Google+

Più flessibilità in uscita per riportare il contratto a tempo indeterminato al centro delle relazioni di lavoro

gennaio 26, 2014 Matteo Rigamonti

Antonio Bonardo (Gi Group) valuta le proposte di Pd, Scelta Civica e Ncd sul lavoro. Cosa è apprezzabile, cosa è carente, cosa da approfondire. Ma una cosa è certa: l’articolo 18 va superato

Meno tasse sul lavoro, flessibilità in uscita e semplificazione della normativa. È la ricetta di Antonio Bonardo, direttore dei rapporti istituzionali di Gi Group, per sbloccare un mercato del lavoro che è fermo da troppo tempo, schiacciato com’è tra il totem dell’articolo 18 e lo spreco di risorse pubbliche secondo logiche assistenzialistiche ormai superate. Una ricetta di cui fortunatamente si può riscontrare qualche traccia anche nelle proposte sul lavoro di Renzi, Nuovo centrodestra e Scelta civica.

Cosa ne pensa delle proposte sul lavoro finora presentate?
Tutte hanno il merito di aver individuato come sempre più urgente e indispensabile l’ammodernamento del vecchio contratto a tempo indeterminato, che dovrà essere reso meno costoso e più flessibile se si vuole rimetterlo al centro del mercato del lavoro. Anche se, a dire il vero, quelle del Nuovo centrodestra e di Scelta Civica sono le uniche due che, finora, si sono tradotte compiutamente in una proposta di legge precisa e formulata per articoli. Quanto al Job Act di Renzi, invece, si tratta solo di annunci, di “tweet” per cui, prima di poterlo giudicare nel merito, occorre attendere che vengano formalizzate proposte più precise.

Perché è così importante ammodernare il vecchio contratto a tempo indeterminato?
Il contratto a tempo indeterminato non deve essere abbandonato, bensì aggiornato coerentemente alle esigenze di maggiore flessibilità in uscita tipiche di un’economia moderna, che sono diverse da quelle che conoscevamo in passato. In particolare, occorre superare quelle storture e incrostazioni, come l’articolo 18, che rendono sempre più difficile utilizzare il tempo indeterminato a vantaggio di forme meno stabili e sicure. È per questo motivo, infatti, che il 70 per cento delle nuove assunzioni avviene con forme contrattuali diverse. Oggi, purtroppo, “tempo indeterminato” è diventato sinonimo di “posto fisso”, “inamovibile”. Mentre inizialmente non era altro che una locuzione volta a indicare che non si poteva prevedere la durata del contratto.

È possibile che il contratto a tempo indeterminato abbia fatto il suo tempo?
Senza un patto di medio/lungo termine tra impresa e lavoratore è difficile che si possa tornare a crescere. Il tempo indeterminato deve tornare al centro delle relazioni di lavoro. Ma così come oggi è impostato ha l’effetto di deprimere gli investitori interni e scoraggiare quelli esteri, che chiedono di sapere quanto costa licenziare al venire meno di determinate condizioni. Non è certo un caso, infatti, se il nostro Paese è messo così male nelle classifiche di chi attrae capitali dall’estero. Certamente non è solo colpa dell’articolo 18, sia chiaro, ci sono anche i ritardi della burocrazia, delle infrastrutture e l’elevato costo dell’energia, ma l’articolo 18 pesa eccome.

Perché allora Renzi propone un contratto unico di inserimento fuori dalla cornice dell’articolo 18 solamente per i primi tre anni?
Probabilmente l’ha dovuto fare per raccogliere l’endorsement di Fiom e Cgil che non vogliono il superamento dell’articolo 18. Ma non possiamo restare legati a modelli economici di epoche passate.

Meglio l’abrogazione definitiva, eccetto che nei casi di licenziamento discriminatorio, come propone l’Ncd?
Sì, anche se affidare i disoccupati esclusivamente a un modello di voucher per la formazione sull’esempio della Dote unica lavoro della Lombardia mi sembra un po’ estremo.

Cosa suggerisce?
Meglio sarebbe distinguere tra il risarcimento del danno che spetta all’impresa, da un lato, e un servizio di ricollocazione che potrebbe essere affidato alle agenzie per il lavoro, dall’altro. Salvo, s’intende, mantenere l’intervento pubblico nel caso di licenziamenti imputabili a fallimenti o liquidazioni aziendali. Le agenzie per il lavoro, infatti, hanno il vantaggio di conoscere il mercato e possono aiutare il lavoratore a riqualificarsi e ricollocarsi in tempo utile a ritrovare un posto. Il rischio, altrimenti, è che i fondi pubblici spesi servano più ai formatori che a chi ha bisogno di essere formato.

In definitiva, di cosa ha bisogno il mercato del lavoro italiano per sbloccarsi?
Che venga ammorbidita la rigidità in uscita e siano abbassate le tasse sul lavoro. Il costo del lavoro, infatti, oggi è troppo elevato e c’è bisogno che la gente torni a spendere perché ripartano i consumi interni. Non tutti poi possono fare affidamento sull’export, che è l’unico mercato in crescita. Per tutto ciò, invece, che rientra nel campo della flessibilità, e quindi opportunità lavorative della durata massima di tre mesi, si dovrebbe puntare esclusivamente sulla somministrazione, che garantisce continuità, formazione e welfare integrativo.

Sia Renzi sia Sacconi chiedono di semplificare le norme sul lavoro. Come mai?
È un auspicio condivisibile, anche se non è vero, come sostiene Renzi, che in Italia ci sono 40 tipologie contrattuali. La riforma Fornero, infatti, ce ne ha consegnate 15 al massimo e non servono ulteriori abrogazioni. Va detto, però, che nemmeno è possibile abrogare la riforma Fornero per tornare alla legge Biagi, come chiede il Nuovo centrodestra per le tipologie contrattuali diverse dal tempo indeterminato. Sembra una rivendicazione più politica che tecnica.

Perché è importante semplificare le norme sul lavoro?
A chiedere norme più semplici sono i 22 milioni di lavoratori e i 4 milioni di imprenditori che ogni giorno operano in Italia. Mi sembra un motivo più che valido. Ma non basta. Le nuove norme dovranno anche essere scritte meglio di quanto non lo siano oggi. Altrimenti ci sarà sempre bisogno di ricorrere ai consulenti del lavoro o a un avvocato per poterle interpretare correttamente.

È così complesso il diritto del lavoro italiano?
Non sempre le norme sono facilmente interpretabili da chiunque. Ma quel che che è peggio è che spesso si è costretti a vivere nell’incertezza del diritto, per cui, per ogni norma poco chiara, non si può far altro che attendere il contenzioso e la decisione del giudice di turno. Poi c’è bisogno anche di più rigore nei controlli, perché si possono stabilire tutti gli obblighi di legge che si vuole, ma se non si fanno rispettare non servono a nulla.

L’apprendistato targato Fornero non sembra essere andato poi così bene. Le risulta?
È vero, stando ai numeri, non è andato bene. Siamo favorevoli a una sua revisione e ulteriore semplificazione, specialmente per quanto riguarda gli obblighi formativi, se finalizzata a renderlo più fruibile.

Come?
Si potrebbe fare come in Germania, dove la retribuzione all’ingresso in azienda è il 30 per cento di quella definitiva, salvo poi crescere nei quattro anni successivi. Soltanto che, in Germania, la formazione è garantita sul serio, non come in Italia. Certo, poi, bisognerebbe controllare che così avvenga.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

12 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    che sia finito il tempo in cui se ti assumono poi non puoi essere più licenziato è vero (a parte gli statali). ma tra le proposte di ichino e quelle di biaggi c’è differenza. tra la flexsecurity e passare da contratto a tempo a contratto a tempo per tutta la vita, senza poter offrire garanzie per il mutuo per la casa, ad esempio, ce ne passa di differenza.

  2. luca scrive:

    secondo me il contratto a tempo indeterminato andrebbe universalmente abolito, ormai nuova e suprema forma di privilegio: privilegio che spetta solo agli anziani a scapito dei giovani che per poter continuare a finanziare diritti esotici dei genitori hanno dovuto rinunciare a tutto…

    l’unica cosa è che si dovrà creare una ricetta che impedisca di usare il licenziamento come arma per ottenere qualsiasi cosa

  3. Il giuslavorista scrive:

    Non ho capito la conclusione di Luca. Se abolisco i contratti di lavoro a tempo indeterminato, che bisogno ho di “usare il licenziamento come arma?” È sufficiente che aspetti la scadenza del contratto e non te lo rinnovo. Eliminando i contratti a tempo indeterminato siamo tutti licenziati in partenza e al posto del licenziamento la nuova arma da usare anche più comodamente. è quella del mancato rinnovo.

  4. Antonio scrive:

    Infatti…ditemi se oggi se uno rimane “a casa”dopo che non gli hanno rinnovato il contratto che possibilità ha di trovare un nuovo lavoro? e se questa persona per sbaglio è in affitto o paga un mutuo cosa fa?

  5. Remo scrive:

    Le agenzie del lavoro servono più a dare lavoro a chi ci lavoro dentro a trovarlo
    Io sono iscritti a tutte quella della mia zona, e mai che mi abbiano procurato non dico un lavoro ma nemmeno un colloquio, li ho trovati sempre tutti da mi mandando privatamente i curriculum.
    Con mercato del lavoro così inefficiente è assurdo pensare di affidare tutto ai privati.

    • mike scrive:

      è vero. magari se ti mandano in un posto e i padroni di quel posto ti chiedono di venire più volte (di quanto previsto con l’agenzia) può succedere che all’agenzia ti chiedono se ti hanno fatto “certe” domande. boh forse qualcuno fa la spia. a parte questo in italia si sta rovinando il futuro degli italiani, su tutto. gli italiani non lo capiscono, hanno la testa piena di opinioni. per come la vedo io possono anche far riprendere l’economia, ma senza lavoro fisso si è come gli schiavi dell’antichità. solo non ti frustano. ma se non mangi poco gli importa, a chi comanda. non escludo, visto che si ritirano fuori cose vecchie sul piano etico, che ritirino fuori anche la schiavitù per debiti. tanto se le bollette devi pagarle, e se il lavoro non è sicuro, basta un momento di difficoltà per bollette e spese extra che sei fottuto.
      sarà banale ma un’economia gira solo se la gente può spendere, e la gente può spendere se guadagna più di quanto costa la vita. ossia l’economia gira se la gente può sguazzare. concetto magari poco cristiano, ma così è. le teorie economiche come quella keynesiana o monetarista, stupidaggini. vere solo a certe condizioni. è solo vero che l’economia gira se la gente guadagna e quindi spende. tutto il resto favole per mettere in testa al popolo che deve fare sacrifici. e parecchi ci credono, o quantomeno pensano che tutto non cambia mai. altra cosa, la passività o anzi l’accettazione passiva, inculcata nella moderna civiltà occidentale. più di quanto si creda.

  6. Francesco scrive:

    Ho capito, è sempre il povero che paga!

  7. marzio scrive:

    Massimo rispetto per le idee di Antonio Bonardo ,pero condivido solo le riflessioni relative alla formazione professionale come avviene in Germania, per il resto sono proposte che possono solo peggiorare le cose.

  8. VivalItalia scrive:

    è finita l’era del contratto a tempo indeterminato..

    E QUALE ERA È INIZIATA?

  9. luigi lupo scrive:

    Sono andati a chiedere all’oste se vende il vino buono. Che opinione poteva avere uno che lavora per GI Group. Gruppo che in sostanza ha sostituito il caporalato. Ti affittano alle aziende che hanno bisogno e lucrano sul tuo lavoro.
    Rigamonti perchè non ha chiesto all’intervistato che contratto aveva con GI group?.

  10. Cisco scrive:

    Bisognerebbe che il Direttore (precario?) dei rapporti istituzionali di Gi Group ci spiegasse la sua visione di società e che posto ha l’uomo all’interno di tale visione. Dopo di che è evidente che chi è pagato dalle aziende difende gli interessi delle aziende…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana