Google+

Non solo gay e lesbiche. Il mondo nuovo del gender non convenzionale si chiama LGBTQIIAA

gennaio 10, 2013 Redazione

Queers, intersex, eccetera. Si allungano gli acronimi inventati dalle giovani avanguardie della liberazione sessuale. Ma più di quattro, per un acronimo, sono troppe, anche per una lesbica

La voglia di inclusività non conosce limiti. Nemmeno l’estetica o il buon gusto riescono a contenere la proliferazione di acronimi che le nuove categorie di generi, identità, orientamenti sessuali, che tanto entusiasma le giovani avanguardie del movimento di liberazione sessuale. Più lettere per tutti, dunque: dall’acronimo LGBT al LGBTQIIAA. Ne parla il New York Times, che prova a tracciare  sull’evoluzione delle questioni di genere fra i giovani americani.

DA LGBT A LGBTQIIAA. Non ci sono soltanto lesbiche, gay, bisessuali-bigender, transessuali-transgender. Il nuovo che avanza si fa chiamare LGBTQIIAA. «I giovani di oggi non si sentono definiti dai LGBT», ha dichiarato Shane Windmeyer, uno dei fondatori di Pride Campus, un gruppo nazionale di difesa degli studenti “diversi”. Così in università e sui social-media, nascono i nuovi acronimi. LGBTQIA e LGBTQIIA, per esempio, dove  “Q” significa sia “questions” sia “queer” (travestiti), “I” per “intersex”, persone che  hanno anatomia sia maschile che femminile, e “A” per “alleato” (amico della causa di liberazione sessuale) o “asessuato” (persona definita dalla mancanza di attrazione sessuale).

LE UNIVERSITÀ  SI APRONO.  A chi è riuscito a liberarsi dal regime binario dell’eterossessualità egemonica, qualche università americana offre servizi sempre più specifici, che non si sottraggono dall’uso dei nuovi acronimi. L’Università del Missouri, Kansas City, per esempio, ha un LGBTQIA Resource Center,  che, tra le altre cose, aiuta gli studenti a trovare servizi igienici “gender-neutral”. Al Vassar College si trovano molti gruppi di discussione sui LBGTQIA e la Lehigh University ospiterà la sua seconda edizione della conferenza intercollegiale LGBTQIA. L’Amherst College ha un centro LGBTQQIAA, dove ogni genere può ricevere la propria lettera dell’alfabeto. Inoltre, secondo New York Times e Pride Campus, «almeno 203 campus consentono agli studenti transgender di ottenere una stanza del proprio genere elettivo». «Quarantanove danno il permesso di cambiare il proprio nome e il proprio sesso nel curriculum universitario, 57 offrono una copertura finanziaria per la terapia ormonale».

NON-CISGENDER. Cisgender significa aderente al proprio genere. Non-cisgender, quindi, si adatterebbe a una folta platea di persone che non vi si riconoscono. Ma non si applica a Kate Campbell, una giovane appartente alle avanguardie, che ritiene la propria identità sessuale alla stregua di un blob amorfo. Si definirebbe agender o bigender, dunque, e non potrebbe far parte della definizione non-cisgender. Essere bi-genere, spiega un altro studente, è «come avere un pene staccabile». Dipende dal giorno. Ogni tanto ci si sveglia pensando di essere un maschio, ogni tanto una femmina.

ACRONIMI CACOFONICI. In un corso di scrittura creativa alla PENN University, la professoressa e giornalista Gail Shister, una lesbica, ha criticato alcuni studenti per l’utilizzo dei vari acronimi. Gli studenti hanno protestato: non capisci l’idea (inclusività assoluta). Ma per Shister, che pure condivide gli ideali del nuovo movimento di liberazione sessuale, che non si limita a trasgredire la Legge del Fallo, ma aspira alla sua abolizione, questi acronimi di cinque, sei lettere, sono semplicemente brutti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. ErikaT says:

    La società si evolve sempre di più e di conseguenza anche la libertà di essere se stessi, o forse a qualcuno piace la repressione?

  2. cirillo says:

    Ridicoli,semplicemente ridicoli..

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi