Google+

Papa Francesco: «I figli sono un dono. Una società senza figli è depressa»

febbraio 11, 2015 Redazione

«Se una famiglia generosa di figli viene guardata come se fosse un peso, c’è qualcosa che non va!». Le parole del Pontefice all’Udienza generale

papa-francesco-shutterstock_164173436Papa Francesco alle ultime Udienze generali aveva focalizzato la sua attenzione sulle figure del padre; oggi ha parlato dei figli. Citando Isaia, il Pontefice ha detto che «c’è uno stretto legame fra la speranza di un popolo e l’armonia fra le generazioni». «La gioia dei figli – ha proseguito – fa palpitare i cuori dei genitori e riapre il futuro. I figli sono la gioia della famiglia e della società. Non sono un problema di biologia riproduttiva, né uno dei tanti modi di realizzarsi. E tanto meno sono un possesso dei genitori. No, i figli sono un dono. Ciascuno è unico e irripetibile e, al tempo stesso, inconfondibilmente legato alle sue radici. Essere figlio e figlia, infatti, secondo il disegno di Dio, significa portare in sé la memoria e la speranza di un amore che ha realizzato se stesso proprio accendendo la vita di un altro essere umano, originale e nuovo».

ESSERE AMATI PRIMA. Papa Bergoglio ha poi raccontato un aneddoto personale, ricordando quando alla madre chiedevano quale fosse il suo preferito tra i cinque figli. E lei rispondeva: «Io ho cinque figli, come cinque dita. Se mi picchiano questo mi fa male; se mi picchiano questo mi fa male. Mi fanno male tutti e cinque. Tutti sono i miei, ma tutti differenti come le dita di una mano». E «così è la famiglia!», ha esclamato il Pontefice che ha evidenziato come ogni genitore ama ogni figlio perché «è suo figlio: non perché sia bello o la pensi come me o incarni i miei desideri. Un figlio è un figlio: una vita generata da noi ma destinata a lui, al suo bene, al bene della famiglia, della società, dell’umanità intera. Di qui viene anche la profondità dell’esperienza umana dell’essere figlio e figlia, che ci permette di scoprire la dimensione più gratuita dell’amore, che non finisce mai di stupirci. È la bellezza di essere amati prima: i figli sono amati prima che arrivino. Quante volte trovo le mamme che mi fanno vedere la pancia e mi chiedono la benedizione… perché sono amati questi bimbi prima di venire al mondo. E questa è gratuità, questo è amore; sono amati prima, come l’amore di Dio che ci ama sempre prima. Sono amati prima di aver fatto qualsiasi cosa per meritarlo, prima di saper parlare o pensare, addirittura prima di venire al mondo! Essere figli è la condizione fondamentale per conoscere l’amore di Dio, che è la fonte ultima di questo autentico miracolo. Nell’anima di ogni figlio, per quanto vulnerabile, Dio pone il sigillo di questo amore, che è alla base della sua dignità personale, una dignità che niente e nessuno potrà distruggere».

ONORA PADRE E MADRE. Oggi è il tempo dell’incertezza. Sembra più complicato immaginare il futuro dei figli e «i padri hanno forse fatto un passo indietro e i figli sono diventati più incerti nel fare i loro passi avanti». Ma esiste un modello, un esempio, cui tutti possiamo tendere, ha detto il Papa: «Possiamo imparare il buon rapporto fra le generazioni dal nostro Padre celeste, che lascia libero ciascuno di noi ma non ci lascia mai soli. E se sbagliamo, Lui continua a seguirci con pazienza senza diminuire il suo amore per noi. I figli, da parte loro, non devono aver paura dell’impegno di costruire un mondo nuovo: è giusto per loro desiderare che sia migliore di quello che hanno ricevuto!». Il quarto comandamento, ad esempio, «chiede ai figli – e tutti lo siamo! – di onorare il padre e la madre. Questo comandamento viene subito dopo quelli che riguardano Dio stesso. Infatti contiene qualcosa di sacro, qualcosa di divino, qualcosa che sta alla radice di ogni altro genere di rispetto fra gli uomini. E nella formulazione biblica del quarto comandamento si aggiunge: “Onora tuo padre e tua madre perché si prolunghino i tuoi giorni nel paese che il Signore tuo Dio ti dà”. Il legame virtuoso tra le generazioni è garanzia di futuro, ed è garanzia di una storia davvero umana. Una società di figli che non onorano i genitori è una società senza onore».

UNA SOCIETA’ DEPRESSA. «Anche una società avara di generazioni, che non ama circondarsi di figli, che li considera soprattutto una preoccupazione, un peso, un rischio, è una società depressa», ha detto Francesco. «Pensiamo a tante società che conosciamo qui in Europa: sono società depresse, perché non vogliono i figli, non hanno i figli, il livello di nascita non arriva all’uno per cento. Perché? Se una famiglia generosa di figli viene guardata come se fosse un peso, c’è qualcosa che non va! La generazione dei figli dev’essere responsabile, come insegna anche l’Enciclica Humanae vitae del beato Papa Paolo VI, ma avere più figli non può diventare automaticamente una scelta irresponsabile. In più, non avere figli è una scelta egoistica. La vita ringiovanisce e acquista energie moltiplicandosi: si arricchisce, non si impoverisce! I figli imparano a farsi carico della loro famiglia, maturano nella condivisione dei suoi sacrifici, crescono nell’apprezzamento dei suoi doni. L’esperienza lieta della fraternità anima il rispetto e la cura dei genitori, ai quali è dovuta la nostra riconoscenza. Gesù, il Figlio eterno, reso figlio nel tempo, ci aiuti a trovare la strada di una nuova irradiazione di questa esperienza umana così semplice e così grande che è l’essere figli. Nel moltiplicarsi della generazione c’è un mistero di arricchimento della vita di tutti, che viene da Dio stesso. Dobbiamo riscoprirlo, sfidando il pregiudizio; e viverlo, nella fede, in perfetta letizia. E vi dico: quanto è bello quando io passo fra di voi e vedo i papà e le mamme che alzano i loro figli per essere benedetti; ma questo è un gesto quasi divino. Grazie per farlo».

Foto papa Francesco da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Piero scrive:

    Ma come la mettiamo con la “lavata di capo” a quella signora che aspettava l’ottavo figlio?

    • Kan63 scrive:

      …montatura mediatica (purtroppo la schiettezza e la semplicità di questo Papa lo espone spesso).
      Il Papa ha richiamto una signora che aveva avuto sette figli con sette cesarei a stare attenta (“non vorrà lasciare orfani sette figli”). Mi sembra la raccomandazione più naturale e ovvia che una persona di buon senso (senza neanche essere il Papa) possa dare in questo caso, la paternità (maternità) responsabile é anche questo (stesso caso per il dicorso dei “conigli” per togliere un altro malizioso malinteso).

      • Piero scrive:

        E che doveva fare la povera signora? Dire “No il cesareo non me lo fate”?
        E’ assurdo questo richiamo al cesareo. E allora? A che cosa doveva stare attenta?

  2. Alessandro92 scrive:

    Mica ci sono solo i preservativi! Mai sentito parlare del “coito interrotto”? È il modo più semplice e soprattutto gratuito a differenza dei preservativi dietro cui c’è qualcuno che ci guadagna.
    Ma poi se il tasso di fertilità è sceso a livelli insostenibili bisogna solo ringraziare quegli uomini e donne coraggiose che mettono al mondo i figli anche per quelli che pur potendo preferiscono non avere figli.
    La frase del papa, come già successo, è stata decontestualizzata è ripresa per i propri scopi

  3. yoyo scrive:

    A Filomeno se non è artificiale non piace.

  4. Piero scrive:

    Quindi alla fine il consiglio rimane “non figliate come conigli”, come prima… Ho capito.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Traffico in tilt”, “Caos viabilità”, “Bus e tram a singhiozzo”, “Allarme smog e traffico record” sono solo alcuni esempi di titoli che puntualmente leggiamo sui vari canali di informazione e di situazioni che ci troviamo ad affrontare quasi ogni giorno. Ciò si verifica anche nella Capitale, dove la viabilità è una questione tra le più complesse a livello europeo […]

L'articolo Lo scooter “al minuto” eCooltra sulle strade della Capitale proviene da RED Live.

Tempo di restyling per una delle vetture meno convenzionali – almeno esteticamente – degli ultimi anni. In occasione del Salone di Shangai, la crossover Lexus NX beneficia di un lifting di dettaglio cui si accompagnano affinamenti a livello tecnico volti a incrementare il comfort dei passeggeri e a rendere più dinamico il comportamento della vettura. […]

L'articolo Lexus NX: il restyling è sportivo proviene da RED Live.

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

Vi abbiamo già parlato del legame (inconsueto) che c’è tra l’ibericissima Seat e l’italianissima Ducati (entrambe con un tedeschissimo proprietario). Un po’ come se lo Jamon Serrano si gemellasse con il Prosciutto di Parma. L’accordo di collaborazione Seat-Ducati una delle tappe nella consegna di una Leon Cupra nuova fiammante ai piloti Ducati Dovizioso e Lorenzo. Nonostante un […]

L'articolo Un Leon di pilota, Dovizioso va in CUPRA proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana