Google+

Parigi, oggi il convegno per l’abolizione universale dell’utero in affitto

febbraio 2, 2016 Leone Grotti

L’assise per «denunciare l’utilizzo degli esseri umani il cui valore intrinseco è cancellato a favore del valore d’uso o del valore di scambio»

«Abolizione universale della maternità surrogata». È questo l’obiettivo dell’assise che si terrà oggi pomeriggio all’Assemblea nazionale di Parigi. L’iniziativa internazionale, che mira a porre fine al supermarket planetario della vita nascente, durerà tre ore e interverranno intellettuali, politici, femministe, attivisti e studiosi.

GLI ORGANIZZATORI. L’incontro per fare pressione su tutti gli Stati affinché aboliscano l’utero in affitto è stato organizzato da tre sigle: Cdac (Collettivo diritti delle donne, guidato da Maya Surduts e Nora Tenenbaum), Clf (Coordinamento lesbiche francese, presieduto da Jocelyne Fildard e Catherine Morin Le Sech) e Corp (Collettivo per il rispetto delle persone).

«MERCATO DELLA MATERNITÀ». Quest’ultimo è capitanato da Sylviane Agacinski, vera anima dell’operazione, filosofa femminista e moglie dell’ex primo ministro socialista Lionel Jospin. L’autrice di Corps en miettes («Corpi sbriciolati», Flammarion), ha accusato i media che «si sono smarriti volendo vedere [nell’utero in affitto] un presunto progresso. Hanno parlato molto della felicità delle coppie che vogliono un bambino a ogni costo, al punto che si è radicata l’idea che esista un diritto al figlio, indipendentemente dai mezzi per farlo nascere. Nonostante questa propaganda, si comincia a comprendere, grazie a numerosi documentari, la violenza che rappresenta, per le donne, l’ingresso della maternità su questo mercato».

DA ROMA A PARIGI. Oltre a lei e alle altre due promotrici, Eva Maria Bachinger, scrittrice austriaca, e Kajsa Ekis Elman, giornalista svedese, ci sarà anche Jennifer Lahl, attivista americana e prima persona ad aver proposto nel maggio dell’anno scorso una petizione globale contro l’utero in affitto (“Stop Surrogacy Now”). Lahl arriva a Parigi direttamente da Roma, dove ha partecipato al Family Daydel 30 gennaio contro la legge sulle unioni civili.

CARTA DA FIRMARE. Al termine del convegno, ci sarà la firma della Carta per l’abolizione universale della maternità surrogata. Essa denuncia «l’utilizzo degli esseri umani il cui valore intrinseco e la cui dignità sono cancellati a favore del valore d’uso o del valore di scambio», rifiuta «la mercificazione del corpo delle donne e dei bambini», chiede a tutti i paesi del mondo di «rispettare le convenzioni internazionali per la protezione dei diritti umani e del bambino» e «di opporsi fermamente a tutte le forme di legalizzazione della maternità surrogata sul piano nazionale e internazionale». Infine, promuove «la redazione, l’adozione e l’efficace messa in pratica di una convenzione internazionale per l’abolizione della maternità surrogata». Tutti possono già firmare la carta sul sito dell’Assise.

INDUSTRIA DELLA PROCREAZIONE. La speranza è che dal convegno nasca un movimento in grado di fare pressione sia sui governi che sull’industria della procreazione. In Belgio, ad esempio, la protesta dell’associazione L’Action pour les familles ha costretto l’azienda Baby Bloom a cancellare una grande fiera sulla compravendita dei bambini, aperta a coppie omosessuali, che doveva tenersi a fine gennaio a Bruxelles. L’azienda prometteva una «vasta gamma di madri surrogate» e «garantiva il successo al 100%».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. Luca P. scrive:

    Femministe, socialisti, un’associazione di lesbiche francesi … promotori dell’Abolizione universale della maternità surrogata ???
    Certo che senza la presenza di movimenti cattolici e famiglie normali, per la “intellighenzia” italiana sarà difficile questa volta parlare di Cristiani oscurantisti, di ritorno al Medioevo, di oscure forze papali !!

  2. Sergio scrive:

    Dite agli organizzatori di scrivere il modulo anche in Italiano o almeno inglese!

  3. Antonio scrive:

    Questa è una battaglia che si può condividere e che, guarda caso, viene dichiarata in francia senza mettere in discussione il riconoscimento dei diritti delle coppie omosessuali. Sono due cose diverse e tali dovrebbero restare se si è in buona fede

  4. Sgarrubba scrive:

    argomento troppo concreto per i trolls?

  5. Alessandra Giambitto scrive:

    Ho firmato la Carta di Parigi contro la GPA (gestazione per altri). Ritengo che il corpo umano non dovrebbe essere commerciabile. Ravviso l ovvio ricorso alla GPA da parte di coppie omosessuali specie maschili, dopo l’ approvazione del DDL Cirinna’ che porta alla piena equiparazione delle unioni omosessuali al matrimonio, anzi introduce già il diritto d’ adozione. Si ripete che il GPA è vietato in Italia, ma i media continuano a proporre il caso di un giudice omosessuale che dichiara continuamente di aver comprato un bimbo da GPA in America, e non mi pare che abbia subito il carcere o altre pene x questo crimine, altri casi sono continuamente esibiti da tutti i media.

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Quando un’azienda si permette di dire che la sua forza risiede nell’inventare quello che non esiste ancora e riconsiderare e ridefinire quello che esiste già, i casi sono due: o se la tira o fa molto sul serio e, oggi che la specializzazione nel mondo della MTB è massima, quando un brand mette in campo […]

L'articolo Le nuove gomme Michelin per XC e All Mountain proviene da RED Live.

“Quelle foto lì le facevo alla Bellucci”. Così, spuntando dal nulla, si è rivolto a noi uno strano personaggio sulla settantina, capello mosso bianco e lungo, stile Maurizio Vandelli, nell’incantevole borgo di San Leo, mentre lo staff di RED riprendeva le nostre imponenti americane nel bel mezzo della piazza principale. Non siamo nemmeno riusciti a […]

L'articolo Harley-Davidson, in viaggio lungo la Linea Gotica proviene da RED Live.

Come sarà l’auto del futuro? Davanti a questa domanda non tutti hanno le idee ugualmente chiare ma quelli di Mercedes sono pronti a rispondere senza la minima esitazione, neanche sapessero fare l’oroscopo al mondo automotive osservando proprio la Stella a tre punte. La loro visione ha quattro capisaldi, sintetizzati dalla sigla C.A.S.E.: secondo i vertici […]

L'articolo Mercedes CASE: il futuro parte dalla connettività proviene da RED Live.

Quello di Bridgestone nel mondo olimpico è un viaggio lungo un decennio. La sua partnership con il Comitato Olimpico Internazionale (CIO), annunciata a Tokyo 2014, si prolungherà infatti fino ai Giochi del 2014, passando per le Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018, i Giochi Olimpici di Tokyo 2020, le Olimpiadi invernali a Pechino 2022. Un percorso che il marchio nipponico, produttore […]

L'articolo Bridgestone sogna insieme agli atleti olimpici proviene da RED Live.

È una ribelle per tradizione. In un mondo dove tutto viene racchiuso e catalogato entro rigidi schemi, la nuova Suzuki Swift non tradisce lo spirito del precedente modello e scardina, ancora una volta, l’esistente. Non è infatti una city car, dato che con una lunghezza di 3,84 metri risulta più grande rispetto a una Fiat […]

L'articolo Prova Suzuki Swift 1.0 BoosterJet SHVS proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana