Google+

Phong, il cieco che in Vietnam insegna «il braille e la fede ai bimbi non vedenti»

marzo 7, 2015 Benedetta Frigerio

Intervista al cattolico Nguyen Quoc Phong, che usa le tecniche più avanzate studiate negli Stati Uniti : «La disabilità non impedisce di essere felici»

phongUna delle malattie più diffuse in Vietnam è la cecità. Circa 3,9 milioni di persone sono afflitte da seri problemi alla vista. Eppure, nel paese a maggioranza buddista, sono pochissimi i centri per non vedenti. Uno dei più innovativi, Tien An, si trova a Ho Chi Minh City ed è stato fondato nel 1999 da Nguyen Quoc Phong, vietnamita cattolico che, come ha raccontato AsiaNews, ha dato speranza a centinaia di ragazzi dopo essere stato colpito anche lui dalla cecità.

DAL SEMINARIO AGLI USA. Cresciuto alla scuola di don Bosco dai missionari salesiani, Phong decise di entrare in seminario « perché a studiare e a stare in parrocchia non ero contento, mi sentivo chiamato a fare qualcosa per i più piccoli e quindi a 30 anni sono uscito», racconta a tempi.it. Per tre anni lavorò in un’azienda a Singapore finché nel 1991, all’età di 33 anni, ebbe un incidente in motorino in cui perse completamente la vista. Fu allora che si accorse che nel suo paese c’erano tantissime persone come lui e pochissimi aiuti per imparare a leggere il braille. Scopri anche che la diffusione della malattia era dovuta probabilmente all’uso di un erbicida utilizzato durante la guerra per disboscare la giunga. «All’inizio ero triste, ma poi pensai: “Forse questa è una chiamata”». Invece di demoralizzarsi, Phong trovò un programma di studi online offerto dalla Headly, una scuola per ciechi in Illinois, e capì che era possibile vivere anche nelle sue condizioni.

bimbi ciechiTECNICHE AVANZATE. Dopo gli studi e un training sempre più approfondito, «ho deciso di accettare una borsa di studio a Parigi e di approfondire l’uso di tutte le tecniche di ultima generazione per migliorare la condizione di chi non vede: piano piano Dio mi preparava a fare questo lavoro, dopo avermi dato l’opportunità di ricevere un’educazione solida, rendendomi capace di essere amico dei ragazzi e di amarli».

«POSSONO ESSERE FELICI». Così, otto anni dopo l’incidente, nel 1999, Phong fondò l’istituto per cui sono passati centinaia di ragazzi, mentre nel 2009 ha aperto una casa per bambini ciechi. L’uomo, oltre a insegnare inglese, informatica e musica, dopo aver tradotto il codice braille e il manuale internazionale di musica braille, ha tradotto anche il Vangelo, perché «so che toccare la parola di Dio aiuta i bambini a non soffrire troppo la perdita della vista». Anche per questo Phong ha capito che «la disabilità non è un fattore essenziale che impedisce di essere felici». Anzi, «ciò che importa è la dignità, che in questa casa vivano come fratelli».

«COMUNICO LA MIA FEDE». La sua opera ha ricevuto premi internazionali ed è stata riconosciuta persino dal governo comunista, che di solito non ama tutto ciò che ha a che fare con Dio. «Ciò che mi interessa è solo ridare quanto ho ereditato: lo spirito di don Bosco che insegna la bellezza della vita comune e l’importanza della famiglia, cercando di mettere i ragazzi nelle migliori condizioni per usare tutte le loro potenzialità». Tanto che «nel 90 per cento dei casi hanno trovato lavoro e si sono ben inseriti nella società. Altri producono qui i nostri libri e i supporti per ciechi». E così la scuola riesce anche a mantenersi. Phong ospita bambini di ogni credo religioso e «senza obblighi per nessuno, comunico anche la fede che ho ricevuto e che mi permette di fare quello che faccio».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download