Google+

Oh-oh ci sta cadendo un mito. Quanti guai per de Magistris

maggio 6, 2013 Redazione

Povero Luigino de Magistris, ultimamente non gliene va bene una. Partito per «scassare tutto», sta finendo scassato lui stesso

Povero Luigino de Magistris, ultimamente non gliene va bene una. Partito per «scassare tutto», sta finendo scassato lui stesso. L’ultima che gli è capitata è che è stato inserito nel registro degli indagati per le buche nelle strade di Napoli.

Ma secondo il sito dagospia, il prossimo futuro porterà altri guai. Da un lato, pare che la Corte dei Conti «ha messo nel mirino la recente assunzione di circa 300 maestre».
Dall’altro il sito di gossip cita «spifferi attendibilissimi», secondo cui «sarebbe stato chiuso il fascicolo sulle presunta presenza di camorristi nel corso della manifestazione contro l’amministrazione De Magistris dello scorso 10 aprile».

Durante quella manifestazione una folla di commercianti e cittadini si riversò in strada per protestare contro il sindaco i suoi piani di viabilità. Il primo cittadino, incautamente, disse che fra i partecipanti c’erano infiltrati della Camorra. Tempi.it verificò se tale pesante accusa avesse qualcosa di vero, registrando la reazione sgomenta di uno degli organizzatori, Lucio Mauro di Cittadinanzattiva («Se di questa accusa ha le prove faccia una denuncia alla Procura della repubblica, altrimenti stia attento a non commettere reati lui, come procurato allarme o diffamazione»).

Bene, secondo Dagospia «l’istruttoria sarebbe stata chiusa con un nulla di fatto: sarebbe stato documentalmente accertato che non ci sono state minacce ai commercianti né infiltrazioni della camorra nel corteo, con buona pace di chi continua a identificare qualunque protesta nei confronti di De Magistris con un complotto pluto-massonico-camorristico».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.