Google+

Perché vogliono far fuori Formigoni

aprile 16, 2012 Luigi Amicone

Ci sono affari democratici e affari che sono affaristici. Guarda caso, caduto Berlusconi, la Lombardia è dipinta come un covo di briganti da ripulire alla svelta. Ti muovi nel mondo come qualsiasi uomo di mondo, non ti limiti alle litanie in chiesa e se fai politica non la fai dalla parte giusta? Bè, vuol dire che c’hai del marcio addosso. È giornalismo scomodo o serva informazione?

Ripubblichiamo l’articolo apparso sul numero di Tempi 04/2012.

L’estate scorsa, durante una puntata di Omnibus, tra una lama incrociata in chiaro e reciproci sfottò nel fuori onda, con Gianni Barbacetto avevamo giocato alle previsioni: con chi se la sarebbero presa e di cosa avrebbero parlato i giornali ossessionati dalla sua figura il giorno dopo l’uscita di scena di Silvio Berlusconi? «E che problema c’è?», ci aveva confortato il collega del Fatto quotidiano, «dopo Berlusconi verrà il turno di Formigoni». Detto fatto. All’indomani dell’arresto di Franco Nicoli Cristiani, vicepresidente del Consiglio regionale della Lombardia, il tema veniva immediatamente titillato con gran squillo di tromba da un editoriale di Repubblica a firma Gad Lerner. Era il primo dicembre 2011. Il governo Monti si era insediato a Palazzo Chigi appena due settimane prima, il 16 novembre. Berlusconi aveva alzato bandiera bianca. Lady Spread correva. Scoccava l’ora dei mannari.

«Dopo la giunta Moratti a Milano e il governo nazionale di Berlusconi, c’è da sperare che questo impetuoso 2011 si porti via pure il regno di Formigoni sulla regione Lombardia». E giù botte. «Non se ne può davvero più degli arricchimenti di sconosciuti imprenditori legati alla galassia di Comunione e Liberazione». E che dire «della coesistenza subalterna instaurata dalle Coop con i maggiorenti della Compagnia delle Opere»? E via descrivendo una regione più prossima al Corno d’Africa che al Belpaese. Un posto, la Lombardia, dove a detta di Lerner vigerebbe un «sistema di manipolazione del libero mercato» e dove politici come Bossi e Maroni nient’altro rappresenterebbero che i vili manutengoli dell’«affarismo imperante». In cauda venenum: «Lo stesso movimento ecclesiale di Comunione e Liberazione dà più di un segnale di averlo compreso: Formigoni non è un Pontefice, in politica comandare a vita è insano. Separare il cattolicesimo lombardo dalla zavorra della corruzione si prospetta anche come uno degli impegni per cui è venuto a Milano il nuovo arcivescovo, cardinale Angelo Scola. Per questo sarebbe un bel regalo di Natale chiudere il 2011 con le dimissioni della giunta regionale lombarda». 

Nessun regalo. Per le sue cattiverie Gad Lerner ha ricevuto da Babbo Natale solo carbone. Però il jingle della presa di distanza da parte di Cl si scarica facilmente anche su iPad e diventa anche per l’iPhone una delle suonerie del giornalista beninformato e collettivo. Lo riprende la settimana scorsa il Fatto quotidiano in un commento di Gianni Barbacetto (arieccolo). Il quale, per tramite del suo “ciellologo” personale (e chi sarà mai se non il carbonaro Gad?), spiffera un progetto segretissimo di cui sarebbe ideatore e custode don Julián Carrón, attuale capo di Cl. «Dicono che il suo programma sia ora quello di mettere al riparo Cl-movimento ecclesiale da Cl-Compagnia delle Opere-movimento economico e politico. Ha addirittura minacciato di dimettersi e di tornarsene in Spagna». Addirittura? E sia. D’altronde, se sei ciellino, puoi mica metterti in affari come un Carlo De Benedetti (sebbene di ciellini pare che De Benedetti ne conosca almeno due, impiegati nelle sue aziende). Ci sono affari democratici e affari che sono solo affaristici. Affari che sono solidali e solidarietà che sanno di privilegi loschi. Ci sono sodalizi umanistici che la domenica scrivono gli editoriali di Guido Rossi e ci sono cricche che possono essere solo P3, P4 e P26.

Insomma, ti muovi nel mondo come qualsiasi uomo di mondo, non ti limiti alle litanie in chiesa e se fai politica non la fai dalla parte giusta? Bè, vuol dire che c’hai del marcio addosso. Fatti uno shampo di Giorgio Gaber e convertiti all’umanità umanitaria di Che tempo che fa. Altrimenti? Altrimenti resti un fondamentalista. E fondamentalmente un negro. Come lo eri negli anni Settanta. Quando Formigoni battezzava la nascita di Cl al Palalido di Milano e loro, i democrat, brandivano la spranga. Oggi la Hazet 36 è di carta e quelli che le impugnavano allora sanno di Unico al velluto e spiaggette ai tropici. Tu eri negro allora e negro rimani (mentre loro si danno civettuolamente del “bastardo”, così per farsi ultimi in un titolo di libreria Feltrinelli per un pubblico di gente che piace). Una volta eri “il parà di Cristo”? Adesso del Figlio di Dio sei il concetto del volto affaristico. Formigoni? Per definizione, è l’Untermensch berlusconiano. Soprattutto, è il sottouomo che, caduto il Capo, rischia di dare una mano alla rinascita di un centrodestra decente, portando in dote il successo di diciassette anni anni di buona e moderna amministrazione in Lombardia.

Tant’è, si permette di andare pure in barca, Formigoni. E anche in aereo. Addirittura Formigoni si fa fotografare in compagnia di belle donne. Addirittura. E persino con abiti «da diva»: Francesco Merlo, sei omofobo anche tu? Chissà. Intanto, a ruota di Lerner, arriva l’impalatore principe di Valacchia, che da Parigi, dove risiede avvertendo fortemente il problema di come tirare la fine del mese in Champs-Élysées, la cosa più carina che scrive dalla prima pagina di Repubblica è: «Formigoni da 17 anni galleggia su una schiuma di faccendieri, appalti, società corruttrici, ville abusive, buchi di bilancio, false fatturazioni, finanziamenti illeciti, reati contro il patrimonio, bancarotte fraudolente: un’orgia affaristica dentro la sua Regione Lombardia dove fanno capolino anche la ’ndrangheta e la criminalità organizzata». Non c’è un solo riscontro giudiziario a tanto elenco degno di un Totò Riina. Ma c’è chi può. Loro “può”.

Loro sono l’Occhio di Sauron di Alberto Statera, possono dire tutto e la cosa più garantista che possono dire è: «Sta per venire giù rovinosamente la cupola che da un ventennio il celeste Roberto Formigoni ha edificato su Milano e sulla Lombardia. Con un cemento marcio, fatto di devozione al braccio affaristico di Comunione e Liberazione e di sottomissione a quello criminale della ’ndrangheta calabrese». Perfetto, ma lo vogliamo rivelare o no il nome del Celeste Governatore che sta dietro la strage di Capaci e gli omicidi Falcone e Borsellino? E poi, durante una cena ad Arcore, Formigoni ha sostenuto con entusiasmo la candidatura di questo Massimo Ponzoni, uno che adesso è finito in un mare di guai giudiziari. Uno che è perfino stato il consigliere regionale più votato. Uno che adesso bisognerebbe andare a prenderli tutti quei bastardi dei suoi undicimila elettori mafiosi. O non lo sapevate che quando in Lombardia vince il centrodestra vince la ’ndrangheta, quando vince la sinistra è tutto un “nuovo vento di cambiamento”?

Fende la nebbia un piccolo triste raggio di sole e si riflette nelle vetrate del nuovo grattacielo della Regione. Un funzionario che ci conosce, un nostro lettore, ci mostra una pagina del Sole 24 Ore. Sabato 21 gennaio, dorso “Economia-Imprese”. Ennesimo record della Lombardia, leader assoluta nel campo del risparmio energetico. Lo dice il apporto Enea presentato a Roma la scorsa settimana. I dati vengono dall’Autorità per l’energia. Bene, del 64 per cento di risparmio energetico ottenuto dalle regioni del Nord nel biennio 2007-2009 (si pensi che regioni come Molise, Basilicata, Calabria e Valle d’Aosta valgono tutte insieme un risparmio energetico dell’1 per cento), quasi il 25 è prodotto dalla sola Lombardia. Merito delle sue leggi e delle sue buone pratiche, nell’edilizia e nell’impresa. Un ennesimo dato a conferma di una realtà che conoscono tutti, compresi i sassi dell’Australia e gli osservatori Ocse, Ue, Fmi… Eccetto loro, queste troike che dai castelli del conte Dracula narrano che nel regno di Lombardia comanda la mafia, Formigoni fa il cemento marcio e noi, magari, si mangia pure i cagnolini di Michela Bambilla. La troika, oltre al significato di “equipaggio di tre cavalli”, nel dizionario della lingua russa del 1935 (ci informa il traduttore di Tutto scorre), era sinonimo di “commissione composta da tre persone”: il commissario del popolo agli Interni, il primo segretario del partito, il procuratore della repubblica: «Hanno il diritto di condannare alla fucilazione, e fino a dieci anni di lager. Le condanne vengono eseguite immediatamente, senza diritto a ricorso». Anche oggi che le troike sono solo di carta (epperò le galere restano pur sempre di cemento e ferro) non smette di stupire questa banale malvagità con cui passano così facilmente dalla denuncia all’esecuzione sommaria.

Tutte cose che conosce bene anche un collega (recentemente ingaggiato dal quotidiano di via Solferino) che nel suo blog si presenta così: «Sono Ferruccio Pinotti, sono un giornalista d’inchiesta autore di numerosi libri di indagine su temi scomodi, come Comunione e Liberazione, la Lobby di Dio». Temi scomodi, appunto. Chissà che scomodo mettere insieme un’inchiesta wikipediana e buttarla in Chiare Lettere proprio sotto l’urgere dell’assalto all’ultimo fortilizio berlusconiano. Coincidenza vuole che l’abstract del libello pinottiano capiti su Sette, magazine del Corriere della Sera, proprio alla vigilia del blitz che inguaia il circolo Ponzoni e al montare della richiesta di un alzo zero sulla giunta Formigoni. Per carità, le due vicende non vanno messe in relazione. Però qualcosa che ha a che vedere con l’aria che tira e, forse, con il suggerire una certa messa in riga, pure Dagospia lo sospetterebbe.

Sia quel che sia, è un fatto che dopo l’uscita di Sette, sul quotidiano Rcs arriva una bella paginata di intervista a don Julián Carrón. Per carità. È un garbato incalzare quello di Aldo Cazzullo. Ma sempre di lieve inquisizione si tratta («Cl è spesso accusata di contaminarsi troppo con il mondo, di dedicarsi molto – attraverso la Compagnia delle Opere – agli affari. Non si è esagerato? Non sono stati commessi errori? Cl a Milano è accusata di aver costruito un sistema di potere, che talora è degenerato in scandali. Cosa risponde? Pensa che Cl debba vigilare di più, per evitare di farsi usare? Qual è il suo giudizio su Formigoni e sulla sua lunga stagione di potere? E della stagione di Berlusconi cosa pensa? Cl non si è sbilanciata troppo in suo favore?»). Ma insomma, così è se vi pare. È il “giornalismo scomodo”. Il quale, essendo “scomodo” altro non serve che la verità così come viene distillata, nuda e cruda, da un avviso di garanzia o da un mattinale di polizia. Un avviso (o un mattinale) che solo in Italia sono già sentenze di condanna e marchi di infamia. Come scrisse il gallo di Repubblica che cantò per primo? «Non sono per niente coraggioso». Già, e come dargli torto? «Vivo nella bambagia e non l’ho mai nascosto». Ecco, non dimenticarlo mai, “giornalista scomodo”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. sewa laptop scrive:

    Only wanna remark that you have a very nice internet site , I the style it really stands out.

  2. Throughout this awesome scheme of things you actually receive a B- for effort. Exactly where you actually misplaced me was first in your facts. As as the maxim goes, details make or break the argument.. And that could not be more correct right here. Having said that, allow me inform you just what did deliver the results. Your article (parts of it) is definitely pretty engaging and that is probably the reason why I am taking an effort to opine. I do not make it a regular habit of doing that. Second, despite the fact that I can easily notice a leaps in reason you come up with, I am not necessarily convinced of exactly how you seem to unite your points that help to make your conclusion. For the moment I will, no doubt yield to your issue however wish in the foreseeable future you actually link the facts much better.

  3. Cedrick Mortin scrive:

    I simply want to tell you that I am just new to weblog and truly loved you’re web page. More than likely I’m planning to bookmark your blog post . You absolutely have superb well written articles. Thanks for sharing your website.

  4. paolo migliaro scrive:

    E’ inutile caro Amicone che ti scaldi tanto. Le parole non valgono a nulla, valgono le azioni e gli esempi mancati.

  5. Carlo Martinelli scrive:

    E, di grazia, quali sarebbero le azioni e gli esempi mancanti?
    Magari gli esempi fulgidi offerti da Penati, Vendola, Tedesco e giunta Pisapia, molto apprezzata da Rizzo, per esempio, per la sua capacità di non essere di parte?
    Ho il vivo desiderio di essere illuminato.

  6. pietro leone scrive:

    scriveva Antonio Rosmini: “Il perfettismo, cioè quel sistema che crede possibile il perfetto nelle cose umane, e che sacrifica i beni presenti alla immaginata futura perfezione, è effetto dell’ignoranza. Egli consiste in un baldanzoso pregiudizio, per quale si giudica dell’umana natura troppo favorevolmente, se ne giudica sopra una pura ipotesi, sopra un postulato che non si può concedere, e con mancanza assoluta di riflessione sui limiti naturali delle cose. ….. Ogni governo è composto di persone che, essendo uomini, sono tutte fallibili. …. L’utopia lungi dal felicitare gli uomini, scava l’abisso della miseria; lungi dal nobilitarli, gli ignobilita al par dei bruti; lungi dal pacificarli, introduce la guerra universale, sostituendo il fatto al diritto; lungi dall’eguagliar le ricchezze le accumula; lungi dal temperare il potere dei governi lo rende assolutissimo; lungi da aprire la concorrenza di tutti i beni, distrugge ogni concorrenza; comprime e schiaccia l’anima, rende impossibile ogni nobile tentativo,ogni magnanimità, e anzi la virtù stessa è bandita…. Sottoscrivo queste parole di Rosmini e mi sembrano molto vere in questo frangente della storia umana.

  7. karlocl scrive:

    la ringrazio per il lucido commento che condivido totalmente. La dottrina sociale della chiesa parla di politica e servizio al bene comune…in maniera totalmente opposta da come molti cattolici la vivono quotidianamente…Non si pretende la santità, ma un pò più di coerenza e sobrietà si…anche da lei Dottor Amicone nelle parole che usa…

  8. david scrive:

    Tempi (pardon: volevo dire l’R.F.FANCLUB) ancora una volta non ha il coraggio di spiegarci e poi contestare le accuse ad Antonio Simone e a Pierluigi Dacco’!!
    Si limita qui a ripubblicare nell’home-page alcuni vecchi articoli per la serie: “noi il complotto lo avevamo previsto”.
    E’ QUESTO SAREBBE IL GIORNALISMO FUORI DAL CORO?????? MA SMETTETELA DI DIFENDERE GLI INDIFENDIBILI!!! E CERCATE SEMPRE LA VERITA’, ANCHE SE PUO’ FAR MALE!!!!!!!!!!

  9. mules scrive:

    E’ proprio come dice lei Direttore. Se rubi soldi soldi al partito (e magari lo ammetti pubblicamente) rimani a piede libero (e giustamente il carcere preventivo non servirebbe a nulla) , ma se sei di destra, magari berlusconiano o addirittura di Cl (peccato mortale) , e fai politica o il libero professionista (magari bravo e che riesce o che magari puoi anche aver sbagliato) allora sei sporco dentro e dai fastidio. A questo punto per te non esiste presunzione di innocenza, la condanna è immediata (le troike si sprecano), ti possono sbattere dritto in galera (giudici e giornalisti), buttano via la chiave e distruggono te, la tua famiglia e tutto ciò che ha a che fare con te, meglio se è la Chiesa così un bella mazzata pure a lei. Ci si straccia le vesti per quello che l’India sta facendo ai marò ma in italia è anche peggio, solo che nessuno lo dice. Meglio andare via da questa dittatura “giornalistico”-giudiziaria.

  10. JP scrive:

    Invece di gridare al complotto perchè non entrate nel merito delle accuse fatte agli amici di Formigoni, almeno per confutarle o smentirle…. perchè, per esempio, dobbiamo sapere dall’Espresso o dal Fatto Quotidiano che l’amico di Formigoni Perego è stato condannato in primo grado per falsa testimonianza (cioè per aver mentito ai giudici) su una faccenda di conti esteri?
    Cercate la verità o vendete un messaggio?

  11. matmel scrive:

    Cosa|
    “Tutti gli affari, poi, venivano pianificati nello studio di Daccò in via Bandello 20 a Milano, ma anche in corso Sempione nella redazione del settimanale Tempi.”( Il Fatto Quotidiano.it )
    È giornalismo scomodo o serva informazione?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana