Google+

Paritarie nel «limbo». Contributi statali bloccati, tante scuole si indebitano con le banche

luglio 16, 2016 Elisabetta Longo

Il ritardo è dovuto al ricorso dell’Aninsei, che ha bloccato lo stanziamento dei fondi in attesa del giudizio della Corte dei Conti. Intervista all’esperta suor Anna Monia Alfieri: «Stipendi di agosto a rischio»

scuola-cattolica-shutterstock_529646

I contributi alle scuole paritarie arriveranno con estremo ritardo anche quest’anno. Il ministero dell’Istruzione ha dato il via libera a fine maggio per la distribuzione dei fondi ma una sentenza sta bloccando tutto. L’Aninsei (l’Associazione nazionale degli istituti non statali di educazione e istruzione, facente parte di Confindustria) ha fatto ricorso al Consiglio di Stato per ottenere i fondi statali prima dei termini prestabiliti.

IL RISCHIO «LIMBO». Di norma, infatti, i fondi statali vengono elargiti prima alle scuole non profit e poi alle scuole for profit, come spiega a tempi.it suor Anna Monia Alfieri, esperta di politiche scolastiche e legale responsabile dell’istituto di cultura e di lingue marcelline a Milano: «Il ricorso dell’Aninsei è stato accolto, ora spetta alla Corte dei Conti decidere cosa fare. Solitamente l’organo impiega un mese per emettere una decisione, io temo che con la coincidenza dei mesi estivi questo tempo verrà ulteriormente dilatato. Ho paura che la Corte dei Conti deciderà tra parecchio tempo e che le scuole paritarie rimarranno nel limbo, in attesa di sapere che fine faranno i contributi tanto agognati».

RICORSO AI PRESTITI. L’Aninsei aveva tutto il diritto di fare un ricorso, ma secondo suor Anna Monia le conseguenze di questo gesto sono imprevedibili: «Le scuole paritarie devono riuscire a tenere duro anche questa volta. Mi scrivono tanti dirigenti scolastici, da varie parti d’Italia, raccontando le difficoltà di un’estate passata ad aspettare i contributi statali. Ci sono scuole che devono chiedere prestiti a istituti bancari per poter sperare di vedere l’inizio del prossimo anno scolastico. Ma che ne sarà di quelle piccole scuole paritarie di montagna, dove rappresentano l’unico appiglio educativo e le famiglie non hanno alternativa? Ci pensi bene lo Stato, ci pensi bene il premier Matteo Renzi, al quale ho scritto più volte, senza mai ottenere una risposta».

STIPENDI NON PAGATI. Le scuole paritarie devono ricevere ancora i fondi per l’anno scolastico 2015-16, ma ci sono istituti che stanno aspettando anche quelli del 2014-15: «La prima conseguenza, temo, è che non verranno pagati gli stipendi di agosto ai docenti, già di per sé sottopagati rispetto ai docenti statali. Si sommano così ingiustizie ad ingiustizie, che poi si ripercuoteranno anche sugli allievi delle scuole stesse, qualora fosse necessario chiudere per problemi finanziari. Quando una scuola paritaria chiude viene meno un pezzetto di libertà culturale. Ma questo alle parti politiche sembra non interessare, così come non interessa rispettare il diritto delle famiglie di decidere in che tipo di istituto iscrivere i propri figli. Il premier Renzi si dimentica volontariamente quanto le scuole paritarie fanno risparmiare allo Stato italiano, occupandosi dell’educazione di tantissimi ragazzi».

Foto scuola da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Menelik scrive:

    Italiani, votate ancora la sinistra camuffata da democratica, o il movimento 5 stelle camuffati da paladini dell’onestà !!
    E questo è ancora poco, quello che tutti quei farabutti vogliono e pochissimi di loro dicono apertamente, è arrivare a chiuderle le scuole.
    Non possono farlo per legge, allora ci provano tagliando i soldi.

    Renzi boia scaut, Renzi cattolico……RENZI GIUDA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. giurillo scrive:

    Ma quali stipendi di agosto a rischio?
    La maggior parte dei docenti delle private è licenziata a fine giugno e riassunta a settembre, sempre che nel frattempo non risulti omosessuale.
    Che state a dire?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana