Google+

Pakistan, due cristiani condannati a morte per un sms “blasfemo”. Ma sono analfabeti

febbraio 24, 2016 Benedetta Frigerio

Marito e moglie sono stati processati in carcere senza prove. L’uomo è disabile e in gravi condizioni di salute. Appello degli avvocati alla Corte suprema di Lahore

pakistan-blasfemia-cristianiIn Pakistan due cristiani, marito e moglie, sono stati accusati ingiustamente di blasfemia e condannati a morte. Lui si chiama Shafqat Emmanuel, lei Shagufta Kausar. A denunciare la coppia, residente a Gojra, nella regione del Punjab, è stato nel 2013 l’imam locale, Maulvi Mohammed Hussain, secondo il quale l’uomo gli avrebbe inviato un sms contro Maometto utilizzando il cellulare della moglie.

LA CONFESSIONE. Shafqat Emmanuel, paralizzato dalla vita in giù, aveva inizialmente confermato l’accusa a proprio carico, nonostante sia analfabeta (e dunque incapace di scrivere sms. Successivamente, però, ha spiegato che la confessione gli era stata estorta con la minaccia: «Nessun uomo può sopportare di vedere sua moglie torturata dalla polizia, perciò, per salvare mia moglie, ho confessato», ha detto.

TELEFONO RUBATO. I coniugi sono stati arrestati e condannati a morte nonostante un’altra stranezza della vicenda: secondo i loro difensori, il cellulare “implicato” nel presunto reato di blasfemia era stato rubato mesi prima del fatto, e la sim card di Shagufta Kausar presentata dall’accusa sarebbe falsa.
Adesso gli avvocati, date le condizioni fisiche preoccupanti di Emmanuel, hanno fatto ricorso alla Corte suprema di Lahore, che dovrebbe pronunciarsi sul caso il 5 marzo. La mancanza di cure avrebbe causato al cristiano imprigionato l’insorgere di piaghe da decubito e la sua salute è deperita al punto da mettere in pericolo la sua vita.

ABUSI “LEGALIZZATI”. La legge sulla blasfemia del Pakistan è stata spesso criticata dalle associazioni e dai politici che si battono per la libertà religiosa nel paese. Non solo perché prevede il carcere a vita e la pena di morte per reati dai confini molto labili e facilmente utilizzabili come arma contro le minoranze (si veda, su tutti, il caso di Asia Bibi), ma anche perché viene spesso sfruttata per portare a termine vendette e risolvere questioni personali. Senza dimenticare che almeno sessanta persone sono state linciate e uccise prima che il loro caso fosse definitivamente chiuso da un processo, solo perché erano accusate di avere “offeso l’islam”.

UNA «SPERANZA». Tuttavia i diversi tentativi di modificare la legge non hanno avuto successo. Al contrario il ministro Shahbaz Bhatti è stato assassinato proprio per la sua battaglia contro queste norme. Due settimane fa, però, Muhammad Khan Sherani, presidente del “Consiglio dell’Ideologia Islamica”, uno degli enti religiosi più importanti del Pakistan, ha fatto ben sperare con la sua apertura a eventuali modifiche della legge. Una notizia accolta come «speranza» dal vescovo di Lahore Sebastian Shaw, il quale ha ricordato che «l’abuso della legge, utilizzato per altri scopi, fa male a molti pakistani, musulmani e cristiani, e a tutte le religioni, distruggendo ingiustamente le vite di molte persone innocenti».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Solite notizie dal Pakistanisis

  2. Ferruccio scrive:

    Niente paura il pakistan è un governo amico come l’arabia saudita. non abbiamo nulla da temere a patto di non essere cristiani…

    • Filippo81 scrive:

      Infatti Ferruccio,ad ogni modo gli islamisti in pakistan come in tutto il mondo puniscono anche le presunte intenzioni dei Cristiani.Non dico,comunque, cosa penso dei pakistani (con le dovute eccezioni )per non essere giustamente censurato dalla Redazione.

  3. geppo scrive:

    Se un tribunale “cattolico” avesse condannato a morte due musulmani per aver offeso Gesù Cristo, in Italia si scatenerebbe l’inferno, con la Boldrini in prima fila a stracciarsi le vesti.
    E invece da noi la Consulta (islamica) blocca arbitrariamente la sacrosanta legge regione lombarda sulle moschee.
    Siamo già sottomessi all’islam e non ce ne rendiamo conto.

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova generazione della compatta francese riprende alcuni elementi stilistici della crossover C4 Cactus e può contare su possibilità di personalizzazione sconosciute al vecchio modello. Balzo generazionale quanto a infotainment e dotazioni di sicurezza.

Sono passati 30 anni dalla prima vittoria alla Grande Boucle. Per festeggiare l'evento il brand francese lancia un'edizione limitata di 200 esemplari della sua punta di diamante e un concorso fotografico sui Social

Ispirata nel design alla 911, la seconda generazione della berlina sportiva tedesca cambia tanto nell’aspetto quanto nel layout dell’abitacolo e nella meccanica. Top di gamma la Turbo da 550 cv. Debuttano il cambio PDK a 8 marce e l’assale posteriore sterzante.

Nata per le competizioni, si è evoluta attraverso cinque generazioni e 30 anni sino a divenire una berlina dal fascino unico, ideale punto d’incontro di performance e stile. Ecco la storia della BMW M3.

L’edizione speciale della city car torinese, realizzata in collaborazione con i cantieri nautici Riva, può contare su di una ricca dotazione di serie e finiture pregiate in radica e pelle. Prezzi al lancio, sia per la versione chiusa sia per la cabrio, da 17.900 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana