete anche voi di tempi? A TRENTUNO ANNI NON SI È UNA “RAGAZZA”!

    • Eremita says:

      Beh, consideri però che i trentenni di oggi andranno in pensione a settant’anni…

      • Lela says:

        Lei è ottimista, io credo che non ci andrò mai. Ciò non toglie che io sia una donna adulta e non una ragazza.

        • Eremita says:

          Eh no, se una è pulzella per l’INPS è pulzella per tutti, alla faccia della Lorenzin! 🙂

          • Eremita says:

            Mi sia consentito di aggiungere un’altra cosa:
            visto che le quindicenni di oggi si conciano come pornostar anni ottanta, una trentenne, se vuole, non pena poi molto a farsi chiamare “ragazza”: bastano acqua e sapone.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download