Google+

Obama per il matrimonio gay perché buon cristiano o per qualche milione di dollari?

maggio 15, 2012 Benedetta Frigerio

Il presidente si dice favorevole alle richieste del movimento Lgbt citando il Vangelo. Ma il motivo di tale “outing” è più prosaico. E riguarda i dollari necessari per affrontare la campagna elettorale.

Il presidente statunitense Barack Obama e sua moglie Michelle non mancano occasione di proclamarsi cristiani. Soprattutto in questo periodo lo ricordano spesso per giustificare il loro sostegno alle nozze omosessuali. Una novità anche per lo stesso Obama che, fino a qualche giorno fa, non si era mai spinto a equiparare l’unione omosessuale a quella eterosessuale.
Il presidente ha giustificato così il proprio ripensamento: «La mia posizione è frutto di una riflessione. Il Signore chiede di trattare il prossimo come se stessi». Per il Washington Post, però, la motivazione utilizzata non sarebbe così innocente. La strategia è semplice: utilizzare i riferimenti religiosi per compiacere e confondere l’elettorato cristiano e, al tempo stesso, intascare i fondi delle lobby gay, quanto mai necessari per affrontare la campagna elettorale. Il quotidiano ricorda che i più grandi donatori obamiani sono omosessuali e che uno dei più importanti, Chad Griffin, ha minacciato di ritirare il proprio sostegno se il presidente non avesse fatto “outing”.

L’amministrazione Obama, già quattro anni fa, aveva ottenuto il plauso dei ricchi donatori legati alle sigle Lgbt aprendo le porte dell’esercito agli omosessuali, alle lesbiche e ai bisessuali. Il presidente ha poi messo fine alla difesa legale del Doma (Defense of Merriage Act), lasciando agli Stati la possibilità di legalizzare il matrimonio omosessuale. E ha incluso nella Crime Hates Law la discriminazione per motivi sessuali, che può portare all’incriminazione di chi pensa che l’omosessualità sia una devianza. La Casa Bianca ha organizzato una giornata di sensibilizzazione sul tema del bullismo contro gli omosessuali e ben sei agenzie federali si sono impegnate per combatterlo.

Eppure, tanto impegno, non sembrava ancora soddisfare i rappresentanti delle sigle Lgbt, che, anzi, ultimamente, parevano aver raffreddato il proprio entusiasmo nei confronti del leader democratico. Se ne ha riprova, per converso, rileggendo le dichiarazioni festose di questi giorni seguenti le parole di Obama. Ethan Geto, consulente politico e attivista gay, ha esultato: «L’intensità dell’emozione e i risultati pratici in termini di supporto sono significativi, particolarmente il risultato relativo alla raccolta di fondi, che è impressionante». E se Obama in questi quattro anni ha lavorato in senso favorevole al mondo gay, l’entusiasmo di questi giorni è nuovo: «È profondamente diverso dal consenso del 2008», ha sottolineato Joan Garry, direttore della Gay and Lesbian Alliance Against Diffamation. Garry ha spiegato che l’appoggio del presidente al matrimonio omosessuale è un passo storico che trasformerà per sempre il suo rapporto con i supporter Lgbt: «Abbiamo raccolto tantissimi soldi in poco tempo. Conosco una persona che ha racimolato in sole 24 ore 10 mila dollari ed era una di quelle che, negli ultimi due anni, aveva criticato in continuazione Obama. Ho la sensazione che in questo momento si stiano strappando un’infinità di assegni». Solo 90 minuti dopo l’annuncio, Obama ha raccolto 1 milione di dollari. Ora circa un sesto dei donatori del presidente è omosessuale dichiarato. Tra quelli che hanno donato più di 500 mila dollari, sono saliti a nove gli esponenti del mondo Lgbt.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Cesare says:

    Il matrimonio naturale, per nostra tradizione e cultura, è universalmente inteso come il: “rapporto di convivenza dell’uomo e della donna in accordo con la prassi civile ed eventualmente religiosa, diretta a garantire la sussistenza morale, sociale e giuridica della famiglia” (Devoto Oli).
    Per i cristiani è di più: il matrimonio è l’unione dell’uomo e della donna che nell’amore coniugale si aprono alla vita. I figli, nati dal reciproco dono, sono espressione di continuità e finalità di quella volontà creatrice, di Dio, cui ha origine il mondo. Famiglia, cellula viva capace di creare e continuare la vita, fondamentale e insostituibile istituto della nostra civile società.
    Personalmente ritengo che ogni iniziativa atta a stravolgere la finalità del matrimonio è da ritenersi demenziale.
    Con tutto il rispetto per gli omosesuali, Obama per bisogno di popolarità con questa iniziativa sta cadendo in basso.

    • Alex Galvani says:

      oh certo, come no.
      c’è molto RISPETTO verso gli omosessuali, definendoli UN GRADINO PIU’ IN BASSO degli eterosessuali, vero? Meno male che la schiavitù era stata abolita…

  2. Adrian says:

    Quindi per te, Cesare, noi cristiani non crediamo che un matrimonio con uno o entrambi i coniugi sterli non sia un vero matrimonio? Gesù ha indicato nel matrimonio un legame di reciproca responsabilità fra i coiniugi e di fronte a Dio, basato sull’Amore, massimo comandamento di Cristo, che superava la concezione dell’Antico Testamento che si fondava sulla procreazione. Del resto Gesù si opponeva alla pratica ebraica del divorzio anche perché la donna non era solo un contenitore da inseminare.

    È triste che la gente abbia dimenticato come Gesù fosse stata una figura che ha sconvolto i luogo comuni del suo periodo. La tradizione e la cultura cambiano e si evolvono nella Storia. Lo stesso cristianesimo si è modificato nei secoli.

  3. Alex Galvani says:

    Gentile (e poco onesta) signora Frigerio,
    rieccola a scrivere bugie come al solito. E anche a nascondere le notizie che mostrerebbero la sua malafede.
    vediamo la prima: “[Obama] ha incluso nella Crime Hates Law la discriminazione per motivi sessuali, che può portare all’incriminazione di chi pensa che l’omosessualità sia una devianza”.
    E’ COMPLETAMENTE FALSO.
    si tratta di un’aggravante per HATE CRIMES, cioè per CRIMINI D’ODIO (spiacente di constatare che lei non sappia leggere l’inglese). Si tratta delle aggravanti per le AGGRESSIONI, gli STUPRI, gli OMICIDI contro le persone omosessuali, così come VOI CATTOLICIi avete la stessa aggravante a proteggervi se qualcuno compie un reato a sfondo religioso. Lo sa che a mentire, lei fa un pessimo servizio ai suoi lettori? Perchè per esempio, per scrivere questa MENZOGNA dell’incriminazione per le idee, ha dovuto poi NASCONDERE persino una notizia a suo favore, che IO che invece sono onesto posso scrivere, cioè che i HATE CRIMES per motivi religiosi sono in aumento, negli Usa (dove vivo), come quelli contro i gay. E per questo questa legge offre un ottimo strumento all’FBI per proteggere tutti. Ma si, sai, ci sono vite umane più umane e altre meno, per quelli come lei.
    Infine le ricordo che non solo Obama ma persino molti leaders cristiani americani e nord-europei appoggiano i matrimoni gay, a partire dalla loro confessione religiosa. E che i donatori delle campagne elettorali di Obama, ora che è pro-gay, sono soprattutto bianchi eterosessuali (se 1 su 6 è gay, 5 su 6 sono etero) e afro-americani, che da eterosessuali neri, hanno appoggiato la presa di posizione di Obama.
    Com’è differente la fotografia finale della realtà, quando non si mente eh?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.