Google+

Non solo gay e lesbiche. Il mondo nuovo del gender non convenzionale si chiama LGBTQIIAA

gennaio 10, 2013 Redazione

Queers, intersex, eccetera. Si allungano gli acronimi inventati dalle giovani avanguardie della liberazione sessuale. Ma più di quattro, per un acronimo, sono troppe, anche per una lesbica

La voglia di inclusività non conosce limiti. Nemmeno l’estetica o il buon gusto riescono a contenere la proliferazione di acronimi che le nuove categorie di generi, identità, orientamenti sessuali, che tanto entusiasma le giovani avanguardie del movimento di liberazione sessuale. Più lettere per tutti, dunque: dall’acronimo LGBT al LGBTQIIAA. Ne parla il New York Times, che prova a tracciare  sull’evoluzione delle questioni di genere fra i giovani americani.

DA LGBT A LGBTQIIAA. Non ci sono soltanto lesbiche, gay, bisessuali-bigender, transessuali-transgender. Il nuovo che avanza si fa chiamare LGBTQIIAA. «I giovani di oggi non si sentono definiti dai LGBT», ha dichiarato Shane Windmeyer, uno dei fondatori di Pride Campus, un gruppo nazionale di difesa degli studenti “diversi”. Così in università e sui social-media, nascono i nuovi acronimi. LGBTQIA e LGBTQIIA, per esempio, dove  “Q” significa sia “questions” sia “queer” (travestiti), “I” per “intersex”, persone che  hanno anatomia sia maschile che femminile, e “A” per “alleato” (amico della causa di liberazione sessuale) o “asessuato” (persona definita dalla mancanza di attrazione sessuale).

LE UNIVERSITÀ  SI APRONO.  A chi è riuscito a liberarsi dal regime binario dell’eterossessualità egemonica, qualche università americana offre servizi sempre più specifici, che non si sottraggono dall’uso dei nuovi acronimi. L’Università del Missouri, Kansas City, per esempio, ha un LGBTQIA Resource Center,  che, tra le altre cose, aiuta gli studenti a trovare servizi igienici “gender-neutral”. Al Vassar College si trovano molti gruppi di discussione sui LBGTQIA e la Lehigh University ospiterà la sua seconda edizione della conferenza intercollegiale LGBTQIA. L’Amherst College ha un centro LGBTQQIAA, dove ogni genere può ricevere la propria lettera dell’alfabeto. Inoltre, secondo New York Times e Pride Campus, «almeno 203 campus consentono agli studenti transgender di ottenere una stanza del proprio genere elettivo». «Quarantanove danno il permesso di cambiare il proprio nome e il proprio sesso nel curriculum universitario, 57 offrono una copertura finanziaria per la terapia ormonale».

NON-CISGENDER. Cisgender significa aderente al proprio genere. Non-cisgender, quindi, si adatterebbe a una folta platea di persone che non vi si riconoscono. Ma non si applica a Kate Campbell, una giovane appartente alle avanguardie, che ritiene la propria identità sessuale alla stregua di un blob amorfo. Si definirebbe agender o bigender, dunque, e non potrebbe far parte della definizione non-cisgender. Essere bi-genere, spiega un altro studente, è «come avere un pene staccabile». Dipende dal giorno. Ogni tanto ci si sveglia pensando di essere un maschio, ogni tanto una femmina.

ACRONIMI CACOFONICI. In un corso di scrittura creativa alla PENN University, la professoressa e giornalista Gail Shister, una lesbica, ha criticato alcuni studenti per l’utilizzo dei vari acronimi. Gli studenti hanno protestato: non capisci l’idea (inclusività assoluta). Ma per Shister, che pure condivide gli ideali del nuovo movimento di liberazione sessuale, che non si limita a trasgredire la Legge del Fallo, ma aspira alla sua abolizione, questi acronimi di cinque, sei lettere, sono semplicemente brutti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. ErikaT scrive:

    La società si evolve sempre di più e di conseguenza anche la libertà di essere se stessi, o forse a qualcuno piace la repressione?

  2. cirillo scrive:

    Ridicoli,semplicemente ridicoli..

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana