Google+

Putin firma la legge che vieta di pubblicizzare l’aborto in Russia

novembre 28, 2013 Leone Grotti

Aumentare il tasso di natalità della popolazione è da 14 anni una delle priorità di Putin, che d’accordo con la Chiesa ortodossa russa sta cercando di limitare le interruzioni di gravidanza in Russia

Da lunedì in Russia non è più possibile pubblicizzare l’aborto. Il presidente Vladimir Putin, rivela il Cremlino, ha firmato un insieme di leggi che restringe la possibilità di realizzare spot pubblicitari. Oltre all’aborto, la nuova legge federale proibisce di diffondere anche la pratica illegale della “medicina popolare” e campioni gratuiti di medicine che contengano sostanze narcotiche.

UN MILIONE DI ABORTI. Sono circa un milione le donne che in Russia ricorrono all’aborto ogni anno e questo, secondo il governo, è tra le cause del tasso di natalità stagnante che si registra nell’ex paese comunista. Aumentare il tasso di natalità della popolazione è da 14 anni una delle priorità di Putin, che su questo versante ha ottenuto il pieno appoggio della Chiesa ortodossa russa, secondo la quale l’aborto rappresenta un «ammutinamento contro Dio».

LE PROTESTE. Secondo l’attivista per i diritti delle donne Olgerta Kharitonova «questa legge non è l’inizio della restrizione dei diritti riproduttivi delle donne, perché il processo è cominciato nel 2011». Kharitonova fa riferimento alla legge approvata dal governo in quell’anno che ha ristretto alla dodicesima settimana la possibilità di abortire in modo legale. Questa misura, secondo il viceministro della Salute Tatyana Yakovleva, ha ridotto di un quarto il numero di aborti negli ultimi cinque anni.

«OTTIMA LEGGE». Per Steven Mosher, presidente del Population Research Institute, Mosca ha invece approvato un’ottima legge perché «fino a quando la società russa si rifiuterà di riconoscere il valore della vita umana, il paese farà fatica ad andare avanti. Se il popolo russo vuole sopravvivere, l’aborto deve smettere di essere una pratica quotidiana».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

29 Commenti

  1. Andrew scrive:

    Bravo Putin

  2. Franco scrive:

    Grande Putin! Pubblicizzare la soppressione di una vita, che la si consideri potenziale o effettiva, come fosse a pubblicità di un paio di mutande, é roba da manicomio. E a quanto pare c’é pure che da del trollone a Putin. Roba che questo atteggiamento nei confornti della vita é roba da Sparta o da Unni….. studiare per credere.

    • paolo scrive:

      Grande Franco … rispecchi perfettamente il pensiero di “Tempi” .
      E’ sempre il motivo che va ricercato …. a Putin della vita umana non frega nulla (gli esempi si sprecano Politkovskaja, Litvinenko etc) il problema di Putin è la crescita negativa della popolazione Russia ecco quindi la legge antiaborto naturalmente “vestita” come scelta per la vita etc in modo da portarsi dalla sua la chiesa ortodossa che non fa mai male !
      Diciamo che è simile al comportamento di Berlusconi per l’eutanasia e il caso Englaro … con la differenza che Silvio manco si è messo a fare una legge … è stato sufficiente fare un pò di “manfrina” millantando difesa dei principi non negoziabili e si è portato dietro tutta la CEI, CL etc

      Paolo

      • mike scrive:

        non so. politkovskaja e litvinenko forse sono stati pretesti per denigrare putin e la russia che va contro l’aborto e anche contro altre cose. lo hai detto tu che il motivo va ricercato. sulla poca crescita demografica noi occidentali dovremmo pensare per noi. la bomba anti-demografica la stanno usando contro di noi e da decenni quindi pensiamo ai fatti di casa nostra. prima che i musulmani diventino più di noi. dopo aivoglia a difendere i nostri valori (quelli veri occidentali di origine cristiana) in cui non crediamo più. infatti in molti credono ad aborto, divorzio, eutanasia, coppie gay, però protestano poco sul non arrivare a fine mese ed in fondo pensano solo a divertirsi. tutto ciò porta, in modi diversi, al collasso demografico. lo capiremo come inizieranno a morire gli over ’60 e ’70. per cui faremmo bene a pensare a noi e non ai russi.

    • marzio scrive:

      Hai ragione Franco, cominciamo a smontare il vasto fronte abortista foraggiato dalla finanza occidentale.

  3. marzio scrive:

    Forza Putin !

  4. Antonio scrive:

    ottimo Putin, però bisogna prendere atto che una crescita infinita della popolazione (a livello mondiale) non è sostenibile. Le risorse sono limitate e anche se non lo fossero, non sarebbero mai sufficienti per supportare una crescita tendenzialmente infinita della poplazione. Quindi no all’aborto,ma si ad una giusta,misurata e lungimirante contraccezione.

  5. Ilaria scrive:

    Anche in Italia presto ci renderemo conto che l’assenza di una politica demografica e per la famiglia manderà in completa crisi il nostro sistema. Senza nuove generazioni nessuno pagherà le nostre pensioni! La domanda interna si fletterà, perché i consumi (persino dei pannolini) caleranno.
    Ci vuole una seria politica per la famiglia! Perché ci sia crescita della domanda interna!

  6. francesco scrive:

    ottimo, in un paese dove si muore di fame e i bambini sono venduti facciamo più figli… geni!
    ps
    ma voi non eravate quelli che riguardo la legge contro l’omofobia chiedevate a gran voce libertà di espressione? che coerenza!

    • giovanna scrive:

      Vedo che sei nuovo Francesco,e a quanto pare ti tocca il turno gay, allora ti dò un consiglio: se scrivi così ,tanto per scrivere, giusto per la razione di offese quotidiane, va bene, ma se avessi anche la lontana intenzione di un dialogo purchessia, bè, cerca di alzare un pò il tiro e magari leggi prima gli articoli, non solo il titolo, che la cosa si presta a figuracce colossali.
      I tuoi interventi finora sono così vuoti e rasoterra che è impossibile anche un tentativo di interloquire.

  7. Valeria scrive:

    Bravo!

  8. francesco scrive:

    giovanna, perché c’è un articolo? non lo trovo, mi dai il link per favore?

    l’amore è l’energia del cuore dello spirito
    il cuore dello spirito è intriso dell’energia dell’amore
    il cuore dell’energia è lo spirito dell’anima

    insomma qualunque combinazione di parole cuore, amore, energia e anima anche se non appartenente alla lingua italiana per voi è una verità assoluta… a patto che implichi imporre il vostro credo agli altri….

  9. Sasso Luigi scrive:

    Putin è un volpone, meno peggio di tante altre iene. Stavolta bisogna dirgli bravo. Spero di vivere ancora qualche decennio e poi vedemo che anche in Occidente qualcuno si renderà conto di quanto l’aborto le donne, le persone e distrugge una società.

  10. Andrea scrive:

    Putin prendimi sotto le tue ali!

  11. Orione scrive:

    Curioso, giornalisti e oppositori , vengono uccisi alla grande, con o senza polonio radioattivo e Putin viene considerato un difensore della vita…..

    • Alessio 1977 scrive:

      Forza Putin !

    • giovanna scrive:

      Ma certo Orione ( un’altra bella testa !), dato che vengono uccisi alla grande giornalisti e oppositori, perché non incentivare anche l’uccisione dei bambini nel ventre materno ? Morto più, morto meno.

      • francesco scrive:

        Giovanna ora putin ha stabilito che essendo l’talia l’unico paese europeo a non regolamentare le unioni LGBT sarà anche l’unico a poter adottare in Russia… e intanto gli orfanotrofi in Russia diventano sempre più affollati. quando l’odio per i gay è più importante delle necessità di una casa di un bambino.

        ps in Russia o in un paese islamico ti ci vedrei benissimo, dai infondo dovresti cambiare pochissimo delle tue credenze

        • giovanna scrive:

          Sei sempre più becero, Francesco, direi squallido.
          Ma i tuoi interventi restano come pro-memoria di come ci ridurremo con la cosiddetta legge sull’omofobia .
          E ancora non sei riuscito a riportare non dico una, ma mezza di mezza parola che avrei detto per giustificare i tuoi insulti a casaccio ( qui, per esempio, ti ho fatto notare che non avevi letto l’articolo, come da te confermato , non vedo cosa c’entri coi paesi islamici ..), così tanto per non smentire la faccenda dei gay ideologizzati aggressivi e violenti con chi non la pensa come loro.
          ( anche per te è evidente che l’omosessualità è l’ultimo dei tuoi problemi, è proprio l’umanità che è carente )
          Faccio formale richiesta alle associazioni gay di mettere di turno su questo sito una persona civile , appena appena umana, dotata di contenuti minimi, casomai fosse possibile.
          La speranza è l’ultima a morire !
          ( anche per te è evidente che l’omosessualità è l’ultimo dei tuoi problemi, è proprio l’umanità che è carente )

          • francesco 2 scrive:

            mi dai del becero e dello squallido perché chiedo una legge che tuteli alcuni diritti e doveri della mia coppia e dici di non essere offensiva? wow
            chiamalo matrimonio o come vuoi a me il nome non interessa vorrei solo avere stessi diritti e doveri di una coppia sposata (tutto ciò che non riguarda i figli).

            • giovanna scrive:

              no, tesoro , ti dò del becero e dello squallido perchè hai scritto cosette come queste:
              “e intanto gli orfanotrofi in Russia diventano sempre più affollati. quando l’odio per i gay è più importante delle necessità di una casa di un bambino.
              ps in Russia o in un paese islamico ti ci vedrei benissimo, dai infondo dovresti cambiare pochissimo delle tue credenze”,
              completamente a vanvera, sia rispetto all’articolo, che non hai letto, sia rispetto alle mie parole, oltre alle altre offese gratuite e pesanti come mamma che mi hai rivolto altrove, dal nulla, cioè da quello che presumi tu debba pensare io. e ancora una volta con questa storia dell’odio, da cui si vede benissimo chi odia chi. Io non ti odio, non mi passa per l’anticamera del cervello, ma un pò ti compatisco.
              ( i figli non sono un particolare secondario in un matrimonio, i figli sono il motivo per cui lo stato ha interesse che la famiglia sia sostenuta, che la coppia sia stabile e assuma un impegno pubblico, e lavori per il futuro della società stessa )

        • EquesFidus scrive:

          Basta con questa menzogna dei bambini lasciati a marcire negli orfanotrofi (che non esistono più, eprlomeno in Italia, tra l’altro) perché non ci sono i gay ad adottarli: la verità è che, visto il crescente mercato dei donatori di gameti e degli uteri in affitto, a costoro non frega niente (o quasi) degli orfanelli, bensì il bambino è visto come un oggetto che deve essere fabbricato per una realizzazione sociale, scimmiottante la famiglia eterosessuale a cui vogliono omologarsi in ogni modo (pur non potendo ontologicamente, poiché due persone dello stesso sesso non possono, in alcun modo, essere paragonabili a due di sesso diverso). Se si tenesse ai bambini, invece, si cercherebbe di snellire la burocrazia e fare in modo che vengano adottati il prima possibile (pur con tutti i controlli del caso, ovviamente, per non ingenerare un parimenti vergognoso mercato di minori) piuttosto che cercare di far “sposare” ed adottare coppie fisiologicamente ed ontologicamente inadatte a generare la vita con meri intenti ideologici e contrari alla morale naturale, altroché!

  12. Isa scrive:

    Lodevole tutto ma poi una volta nati i bambini nessuno più interessa che fine fanno e come vivono? avete presente gli istituti pieni di bambini in Russia e come vivono? e quanti ne muoiono per freddo, denutrimento?… quello che fa Putin e i suoi politici è solo di bloccare le adozioni internazionali, con gente che è in attesa da anni per adottare, però a lui il bene dei bambini non interessa x nulla

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo averla ammirata al Tour de France, la bici di Fabian Cancellara è ora disponibile per tutti gli estimatori del campione svizzero e configurabile attraverso il programma Project One.

Debutta il 2.0 turbo benzina MultiAir da 200 cv dedicato alla berlina di Arese, disponibile solo in abbinamento alla trazione posteriore e al cambio automatico a 8 rapporti. Affianca in gamma il V6 2.9 biturbo da 510 cv e il 2.2 td da 150 o 180 cv. Prezzi da 40.500 euro.

È la versione più potente ed estrema mai realizzata della berlina bavarese. Il V8 4.4 biturbo eroga 600 cv anziché gli originari 560 cv, mentre le sospensioni beneficiano di una taratura decisamente hard. Sarà realizzata in solo 200 esemplari.

Il concept presentato a EICMA lo scorso anno pare proprio destinato a diventare realtà. Honda ne anticipa l’arrivo con un teaser che non svela molto ma che dice tutto

Quello elettrico si somma a quello umano, per garantire orizzonti più ampi e divertimento prolungato. Moterra sarà proposta in due versioni, di cui una con ruote 27+, dedicate a Trail ed Enduro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana